Pariserbullar - il bombolone svedese alla crema



Pariserbullar, il bombolone svedese


Se vi dicessi Liatorp, Knixhult, StorJorm e Brunsta voi cosa mi rispondereste?
Ikea.

E se vi dicessi Ikea?
Mobili.

E se vi dicessi bottega svedese?
Senza dubbio Kanelbullar!

Il mitico dolce da colazione declinato in una spirale deliziosa di zucchero e cannella è diventato uno dei simboli della nazione svedese insieme al divano Ektorp, 




al letto Malm 




e al tavolino Lack.


Ikea chiama Svezia e la Svezia ci regala una serie di mobili e complementi d'arredo che hanno arredato le case di mezzo mondo.

Ma la Svezia non è soltanto Ikea come il dolcetto alla cannella non è l'unico dolce famoso della pasticceria svedese.

Prendete il Sockerbullar detto anche Pariserbullar. Questa morbida brioche, che ricorda molto da vicino il nostro bombolone, è una prelibatezza tra le più apprezzate al mondo. Un panino profumato racchiude una semplice crema pasticcera. Ma qui, di semplice non c'è null,a a partire dalla calorie!

Non può essere così semplice un prodotto da forno che ha il pregio di rimanere morbido a lungo e di non stancare il palato aggredendolo con il pur sempre apprezzabile sentore di olio fritto.

Il problema è che di Pariserbullar ne mangerete tanti, uno dietro l'altro proprio perché sono irresistibili e, all'apparenza, leggeri.

E il bello, mi sono dovuta ricredere, è che sono veramente semplici. Ci vuole poco per farli, soprattutto se avete una macchina del pane, e ci vuole ancor meno a finirli. Fateli per la colazione della domenica, è quella chicca in più che vi prepara corpo, anima e spirito al lunedì successivo.

Del resto la pasticceria scandinava ci ha riservato veramente tante sorprese a partire dalle famose Brioche ai frutti  rossi  per arrivare alla KladdKaka, la mitica torta al cioccolato che conquista ogni palato, passando per il maritozzo svedese alla panna, il mitico Laskiaispulla.





Una raccomandazione: non friggeteli! La caratteristica di questa brioche è proprio la cottura in forno. Ho visto in troppi blog  maltrattarli con fritture e affini. Questo è il vero Pariserbullar e come tale va trattato 😁

(ricetta originale Le Petrin - crema pasticcera Le Leccornie di Danita)


Pariserbullar


ingredienti lievitino

300 g farina
250 ml latte
15 g lievito (anche in bustina)
10 g zucchero

Impastate in una ciotola questi ingredienti e lasciateli riposare fino al raddoppio (se utilizzate la mdp impostate il programma solo impasto per 10 minuti).

Impasto

300 g farina
1 uovo medio
2 tuorli
100 g burro morbido
1 pizzico di sale
1 cucchiaino di vaniglia
cardamomo (se vi piace)
100 g zucchero
60 ml latte

Mettete i lievitino maturo in una ciotola e aggiungete tutti gli ingredienti partendo dalle uovo, le spezie, il latte, il burro morbido, finendo con la farina.
lavorate fino a ottenere un impasto morbido e omogeneo. Fate lievitare in un luogo caldo per circa due ore (o almeno fino al raddoppio dell'impasto).

La crema

2 uova
120 g zucchero
scorza grattugiata di 1 limone
30 g farina
400 ml latte

Fai scaldare il latte con la buccia del limone. Monta le uova con lo zucchero e aggiungi la farina e il sale. Versa il latte nel composto di uova, mescola con cura e metti di nuovo sul fuoco, facendo addensare la crema. Ci vorranno all'incirca 3/4 minuti. Fai raffreddare.

A questo punto prendi il tuo impasto stendilo leggermente a rettangolo piega i due lati corti verso il centro e poi due lati lunghi. Lascia lievitare per 30'.
Dividilo in pezzi da circa 70 g l'uno e forma con ognuno di questi delle palline che andrai  a posizionare su una teglia rivestita di carta forno.

Composizione dei Pariserbullar

Metti la crema pasticcera in una sac-a-poche con beccuccio a stella. Deposita 1 cm di crema pasticcera al centro di ogni brioche e spennella ognuna di queste con un uovo sbattuto. Fai lievitare per altri 30'.

Cottura

Inforna le brioche nel forno caldo a 190°C per 20 minuti circa. I Pariserbullar devono essere tolti dal forno prima che la cottura li indurisca eccessivamente. Spennella con del burro fuso quando sono tiepidi, cospargi di zucchero semolato e fai raffreddare completamente.

CONVERSATION

0 commenti:

Posta un commento