google-site-verification: google00092ade67902d5d.html

Il ragù di lenticchie di Marco Bianchi




Avete presente il gioco del Bersaglio sulla Settimana Enigmistica? Quello dove devi, tramite una serie di associazioni, cambi lettera e assonanze, arrivare al centro del bersaglio?

Ecco, io sono una schiappa.
Me la cavo per il cambio della lettera, anche per l'assonanza ma l'associazione...

Il problema è che penso di essere una persona abbastanza intelligente ma a volte mi manca la perspicacia.

E per me certe associazioni sono inviolabili e immediate.

Il sole è giallo.
Il cielo è blu.
La cioccolata è buona.
I legumi servono per fare le zuppette😊

Quando ho letto per la prima volta la ricetta di Marco Bianchi le mie sinapsi hanno avuto un collasso.

Ragù di lenticchie.
Ragù di lenticchie??????
Aspetta, ragù e lenticchie non possono stare nella stessa frase.

Il ragù è ciccia, è carne, è macinato, tritato, quello che volete...ma carne.

E le lenticchie stanno nella zuppetta, quella fumante, quella che in in inverno mi fa pensare che dai, il mondo è un posto accettabile nel quale vivere.

Ragù di lenticchie.
Mmmhhh ragù di lenticchie...che idea!

Ve l'ho detto, le associazioni mi partono in ritardo.

Dopo dieci minuti di sinapsi collassate, ho cominciato a elaborare il concetto. Ma dai? Un ragù di lenticchie? Na figata pazzesca.

E così ho provato.
Va beh ho provato perché mi fido ciecamente di Marco.

E ho fatto bene.
Chi mi conosce lo sa che, tranne per mio marito, qui in casa Emporio 21 la pasta è un accessorio. Io e le mie ragazze ne facciamo a meno senza sentirne la mancanza.

In questo caso non c'è stato solo il bis, ma anche il tris e il quater, in finale ce la siamo litigata 😉

Rispetto alla ricetta originale mi sono presa una libertà (Marco perdonami): ho fatto il soffritto, con buona pace del mio colesterolo, di quello di mio marito e dei trigliceridi della mia dirimpettaia.

Però che vi devo dire...un sugo senza soffritto è come un cielo senza stelle!
Vi è piaciuta l'associazione?


RAGU' DI LENTICCHIE di Marco Bianchi

1 barattolo di lenticchie lessate
1 carota piccola
1/2 cipolla 
50 g pomodori secchi
200 ml passata pomodoro

Fai un battuto con carota e cipolla e fallo soffriggere in una casseruola con un po' di olio extravergine di oliva.

Aggiungi i pomodori secchi tritati e lasciali insaporire.

Unisci le lenticchie scolate e aggiungi la passata di pomodoro. Aggiusta con il sale, il pepe e un cucchiaino di zucchero.

Fai cuocere per venti minuti e condisci la tua pasta!





2 commenti:

  1. Amo le lenticchie.. ma non so perché le mangio solo sotto Natale.. invece!!! guarda qui che bellissima idea.. .-* un bacione

    RispondiElimina