Visualizzazione post con etichetta Ricette senza lattosio. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Ricette senza lattosio. Mostra tutti i post

7 novembre 2014

Crazy Cake alle mele ovvero il ritorno della Torta matta

 


 
(Accendete le casse del pc)


Avete presente le matrioske?
Il grande che nasconde il piccolo.

E tu sei li, ad aprire, ammirare, incuriosirti.

Adoro la storia.
Il grande.
L'evento macro.
Ma adoro trovare la sfumatura ,l'evento magari piccino, inserito in un contesto più grande di sé.

La Crazy Cake ne è un esempio.
E' la necessità di trovare un po' di normalità in un mondo sconvolto dalla guerra e dalle ristrettezze.
E' l'invenzione della donna che non rinuncia a coccolare i suoi cari, ingegnandosi con quello che ha in casa.

La storia piccina, la piccola sfumatura è anche il rapporto della donna con se stessa.
 
 
Perché la Guerra non è fatta solo di scontri, di linee Maginot, di spie,e purtroppo caduti.
La guerra è fatta anche di quotidianità.
Di vita che deve scorrere, nonostante tutto.
Un mondo dove le ristrettezze economiche la fanno da padrone.
E allora?
Si inventa, si mistifica.
Trionfa l'arte di arrangiarsi.
La moda impone l'austerità.
E taglia anche il parrucchiere.
E allora per nascondere i capelli magari non proprio a posto, nasce la moda del turbante:


Le riviste suggeriscono di adattare i vecchi vestiti. La parola d'ordine è "razionamento"
Make-do and mand (adattare e riparare).
 
La calza è di cotone, addio nylon.Le scarpe sono quelle con il tacco di sughero ortopedico.
Ma il desiderio di apparire graziose e "a posto" è sempre presente.
Ed ecco l'ingegno femminile, quella leggerezza d'animo che ci consente di affrontare anche il più pesante dei macigni.
 
Guardate questa immagine.Io la adoro:
 


Il collant con la riga è un lusso?
Allora si disegna.
La gamba è troppo bianca e pallida senza collant?
Allora le gambe si truccano.
Il fard è un lusso da dimenticare?
E vai di pizzicotti alle guance per farle diventare più rosee.
 
Questa è la matriosca della storia.
Le immagini quotidiane.
Accanto a quelle ufficiali, altisonanti.
E' la forza delle donne che travolge qualsiasi cosa, è la femminilità che appare come un cuscinetto dove appoggiarsi contro le brutture della vita.
 
La Crazy cake(di cui parlammo QUI, nella sua versione originale al cacao) è figlia di quei tempi.
 
E' la necessità di coccolare i propri cari nonostante tutto.
E' la maestria di saper creare con poco.
E' l'arte di usare l'aceto e il bicarbonato al posto del lievito, irreperibile.
E' l'arte di supplire alla mancanza di uova con ..niente.
Ecco.
Eppure vien fuori una deliziosa tortina.
Ovvio.
Non è un capolavoro di pasticceria.
 
E' un capolavoro dell'arte di arrangiarsi.
E' un capolavoro dell'essere donna.
 
Io ve la presento con le mele stavolta.
E' una tortina senza pretese, ma buona.
Perfetta per una giornata piovosa,una tazza di thè in mano e lo sguardo che accarezza le goccioline sul vetro.
Ovviamente è ottima per gli intolleranti alle uova e al lattosio (ed è il motivo per cui io la realizzo spesso)
 
Vi riporto la versione originale con il bicarbonato e l'aceto, per dovizia di particolari.
Ovviamente potete sostituirli con 1 cucchiaino di lievito per dolci.
 
Le dosi sono per uno stampo da 20 centimetri.
Se avete intenzione di farla più grande, raddoppiate le dosi.
 
