Passa ai contenuti principali

Lo sciroppo al cioccolato e il manuale di sopravvivenza urbana per ragazze moderne

Ve lo ricordate il manuale di sopravvivenza urbana per ragazze?
Mi è tornato in mente leggendo vedendo questa immagine su fb.
Ve lo ripropongo,un piccolo amarcord!

"...Problema:delusione amorosa.
Soluzione:cioccolato.
Cioccolato puro,cioccolato sciolto,cioccolato a palate,cioccolato a cucchiaiate.
Avvolge,scalda,coccola.Meglio di due braghe maschili che se t'hanno abbandonato non meritano nemmeno un neurone dei tuoi pensieri.
Cioccolato che ti si appiccica sui fianchi per tutta la vita,cioccolato sulle dita,cioccolato che sembra un baffo,cioccolato nel caffè e forse anche nel thè.
Perchè la delusione amorosa giustifica qualsiasi incongruenza mentale.

Problema:un capo deficiente.
Soluzione:torrone spaccadenti.
Torrone di quelli che nella loro confezione trovi come omaggio il numero del dentista più vicino.Torrone che devi prendere a morsi con impegno,con foga.
Che poi è quello che faresti con la testa del tuo superiore.ma non lo fai perchè sarebbe un filino indigesto.E la riproposizione continua sullo stomaco di una testa di ravanello è cosa assai sgradita.
Torrone che fa scrunch scrunch ad ogni morso e ad ogni morso ti allontana la rabbia.
Perchè in fondo pensare di pigliare a morsi il tuo capo ti fa anche sorridere.

Problema:commessa fashion che ti fa sentire un pò demodè e un pò "sovrappè".
Soluzione:Red Velvet Cake.
Morbida,vellutata,rossa perchè tanto il rosso va di moda quasi sempre.Va gustata stese a mò di Paolina Bonaparte sul divano,con addosso quell'abito che vi è costato un occhio della testa e con suddetta testa appena uscita dalle mani di un abile parrucchiere.
E cosi,proprio al top della vostra forma,mangiate una delle torte più fashion che ci siano.E mangiatela lentamente pensando alla commessa figa che per rimanere tale non mangerà mai una tale squisitezza.

Problema:suocera scassazucchine.
Soluzione:torta allo yogurt
Suocera abnorme?Suocera tentacolare?Suocera acida?
Una bella torta allo yogurt.Preparatela con cattiveria appena accennata.Al posto dello yogurt immaginate di versarvi l'amata genitrice del vostro compagno.Immaginate di frustarla a dovere con gli altri ingredienti,di amalgamarla,di mescolarla.E poi gustatevi il risultato.Opportunamente "addestrato" il vostro yogurt avrà perso per strada la sua acidità a volte esagerata e avrà regalato morbidezza e leggerezza all'insieme.E mangiatela pensando che forse è meglio trascurare il peggio di questa santa donnina e concentrarsi sul meglio.E non perchè siete in odore di santità.Ma semplicemente perchè siete stanche di mandar giù litri e litri di maalox..."

Uno degli antistress per eccellenza è senza dubbio il cioccolato,protagonista dell ricetta odierna.Vi propongo un facilissimo sciroppo al cioccolato.Semplice,senza ingredienti complicati,adatto agli intolleranti e a chi ha un'improvvisa fiammata di pigrizia.Una mescolata veloce agli ingredienti,un giro sul fornello e il gioco è fatto.Lo potete utilizzare come tranquillante al posto del valium (in tal caso la posologia è una grande cucchiaiata al bisogno).Oppure come colata al pari dell'oro sulle torte.O ancora sciolto dentro il latte (due o tre cucchiaiate basteranno) o ancora,se siete temerari con questo freddo,rovesciatelo a valanga sul gelato.O ancora....beh questo ve lo spiego domani.Io l'ho utilizzato per fare una cosa in particolare!
La ricetta l'ho presa pari pari da un sito americano (Wholesolemommy),le dosi sono quindi in cup.Tra parentesi vi riposto la conversione in grammi.Se avete però in giro per casa i dosatori in cup(tipo quelli che vendono da Ikea )utilizzateli.La ricetta ne guadagnerà in precisione!

Sciroppo al cioccolato

1 tazza  di zucchero(200 grammi)
3\4 tazza di cacao amaro (100 grammi)
1 tazza di acqua (236 grammi)
1 pizzico di sale
1 cucchiaino di vaniglia (facoltativo)

Mescolate in un pentolino lo zucchero,il sale,il cacao.Aggiungere l'acqua.Portare ad ebollizione e far bollire per due minuti ( se non dovesse addensarsi subito prolungate la cottura per altri due o tre minuti.Il tempo potrebbe allungarsi un pò proprio per la conversione in grammi ,magari non precisa al grammo).Togliere dal fuoco e aggiungere (se volete) la vaniglia.
Far freddare e travasare in una bottiglia di vetro e conservare in frigo!


