Risotto al Mojito

Ho mandato in ferie il blog.Ne aveva bisogno poverino.A luglio ha compiuto un anno.E' ancora un bimbo,è piccino direte voi.Io sono convinta invece che per il mio blog gli anni debbano essere contati come per i gatti.Un anno felino sono quindici dei nostri.E lui se ne sentiva addirittura qualcuno in più.Ricette su ricette,continue ricerche ...e dolci,e primi,e secondi.E che sia facile,che sia economico perchè mica pasteggiamo tutti a caviale e champagne!
Ultimamente ci guardavamo in cagnesco.Lui stanco,io altrettanto.
Lui bisognoso di serrande abbassate e polvere che si accumula.
Io il bisogno della realtà,di riappropriarmi di tanti piccoli accenti e virgole che rendono particolare e "simpatica" la mia vita.Tempo e distanza tra me e lui.

Ho letto tanto e riflettuto molto.
Ho riso con le mie figlie (va beh qualche volta pure qualche urlatina).
Ho parlato tanto.
Ho ascoltato di più,una cosa che avevo perso senza rendermi conto.
Ho imparato a meditare,finalmente.Dopo anni di tentativi vani.Ci sono riuscita e ho scoperto il santo Graal,il mio santo Graal.
Ecco,questa è una cosa che mi sento di consigliare a viva voce.Perchè è vero tutto quello che si dice in merito.Si apre una porta.Strana,a tratti surreale in quei venti minuti di puro e semplice respiro.Quando si riaprono gli occhi la realtà ha colori e contorni diversi.Migliori senza dubbio.
Dieci giorni solamente di distacco,ma io vivo sempre con l'acceleratore pigiato.
E poi...e poi è arrivato il MacGyver con un acquisto fresco fresco:il dominio del blog.
Perchè devi tornare ,è ora,mi ha detto.
Perchè è la mia creatura.
Perchè le serrande vanno alzate e la polvere tolta.
Mia mamma dopo che aveva dato una bella pulita alla casa metteva sempre un bel vaso di fiori freschi.
Il simbolo della femminilità per eccellenza secondo lei.
E io ricomincio proprio da qui.
Da un bel vaso di tulipani e da una nuova energia dopo una bella pulizia di fondo.
E' vero,questo blog non ha mai lo stesso aspetto...ma in fondo rispecchia proprio la padrona di casa.Mai uguale a se stessa !
E allora ripariamo le danze con le ricette.Ne ho in serbo molte.Tante di dolci,ma non solo.La cosa essenziale però è che saranno tutte:facili,veloci ed economiche!



Ben ritrovate a tutte voi!


E per ricominciare un bel primo piatto.Un risotto contaminato dalla stagione estiva:risotto al mojito.
Un risotto estremamente buono e semplice che pretende però ingredienti di ottima qualità.Rhum di quello bevuto nei peggiori bar di Caracas,menta forte e lime succosi,maturi al punto giusto.
Da un'idea iniziale di Simone Rugiati.

Risotto al Mojito

320 gr riso vialone nano
50 gr burro
1 lime
1 spicchio di aglio
1/2 cipolla
1 mazzetto di menta fresca
olio extravergine d'oliva
sale e pepe
brodo vegetale quanto basta

Tritare aglio e cipolla.fateli rosolare  in 25 gr di burro e due cucchiai di olio di oliva.Aggiungere il riso e farlo tostare per due minuti circa.
Sfumare con il rum previsto.Una volta evaporato l'alcool unite, un mestolo alla volta, il brodo vegetale.A metà cottura unite metà della scorza grattugiata del lime e metà del mazzetto di menta fresca tritata.Portate a cottura.Un minuto prima unite la scorza del lime , la menta rimanente tritata e il succo del lime stesso.Spegnete,unite il burro rimasto e servite guarnito di foglioline fresche di menta




31 commenti:

  1. È sempre bello leggerti..
    La meditazione è stata la mia salvezza..
    Il risotto da alcolizzati mi mancava! Ci devo provare a farlo e prometto che uso il burro!!!
    Bacetti e ben tornata :-D

    RispondiElimina
  2. Cara Monica credo che un pò a tutti sia successo ciò che è successo a te, ogni tanto si sente il bisogno di staccarsi da ciò che si è creato con entusiasmo e passione per poi ritornarci più cariche di prima :) Anche io ultimamente sia per il caldo, sia perchè stò lavorando di più e sia perchè non mi sento più ispirata, mi sono un pò allontanata dal mio blog e da quelli altrui. Ma sò che quando riprenderò a pubblicare lo farò perchè ne avrò davvero voglia e bisogno, le cose vanno fatte per se stessi e non per gli altri :) Imamgino sia molto buono questo risotto grazie a te e a Rugiati!