 
 
 
Crazy cake alle mele ovvero la torta matta
 
Farina-210 grammi
Zucchero-180 grammi
Sale -1 pizzico
Bicarbonato di sodio-1 cucchiaino RASO
Aceto di vino bianco-! cucchiaio RASO
Olio di mais (o altro)-80 millilitri
Acqua (o succo di mela)-200 millilitri
Mele -2
(aceto e bicarbonato possono essere sostituiti da 1 cucchiaino abbondante di lievito per dolci)
 
Teglia:20 centimetri rivestita di carta forno
 
Cottura:180 gradi / 30 minuti/ventilato
 
 
In una ciotola mettete farina, zucchero sale e bicarbonato (o il lievito)
Mescolate e fate tre buchi con il manico del mestolo. In uno versate l'aceto (se lo utilizzate), in un altro l'olio, in un altro ancora l'acqua (o il succo).
Mescolate velocemente con un mestolo .
versate il composto nella teglia, aggiungete le mele che avrete tagliato precedentemente a fette e infornate .
Lasciatela raffreddare e gustatela!!
 
 

Continue reading

5 Comments

10 settembre 2014

Il pan di spagna al contrario ovvero la soluzione per donne che vanno di fretta...ma anche no







E' falso.
Falso come Giuda.
Come una borsa di Louis Vuitton comprata su un lenzuolo steso sul Lungotevere.

Cosi falso da far sembrare un falso invalido una personcina quasi a modo.
Falso come e più di un politico appena posate le terga sulla sedia del potere.

E io velenosa nel proporlo.
Cosi velenosa che Lucrezia Borgia ,al mio confronto , sembra una crocerossina.

E per tutto questo pagherò il mio pegno al Dio dei pasticceri e trascorrerò il resto della mia giornata inginocchiata sui ceci a riflettere sui miei peccati.

Ma non potevo non proporvelo.
Io lo so che le cose andrebbero fatte come l'Artusi comanda.
Ma ve lo ricordate il fiato sul collo di cui parlavo QUI ?
Ecco, invece di un fiato comincia a diventare 'na ventata di quelle che ti fanno sbattere le porte.

E allora sto foglietto volante

Continue reading

16 Comments

26 agosto 2014

Tre ingredienti e otto minuti ovvero i biscotti al cocco veloci ed economici!



"Bella mattinata.
 Piena di luce.
 Soffia un vento lieve.
 Lo straordinario sole dell'Africa.
 Azzurro profondo.Uccelli bianchi.
 Sotto,sedie calde sulla sabbia.
 E naturalmente il mare.
 E comunque mancano allcuni alberi.
 E una o due navi sul fondo.
 Ad indicare che uno può sempre partire..."


Non so di chi siano i versi qui sopra.
So solo che sono scritti in un vecchio foglietto, strappato da un giornale, che mi porto dietro dalla notte dei tempi.
Leggerli e farli miei è stato un tutt'uno.
Ci sono io in poche righe,il mio essere.C'è la libertà di ogni individuo.
Quelle navi sul fondo...si può sempre partire,si può sempre ricominciare.
Anche se non fisicamente,con la testa.Si,si può.
Anzi si deve.
Sempre.
La prima parte della poesia narra di un cielo azzurro,del sole,della sabbia.
Chiudete gli occhi.
A quale sapore accostereste queste sensazioni?
Io al cocco.
Il profumo del caldo.


E la ricetta di oggi parla proprio di cocco.
Allo stato puro.


Biscotti semplici.
Tre ingredienti e otto minuti.
Fantastico, non trovate?

E non solo.
Economica e "riciclosa" come piace a noi.

Perchè ci consente di far fuori quei due,tre albumi che ci danno una noia pazzesca nel frigo.




BISCOTTI AL COCCO (fonte:Non sprecare )

2 albumi
120 gr farina di cocco
100 gr zucchero

Riunite tutti e tre gli ingredienti in un mixer. Mescolateli brevemente, fate delle palline e rotolatele nella farina di cocco.Appoggiatele su una teglia rivestita di carta forno e fatele cuocere a 180 gradi per 8 minuti.




