Le patate Yachni di Jamie Oliver




Le patate Yachni sono, tra le ricette con patate, una delle più semplici e veloci. Sono una piacevole via di mezzo tra le patate al forno e le patate in padella. Puoi mangiarle con la feta, con il pollo grigliato o anche da sole, come ho fatto io. Basta un po' di pane tostato, magari all'aglio, e un'ottima compagnia. Non serve altro....

Le patate Yachni

Il termine yachni è uno dei simboli della cucina greca e cipriota, anche se la parola stessa presenta una chiara derivazione turca. La cottura yachni è un metodo utilizzato dalle popolazioni del Mediterraneo per cuocere  a fuoco lento la carne, il pesce e le verdure nella salsa di pomodoro. Questa può essere sia fresca che in scatola. Anticamente venivano utilizzate le gastra, pentole smaltate che permettono una cottura prolungata del cibo senza che questo si attacchi al fondo. Le gastra un tempo erano di terracotta ora, per renderle più leggere, vengono realizzate in ferro smaltato. Se ne avete la possibilità, acquistatene una, ne vale veramente la pena!

La yachni può essere realizzata nel forno, sui fornelli, nel forno a legna...insomma un po' ovunque. L'importante è rispettare la cottura lenta e prolungata, necessaria per ottenere un piatto dove gli ingredienti si amalgamano alla perfezione gli uni con gli altri pur mantenendo intatta la propria individualità.

La ricetta che vi propongo l'ho presa dal magazine online di Jamie Oliver. Come potete vedere nella lista degli ingredienti compaiono due spicchi di aglio. In antichità questo bulbo non era contemplato nella cottura yachni. E' una gradevole aggiunta moderna! Quello che non è cambiato negli anni è il quantitativo considerevole di pane che mangerete insieme a questo piatto. E' la classica ricetta da pucciare in allegria, saporita e gustosa. Se vi piace, potete servire le patate yachni con yogurt greco al naturale. E' quello sprint in più che regala al piatto un gusto delizioso e inedito.

(fonte storica Athena Konstantinoi)

Pronti? Seguitemi in cucina!

PATATE YACHNI

(da una ricetta di Jamie Oliver)

750 g patate tagliate a spicchi
2 spicchi di aglio 
1 cipolla media
4 pomodori maturi o 1 lattina di pomodorini o pelati
200 g olive (possibilmente le kalamata, io non le avevo)
1 cucchiaio origano
4 foglie di alloro
1 cucchiaio di passata di pomodoro
Olio (di ottima qualità)
Sale e pepe

Trita finemente la cipolla con l'aglio e fai rosolare questo battuto in qualche cucchiaio d'olio in una casseruola pesante. Aggiungi l'origano e fai prendere un po' di colore al tuo soffritto.

Aggiungi le patate, i pomodori spezzettati, l'alloro e la passata. Aggiusta di sale e di pepe e versa tanta acqua fino a coprire il cibo. Copri con un coperchio, abbassa la fiamma al minimo e fai cuocere per circa 30 minuti. Unisci le olive a rondelle e continua a cuocere per altri 10 minuti, mescolando delicatamente e versando pochissima acqua se il composto tende ad asciugare.

Termina la cottura quando le patate sono morbide e la salsa addensata. Servi caldo o a temperatura ambiente con un giro d'olio extravergine di ottima qualità.

CONVERSATION

1 commenti:

  1. non conoscevo questo tipo di cottura, sembrano davvero invitanti, e poi Jamie è una garanzia!

    RispondiElimina

SLIDE3

Hercules Design
@billykulpa Please contact us via info@hercules-design.com

06 May 2014