Visualizzazione post con etichetta risotti. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta risotti. Mostra tutti i post

Riso Venere con i gamberoni, il fascino di un piatto sensuale



Riso Venere con i gamberoni


Ospiti raffinati a pranzo? Niente paura! Il Riso Venere con i Gamberoni è un primo elegante, sensuale, adatto anche a chi (come me) non ama molto i piatti di mare. Puoi prepararlo com un classico risotto oppure se non hai tempo e voglia di cucinarlo, puoi acquistare il riso già pronto. Lo trovi negli scaffali del supermercato in comode buste. In questo caso ti basta realizzare la base del risotto come ti elencherò nel procedimento, aggiungere il contenuto della busta e in dieci minuti porti a tavola una ricetta in grado di stupire i palati più raffinati!

Nomen Omen direbbero i romani. In effetti questa breve locuzione latina calza a pennello al nostro riso nero. Venere evoca atmosfere sensuali, intriganti, ricche di seduzione. Tutte caratteristiche che possiamo ritrovare in un chicco di questo riso che io personalmente non avevo mai avuto il piacere di provare. La consistenza è quasi croccante, il sapore ricorda lievemente una pennellata di nocciola tostata, legno di sandalo e il profumo del pane appena sfornato. Pura poesia, un'emozione sensoriale che vi invito a provare!

Il riso Venere è un incrocio tra una varietà asiatica e un riso italiano. Senza glutine, ricco di fibre e vitamine, è coltivato in Piemonte, in un'area protetta e certificata.

E' conosciuto anche con il nome di riso proibito dell'Imperatore. Il perché ve lo spiego subito. Pare infatti che il Venere abbia delle stupefacenti proprietà afrodisiache. Il nostro caro Imperatore beh, voleva essere il solo a conquistare la fascia di Mandrillo of World😉

La morte sua sono i gamberi, le mazzancolle, i gamberoni. La relazione tra i crostacei e il riso nero è stupefacente. Hanno la straordinaria capacità di esaltarsi a vicenda senza perdere la propria personalità. Servitelo con una bollicina italiana, la stessa che userete in cottura per sfumare. Pronti?

Andiamo in cucina!

RISO VENERE CON I GAMBERONI


400 g riso Venere
400 g gamberoni già puliti
2 scalogni
50 g burro
50 ml vino bianco di ottima qualità (io ho utilizzato un prosecco extra brut)
brodo di pesce o vegetale

Se utilizzi i gamberoni freschi, non buttare i carapaci e le teste perché puoi realizzare un ottimo fumetto di pesce con il quale cuocere il tuo risotto. Se come me invece hai soltanto dei crostacei surgelati, prepara un ottimo brodo vegetale.

Fai sciogliere metà burro in una padella e aggiungi lo scalogno tritato finemente. Dopo qualche istante aggiungi i gamberoni, falli insaporire brevemente e sfuma con il vino. Aggiusta di sale e pepe.

In una casseruola a parte fai fondere il burro restante e rosola lo scalogno tritato. Aggiungi il riso Venere, fai tostare leggermente per qualche istante e portalo a cottura aggiungendo mano mano il brodo che ha i preparato.

Quando mancano pochi minuti al termine della cottura, aggiungi i tuoi gamberoni al riso, fai insaporire aggiungendo qualche cucchiaio di brodo se tende ad asciugare e completa con un ciuffo di prezzemolo tritato.

Risotto al vino rosso,parmigiano e rosmarino


Ragazze oggi risotto al vino rosso, giusto per darci un tono!
Ricetta semplice e gustosa!!
Un abbraccio a tutte!
(Ricetta originale con mie modifiche un Petit dejeneur de soleil)

Risotto al vino rosso, parmigiano e rosmarino

(Per 2 persone)

130 gr riso carnaroli
120 ml vino rosso di buona qualità
350 ml brodo vegetale
80 gr parmigiano reggiano
1/2 cipolla tritata
20 gr burro
2 cucchiai di panna fresca
1/2 cucchiaino di rosmarino tritato
sale e pepe

In una casseruola fate soffriggere il burro con la cipolla. Aggiungete il riso e fatelo tostare per un minuto circa. Aggiungete il vino rosso e far evaporare- Iniziate a versare il brodo, un mestolo alla volta. Aggiungete il successivo quando il precedente sarà completamente assorbito.
Portate a cottura. Alla fine spegnere il fuoco e mantecare il riso con il parmigiano, il rosmarino e la panna.

Servite subito.