Commenti

  1. Cara Monicuccia anche io adoro dolci e cioccolato ma di certo i problemi della vita non si possono affrontare affondandoli negli zuccheri e nelle calorie!!! Simpatico questo manuale sì ma troppo calorico per me :D Però una bella cucchiaiata del tuo sciroppo non me la farei mancare ^_^

    RispondiElimina
  2. Ciao Monica,
    lo so che non vuoi ricevere premi, ma questo che ti ho assegnato è un semplice riconoscimento; se vuoi dare un'occhiata...
    http://cremaepanna.blogspot.it/2013/12/auguriamoci-buon-natale.html
    spero che ti faccia piacere.
    Stefy

    RispondiElimina
  3. Direi ad ogni problema una soluzione golosa :-)))))))))))))))))))) Sciroppo al cioccolato! Wowwww lo trovo ideale anche come regalo!!!!!

    RispondiElimina
  4. Ecco. Sono proprio qui in balia di una funesta incazzatura da colleghi beceri e capo inutile e fastidioso come schiacciare una ... coi sandali ( scusa il francesismo) e arrivi tu con queste soluzioni. Senti un po ma se io ora mi mangiassi una fetta di torta affogata nello sciroppo al cioccolato e tanto torrone sbriciolato (sbattendolo energicamente in fronte ai sopra citati) dici che mi passa?
    Grazie per avermi regalato un sorriso
    Ciao e bupna settimana.

    RispondiElimina
  5. Direi che non c'è niente di meglio da tenere in frigo per le serate invernali, una ciucciata prima di andare a letto fa meglio del Valpinax!

    RispondiElimina
  6. Amica mia cara sai che non ero a conoscenza del fatto che si potesse creare uno sciroppo con il cioccolato?
    Il manuale di sopravvivenza lo avevo rimosso...le scorpacciate di cioccolato però le ricordo ancora molto bene!!
    ti abbraccio forte

    RispondiElimina
  7. lo dico da sempre ...il cioccoalto risolve tutto! o almeno mi tira su il morale e mi da tempo di trovare una soluzione!

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il Licoli di Bonci . Figo più di Johnny Depp!!

Lui è Johnny.
Johnny Depp.
Cosi ribattezzato dalle mie figlie.
Perchè bravo, bello e soprattutto bono.

Johnny è stata la mia ultima spiaggia, il mio ultimo tentativo.
Necessario perchè ultimamente il lievito di birra non lo tolleriamo un granchè.
Tentativo però verso il quale non nutrivo un granchè di aspettative.
Sono anni che tento di produrre o il lievito madre o il licoli.
Risultati?
Disastrosi.

Poi l'incontro fortuito con un blog, Golosando...serenamente e con il licoli di Bonci che a noi romani sta come Iginio Massari alla pasticceria
La sua pizza è un must qui a Roma.

Una settimana di rinfreschi e sbirciate.
Una flessione verso l'insuccesso in corsa.
Una ripresa e uno sprint degno del Bolt dei tempi migliori.
E in contemporanea il regalo graditissimo di un'amica:il suo Gustavo, ovvero il lievito madre.
Trecento anni di bontà.

Ora quindi mi ritrovo con due tipi strafighi: Gustavo e Johnny.
Belli arzilli!

In questo post proverò a raccontarvi la nascita del licoli con i…

Torta cocco arancia e i Tropici in un attimo

Nelle Filippine si dice che “chi pianta una palma da cocco pianta utensili e indumenti, cibo e bevanda, una dimora per sé e un’eredità per i suoi figli”.
Perchè il cocco non a torto viene definito l'albero della vita, basti pensare ai suoi molteplici usi.
Fornisce cibo, acqua ,olio per cucinare.
Foglie per costruire il tetto di una capanna, fibre per fare stuoie o corde.
E il guscio?
Quel guscio che io guardo ogni volta con astio, sempre tentata di buttar giù dal quinto piano la noce di cocco con la speranza che si rompa?
Il guscio diventa contenitore, posacenere, ciotolina.

Io il cocco l'adoro.
E mi piace ancora di più da quando ho iniziato ad usarlo nei piatti salati, durante le mie incursioni nella cucina etnica asiatica.
Però i dolci che sanno di cocco...beh quelli sono i miei preferiti.
Nel corso degli anni sono state varie le ricette che vi ho proposto.
Le ho guardate oggi, a ritroso, in una sorta di amarcord gastronomico.
E devo dire che le mie preferite tra quelle postate sono:

I P…

Treccia deliziosa in due ingredienti...perchè magari non ho voglia di far nulla :-)

Uffa. Cosa devo fare con questa ricetta? La inserisco oppure no? Naaaaaaaa,troppo semplice.
Si però "è bona".. Talmente bona che riecheggia solo un grido qui in casa: bene, brava, bis.
Si ,ma una può mettere una ricetta buona ma talmente semplice da sembrare un pò fuori luogo? E poi... poi guarda le foto. Lo so, le ho fatte di corsa...proprio perchè pensavo non fosse il caso di proporla. Poi ,proprio dopo il post sul LicoLi , uno dei più impegnativi e lunghi mai scritti dalla sottoscritta.
Questo il mio dialogo interiore. E intanto i giorni passano. La ricetta in questione la faccio una, due ,tre volte. Viene bene, è veloce, è apprezzata.
Ma ogni volta apro l'archivio delle foto e la scarto.
Finchè poi non mi viene in aiuto una frase che mi è stata detta un giorno, anni fa,quando ero dietro le quinte di una redazione culinaria e storcevo un pò il naso quando dovevo esaminare delle ricette un pò troppo semplici
Secondo te cosa cerca una donna che va di corsa tutto il gio…