I tarallini alla birra e la panterona da spiaggia

Una scommessa.Di quelle che non ti puoi tirare indietro.
"Prima di parlare prova.Ma tanto tu non ce la farai mai"
C'eravamo lasciate l'anno scorso con questa scommessa
Ora dovete sapere che io ho un'amica pantera.Lo è sempre.Lo è in città,al telefono,al supermercato,mentre spolvera.Ma la cosa per la quale l'ho sempre presa per i fondelli è quando fa la pantera in spiaggia.Sia ben chiaro:le viene un gran bene,ce l'ha nel Dna.
Ma in spiaggia le ho sempre detto di smontare le impalcature e rilassarsi.
E' scomodo,dico io.
Manco per niente,mi ribatte lei.
Il trucco ti si scioglie,obietto.
Usi quello resistente all'acqua,mi dice.
La criniera di capelli non è trendy in spiaggia,le dico.
Tu capisci di moda e bellezza quanto Rosy Bindi,mi fa lei.
Poi la fantomatica frase"Prova prima di parlare".Io che evito di giudicare a priori,di sospettare,di tramare...beh la stavo giudicando.
Mettiti nei miei panni.
Ma l'anno scorso con il piede rotto ad agosto mi veniva male.
Abbiamo rimandato a quest'anno.
Quindi ieri.
Bikini leopardato?Ce l'ho.Un pò striminzito perchè risalente all'anteguerra,ma ce l'ho.
Pareo in tinta col bikini?Ce l'ho.
Trucco bello evidente?fatto.
Zoccolo in legno tacco 12?ce l'ho.
Capelli stile savana?Ce l'ho.Il riccio sparato a diecimila.
Aspetta,manca il profumo.
Pure il profumo.
Ed esco dalla cabina.La passerella in legno davanti a me...va beh,provamo a fà la panterona da spiaggia.
Un passo traballante,due,tre,quattro.Lei cammina sicura,io un pò meno.Lei non suda,io si.
Cinque,sei,sette passi.....e poi...
Fuggo.
Fuggo come una furia verso la cabina.
Con una mano mi strucco,con l'altra cerco il costume olimpionico per nuotare.Scaravento gli zoccoloni in aria e prendo le mie amate infradito.
Domo la chioma in una coda,approssimativa ma tanto comoda.
E volo,mangio la passerella in legno correndo.Mi tuffo in acqua con la consapevolezza che ognuno è quello che è e che ognuno è giusto che sia quello che vuole.
L'importante è star bene con se stessi.
Non sarò mai una panterona da spiaggia,ma nemmeno da città!
Scommessa persa e gelato pagato! ^_^


Quante volte avete una bottiglia di birra aperta che gira nel frigo?A me capita spesso.Questa ricetta l'avevo appuntata su un foglio da tempo immemorabile.Non ne conosco la paternità,non mi ricordo dove l'ho presa.Se qualcuno la riconosce si faccia avanti o taccia per sempre ^_^



Tarallini alla birra

1 bicchiere di birra
1 bicchiere di olio di mais(Olio di semi di mais vitaminizzato Dante)
1 bicchiere di zucchero
1 presa di sale
 farina quanto basta ( a me ne sono serviti circa 400 gr)
1 cucchiaino di lievito
1/2 cucchiaino di cannella

In una ciotola mettete tutti gli ingredienti.Mescolate fino ad ottenere un impasto omogeneo e ben lavorabile..Se volete fare i tarallini,prendete un pezzo d'impasto,arrotolatelo e chiudetelo ad anello.Spolverizzate con zucchero semolato.Oppure se volete ottenere delle ciambelline,stendetelo e ritagliate dei cerchi con il buco al centro.Spolverizzate con zucchero a velo e cuocete in forno caldo a 180 gradi per una decina di minuti.
(nella seconda foto troverete i vari modi per presentare questa ricetta:tarallini,ciambelle,ciambella grande con zucchero semolato e ciambella grande con zucchero a granella).







27 commenti:

  1. ahahahaha!!!!
    io non sarò mai una panterona....in nessun luogo....mi vado bene così!!!!
    ottime queste ciambelline!!!un abbraccio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. te sei proprio bella cosi Mimma cara!
      Ti abbraccio
      Monica

      Elimina
  2. Se ti consola anche io non sona una pan terrona da spiaggia, fortuna che almeno da me non c'è la passatella! Ottima idea i taralli i alla birra, da sgranocchiare anche al mare,. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah da me Giovanna c'è sta malefica passerella che se vuoi arrivare all'acqua senza saltellare per la sabbia calda te la devi percorrere tutta.però parecchie pensano che sia la passerella di Miss Italia!
      baci
      Monica

      Elimina
  3. Ahahahah cavolo, io ci vorrei provare una volta nella vita a fare la femme fatale... ma al mare no!!! Oddio sono troppo pigra per non sentirmi comoda dovunque! e w i taralli... che sulla spiaggia "azzeccano"!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Polpettina a noi ce frega la comodità!!Ecco perchè stentiamo a trasformarci in pantere!
      Ti abbraccio
      Monica

      Elimina
  4. Io al mare nn vado..sono più pantera da città ;-)!! Ihhiihh! ! Tu sei sempre bella pantera o non...anche se leopardata ti avrei voluto vedere!! Bacii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cannellè...te sei pantera inside.Al mare,in montagna e in città.^_^
      Monica

