Passa ai contenuti principali

La farinata di ceci ovvero quando sbagli e ti dice pure bene!






Un guaio al quale rimediare.
Questo il leit motiv di alcune delle ricette più mirabolanti delle tradizioni culinarie mondiali.
Basti pensare alla tarte Tatin.
O alla stessa farinata di ceci.

Chiudete gli occhi e immaginate una nave piena di marinai genovesi, in balia di una tempesta senza precedenti.La stiva piena di olio e di sacchi di ceci.
La furia degli elementi che rovescia tutto al suo passaggio..
L'acqua incontra i ceci l'olio e si forma una poltiglia che viene prontamente servita alla ciurma.
Siamo nel 1200 signori, non c'è da scialacquare.
La poltiglia risulta poco gradita ai marinai, che la abbandonano con fare sprezzante sul ponte della nave.

Ecco che arriva messer Sole con i suoi raggi potenti.
E la poltiglia cruda della ciotola diventa una soave focaccia che i marinai assaggiano e della quale se ne innamorano.

E che sia fainà, o cecina, o torta. o belecauda o socca...la farinata di ceci è un vanto della nostra gastronomia.

Io fino a poco tempo fa ero separata in casa con la farina di ceci.
Vivevamo si insieme, ma ignorandoci.
Lei sul ripiano della cucina in alto a destra, io nomade nelle varie stanze della casa.
Spocchiosa lei, sprezzante io.

Finchè non ho varcato la soglia del ristorante indiano.
E mi hanno fatto assaggiare i poppadom.
Quanti ne ho mangiati?
Ho perso il conto.
Alla fine ho chiesto la ricetta.
Farina di ceci la protagonista.

Caspita, allora è buona.
E da quel giorno l'idillio.

Rinforzato ancora di più dall'incontro con la ricetta di Claudia.!
La farinata di ceci, uno degli street food più amati e più osannati della nostra tradizione culinaria.
Mangiatela in purezza o arricchitela come più vi piace con spezie, salumi o tutto quello che vi suggerisce la fantasia.
Fatela sottile e fate in maniera tale che abbia la crosticina superiore che è buonissima!



FARINATA DI CECI

Teglia:26 cm
Forno 220 gradi per i primi dieci minuti,200 gradi per altri 30 minuti

Farina di ceci 150 grammi
450 millilitri di acqua
1 cucchiaino di sale
1\2 bicchiere di olio extravergine d'oliva

per guarnire:
rosmarino
timo
fiocchi di sale grosso

Mescolo la farina con l'acqua fino a sciogliere tutti i grumi.
Metto a riposare per almeno tre o quattro ore coperto , togliendo di tanto in tanto la schiuma che si forma.
Trascorso il tempo , unite il sale e 1 cucchiaio di olio.
Verso un pò del restante olio nella teglia e vi rovescio l'impasto.
Guarnisco con timo, sale grosso, pepe e rosmarino ed inforno.
Lo lascio alla massima temperatura fino a che non si forma una crosticina dorata sui bordi.
Poi abbasso la temperatura a 200 gradi e finisco di cuocere (ci vorrà un'altra mezz'ora).
Tolgo dal forno, la taglio e la servo tiepida.



Commenti

  1. Hai visto quanto è buona?????? io l'ho adorata dalla prima volta.. e ne ho fatto anche una variante con zucchine pubblicata giorni fa.. devi provare anche quella.. sublime!!! Grazie di cuore per la fiducia e per avermi citata... Un bacione :-*

    RispondiElimina
  2. Ma cribiooo... solo io sbaglio a fare la pasta biscotto per il rotolo e non viene una genialata ma una schifezza bubbonica simile alla superficie di Marte??? :) Ufff... guarda te che meraviglia con questa farina di ceci. Nemmeno io l'ho mai molto usata sai? Sarà la volta buona che ci faccio amicizia pure io! Mitiche, tu e Claudia :))

    RispondiElimina
  3. Anche io sono in fase di scoperta della farina di ceci: ci sto facendo amicizia. Per ora ci preparo una sorta di cecina con pochissimo olio e cipolle ed è buona da svenire!