Continue reading

8 Comments

4 giugno 2014

I Twists di sfoglia alla cannella e frammenti di vita




Amo leggere .
La mia rovina è stato il corso di lettura veloce all'Università.
Una volta imparate le tecniche non te le dimentichi più.
E quindi macini pagine su pagine.
A volte cerchi di interrompere il gioco oculare che ti hanno insegnato ma non c'è nulla da fare.

Ho passato fasi alterne.
Non ho mai storto il naso di fronte a nulla.
Ho iniziato con le favole e la mia "Educazione sentimentale" è avvenuta con i libri Harmony.
Parliamo di trent'anni fa.
Immersa nel silenzio estivo delle Alpi svizzere,vedevo mia sorella (molto più grande di me) sdraiarsi sul divano e leggere sti libricini ,mentre buttava giù tonnellate di cioccolata alle nocciole.
Ecco,ho aperto a undici anni per puro caso uno di quei libri.
Più che altro per avere la scusa per mangiare anche io la cioccolata.
Fondente ,però.
E mi ci sono appassionata.
Sognavo schiere di principi azzurri.Belli,forti,virili.Ricchi,perchè no.

Poi è iniziata la fase del liceo.
Sono diventata dark.
Esistenzialista nel midollo.
E giravo con Sartre e "La nausea" da una parte e dall'altra Camus con "La peste".
E siccome ero pure masochista me li leggevo in francese.
Giravo vestita di nero e con le ciocche verdi.
Oggi sono normali.
In un liceo di provincia trent'anni fa no.Non lo erano.

E poi..poi è arrivata l'Università.
L'impegno politico,l'amore per il diritto.
La costituzione italiana sul comodino e gli ideali per una società più giusta nell'altra.

A trent'anni Agata Christie.Con lei Maigret.
E insieme a loro un amore viscerale per i gialli,i thriller,il noir.
E continua ancora dopo anni.
Ho perso il conto di quanti ne ho letti.
Ultimamente mi sono buttata negli psicothriller tedeschi.

Cavoli ragazze.
Se siete amanti del genere ve li consiglio vivamente.
Coinvolgenti,tenebrosi.
Paurosi,oserei dire.
Perchè tremendi sono i meandri più nascosti della mente umana.
Dovrei avere la corazza ormai,dopo anni di letture di questo genere.
Invece figuratevi che mentre li leggo ,salto in aria al minimo rumore!
Ho vietato alle mie figlie di raggiungermi silenziosamente alle spalle perchè salto che manco una cavalletta 
potrebbe tanto!

Questa la mia ultima lettura.Ve la consiglio vivamente,se siete amanti del genere!



La ricetta di oggi è una di quella iper veloci ma buone veramente.L'idea viene da Foodnetworktv e nello specifico è una ricetta di Giada De Laurentiis.
Ho modificato alcune dosi senza però alterare la sostanza di questa semplicissima e simpatica ricetta.
Potete gustare i twists da soli oppure accompagnati dalla salsina che vi propongo.






Continue reading

6 Comments

5 maggio 2014

La Torta riciclo albumi e la lotta 20\40





Oggi ricetta della mia amica Serena.Il suo blog una certezza per chi è alla ricerca di ricette senza lattosio.Ricette semplici,ricette più complesse,trovate geniali per semplificare la vita a chi non vuole rinunciare al gusto,nonostante l'intolleranza.
Oggi vi propongo non solo una ricetta senza lattosio ma una ricetta che vi permetterà di riciclare i fastidiosi albumi che girano per il frigo.
Questa tortina mi ha risolto il problema di un invito a cena improvviso,con commensali intolleranti.Accompagnata con del gelato (di soia) è il massimo!


Continue reading

8 Comments

Followers

Visualizzazioni :

Google+ Followers

Search This Blog

Popular Posts

Pages

monicapennacchietti@l'emporio21. Powered by Blogger.

Buzzoole

buzzoole code

histats

Follow by Email

Se vuoi contattarmi:



Collaboro con:

Translate

Follow us

Instagram