      Elimina
  5. Che buoni questi taralli alla birra, quanto ne vorrei uno, due,tre... Eh credo anche io di essere la non panterona e mai lo sarò... Sì mi trucco e metto i tacchi (giammai scarpe da ginnastica o tutone) ma di certo non al mare anzi non sò perchè io dal mare torno sempre con i capelli girati anche se non li ho bagnati, sudaticcia e sconvolta mentre molte panterone tornano a casa così come sono arrivate (truccate e pettinate ad hoc)....mistero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luna io non ti descrivo come torno dal mare...sono tutto fuorchè attraente ^_^
      Baci tesoro bello!
      Monica

      Elimina
  6. maròòòòòòò e quante se ne vedono così che se la tirano come se esistessero solo loro...io non ci penso manco lontanamente a truccarmi per andare in spiaggia :) questi tarallini, così semplici e così super! un baciotto :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce ne stanno tantissime è vero!Ma ci sono quelle che sono simpatiche (come la mia amica ) e lo fanno naturalmente non se la tirano (ecco perchè dico che cel'hanno nel DNA) e latre che invece sono ridicole,convinte e antipatiche...ma a questo mondo c'è posto per tutti!!
      Baci Saretta!

      Elimina
  7. Per prima cosa i taralli li salvo...che noi andiamo avanti a lattinoni da 5 litri...Panterona ci si nasce...non ci puoi far niente...L'altro giorno una mia amica mi fa: "Ma non ti metti il pareo per andare al bar?"...beh, ho quasi 40 anni, un fisico normale...che posso farci? Ormai ben poco...se volevo esser panterona risicata dovevo svegliarmi prima, ora in allegria senza pareo e chissene! cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero panterona si nasce.non ce la fai a diventarlo,soprratuuto quando senti una vocina dentro di te che ti dice candidamente :MA NDO VAI! Ecco,io mi smitizzo già da sola! ^_^
      Baci Cristiana!
      Monica

      Elimina
  8. Io più che una pantera da spiaggia potreo fare la balenottera spiaggiata. E il blog non aiuta certo a dimagrire...soprattutto il tuo ;-) questi taralli devono essere una bomba!

    RispondiElimina
  9. O Signùr panterona proprio no ... hai ragione; ognuno deve essere quello che ho, naturalmente e senza sforzi! Bella le tue ciambelle. Sono dei dolci quindi? Con la birra? interessanti.

    ps ogni volta che passo da te penso di essere in un blog che non conosco, hai finito con i cambiamenti? Sai che io sono un abitudinaria? Resto spaesata quando entro ... dico "Ho sbagliato blog, non sono dalla Monica?!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Terry cara nel post precedente ho invocato l'ignoranza e la troppa leggerezza...avevo finito con i cambiamenti perchè dopo mesi ero riuscita a sistemare il modello che più mi si addiceva.Era un riadattamento da wordpress e aveva bisogno di alcune modifiche nel codice html.Dovevo togliere due righe ,scrivere altro ed editare,Mio marito era riuscito finalmente ad aggiustarlo e via.L'altro giorno vado a caricare un'immagine che mi era stata inviata con relativo link e mi salta tutto..slideshow,sfondo e appaiono tanti piccoli segnali di divieto..Io non salvo mai il blog dopo un post,un inserimento o varie.E mi era stato detto da un bel pò di farlo,di fare un bel backup,perchè non si sa mai.Ecco perchè ho dovuto cambiare.Mi sono trovata nuda e stavolta senza volerlo ahimè.Che poi a me piaccia cambiare questo è vero.Il blog è come casa mia.Mi deve rispecchiare in ogni momento,mi ci devo sentir bene,a mio agio.Ma stavolta ho pagato per la mia ignoranza informatica.
      Ti abbraccio
      Monica

      Elimina
    2. Sinceramente mi piace molto di più questa veste da quella nera con cui ti ho conosciuto ... Siccome stai parlando con una ignorantona fose peggio di te per quanto riguarda la tecnologia: fare il backup? mumble mumble ... nemmeno io!!!

      Elimina
  10. Ahahaha Moni, passi per tutto ma il profumo, in spiaggia, mamma miaaaaaa.....avrei voluto proprio vederti, cara la mì panterona mancata, e meno male!!! :)
    Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahaha Robi dovevi vedermi..il problema è che la sottoscritta è goliardica all'inverosimile e se c'è da buttarmi mi butto..ma ero ridicolissimaaaaaaaa!Pantera lo si nasce.e infatti sono quelle tipe che lo fanno con naturalezza e non sono nemmeno fastidiose.Altre sono quelle invece che si costruiscono.E mentre parli con loro,aprono gli occhi all'inverosimile per stirare le zampe di gallina.Poi tirano fuori le labbra che sembra stiano sempre a tirar baci a tutti,ma in realtà lo fanno perchè cosi il labbrone si impone.E poi la postura:dritta dritta tette e glutei in fuori che manco se avessero ingoiato na scopa intera!!No,non ce la posso fare!
      Ti abbraccio
      Monica

      Elimina
  11. Ciao Monica! Molto carini e invitanti i tuoi tarallini!
    Fare la "panterona" che sia in spiaggia o altrove comporta una certa fatica e impegno... Io preferisco essere naturale, rilassarmi e godermi la vita!
    Se poi me lo concedi, la "panterona" di solito è anche un po' limitata mentalmente e occupa il suo tempo ad ancheggiare e a mettersi in posa perchè non saprebbe impegnare i suoi due neuroni in altre attività... No?
    Mi sono unita ai tuoi lettori fissi, se ti va passa a trovarmi, mi farebbe piacere.
    Baci!

    RispondiElimina
  12. mamma mia che bontà...
    un'idea veloce e gustosa!
    BRAVA!
    Buona giornata!
    Vale.

    RispondiElimina