    RispondiElimina
  4. la adoro, ti e' venuta davvero bene!!!!Bravissima!!!!Baci Sabry

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il Licoli di Bonci . Figo più di Johnny Depp!!

Lui è Johnny.
Johnny Depp.
Cosi ribattezzato dalle mie figlie.
Perchè bravo, bello e soprattutto bono.

Johnny è stata la mia ultima spiaggia, il mio ultimo tentativo.
Necessario perchè ultimamente il lievito di birra non lo tolleriamo un granchè.
Tentativo però verso il quale non nutrivo un granchè di aspettative.
Sono anni che tento di produrre o il lievito madre o il licoli.
Risultati?
Disastrosi.

Poi l'incontro fortuito con un blog, Golosando...serenamente e con il licoli di Bonci che a noi romani sta come Iginio Massari alla pasticceria
La sua pizza è un must qui a Roma.

Una settimana di rinfreschi e sbirciate.
Una flessione verso l'insuccesso in corsa.
Una ripresa e uno sprint degno del Bolt dei tempi migliori.
E in contemporanea il regalo graditissimo di un'amica:il suo Gustavo, ovvero il lievito madre.
Trecento anni di bontà.

Ora quindi mi ritrovo con due tipi strafighi: Gustavo e Johnny.
Belli arzilli!

In questo post proverò a raccontarvi la nascita del licoli con i…

Torta cocco arancia e i Tropici in un attimo

Nelle Filippine si dice che “chi pianta una palma da cocco pianta utensili e indumenti, cibo e bevanda, una dimora per sé e un’eredità per i suoi figli”.
Perchè il cocco non a torto viene definito l'albero della vita, basti pensare ai suoi molteplici usi.
Fornisce cibo, acqua ,olio per cucinare.
Foglie per costruire il tetto di una capanna, fibre per fare stuoie o corde.
E il guscio?
Quel guscio che io guardo ogni volta con astio, sempre tentata di buttar giù dal quinto piano la noce di cocco con la speranza che si rompa?
Il guscio diventa contenitore, posacenere, ciotolina.

Io il cocco l'adoro.
E mi piace ancora di più da quando ho iniziato ad usarlo nei piatti salati, durante le mie incursioni nella cucina etnica asiatica.
Però i dolci che sanno di cocco...beh quelli sono i miei preferiti.
Nel corso degli anni sono state varie le ricette che vi ho proposto.
Le ho guardate oggi, a ritroso, in una sorta di amarcord gastronomico.
E devo dire che le mie preferite tra quelle postate sono:

I P…

Treccia deliziosa in due ingredienti...perchè magari non ho voglia di far nulla :-)

Uffa. Cosa devo fare con questa ricetta? La inserisco oppure no? Naaaaaaaa,troppo semplice.
Si però "è bona".. Talmente bona che riecheggia solo un grido qui in casa: bene, brava, bis.
Si ,ma una può mettere una ricetta buona ma talmente semplice da sembrare un pò fuori luogo? E poi... poi guarda le foto. Lo so, le ho fatte di corsa...proprio perchè pensavo non fosse il caso di proporla. Poi ,proprio dopo il post sul LicoLi , uno dei più impegnativi e lunghi mai scritti dalla sottoscritta.
Questo il mio dialogo interiore. E intanto i giorni passano. La ricetta in questione la faccio una, due ,tre volte. Viene bene, è veloce, è apprezzata.
Ma ogni volta apro l'archivio delle foto e la scarto.
Finchè poi non mi viene in aiuto una frase che mi è stata detta un giorno, anni fa,quando ero dietro le quinte di una redazione culinaria e storcevo un pò il naso quando dovevo esaminare delle ricette un pò troppo semplici
Secondo te cosa cerca una donna che va di corsa tutto il gio…