    RispondiElimina
  3. Hai fatto bene, tesoro. Una 'partenza' che ti ha arricchita e confortata; una lontananza che ti ha rinvigorita e ha riacceso in te una nuova grinta. <3 Un 'ritorno' in grande stile e con una stupenda novità: complimenti per il dominio e per questi bellissimi fiori di benvenuto! :) Credo che uno spazio tutto nostro debba essere prima una nostra casa.. solo nostra. Se non piace più o non ispira più, va rinnovata o va dato tempo al tempo. E' uno spazio che esprime la nostra anima ma quando l'anima non vuole esprimersi è giusto metterla a tacere.. Ti voglio bene! Complimenti per questa ispirazione fantastica! :)

    RispondiElimina
  4. Amica cara che bello rileggerti!!
    Sono davvero felice che tu sia tornata...tu e ciò che pubblichi mi siete mancati davvero tanto!
    Questo risotto deve essere eccezionale...mi sa che un pò come per quello al limone e prosecco appena ne avrò l'occasione lo provo!!un abbraccio grande grande!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Barbara ben ritrovata a te!!!!
      Grazie mille per le tue parole!
      bacioni
      Monica

      Elimina
  5. Il punto dove mi trovi più d'accordo? "ho parlato tanto"
    ahahhahahh soreta per me non sei mai andata via e quindi dovrò sopportarti di nuovo pure qua :-))))

    RispondiElimina
  6. BENTORNATAAAAA!!!!! io invece sto approfittando delle mie ferie intelligenti (con i muratori a casa) per riappropriarmi del mio blog che amo tantissimo!!!! magnifico questo risotto che mi riporta a Cuma, mio amor di sempre, dove sorseggiavo questo magnifico long drink!!! un bacione!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mimma cara!!bentrovata!Come stai?Mi piace l'idea delle ferie intelligenti con i muratori in casa!
      Ti abbraccio
      Monica

      Elimina
  7. Ciao. Ogni tanto bisogna staccare un po dalle cose per apprezzarle nuovamente. Meno male però che sei tornata. Questa ricetta l'ho letta anch'io ma non ho avuto il coraggio di provarla. Più che altro per la menta. Comunque il tuo piatto mi ispira parecchio di più. Simone Rugiati non se ne abbia a male!

    RispondiElimina
  8. Sono contenta che riparti con questo entusiasmo, aspetto altre deliziose ricette come queste. Buona continuazione!

    RispondiElimina
  9. Meno male che la tua pausa è stata breve.
    Riflettevo su ciò che hai scritto e ti di ragione: un anno di blog è mto più lungo di un anno della nostra vita. Dentro c'è tanto, c'è troppo, una grande cacciata emotiva. Il tempo è più dilatato perché lo sono le parole legate alle nostre emozioni.

    Hai comprato il dominio!!! Sai che ci penso anche io? Sono ancora collegata solo con il cellulare ma appena torno alla mia vita normale, ti chiedo ragguagli :)

    Frrrrr (fusa) :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frrr frrr altrettante fusa mia bella spettinata !
      Il dominio?bello ma grrrrrrrrrrrrrr poi ti racconto in privato e ti do ragguagli mirati!
      baci baci e ancora baci
      Monica

      Elimina
  10. la vacanza serve sempre a tutti grandi e piccini, è sempre un'ottima cosa quando si decide di farla, bravissima, questo risotto semplice ma con ingredienti ricercati è qualcosa di spettacolare, complimenti e buon w.e.

    RispondiElimina
  11. E' molto bello quello che scrivi. E' essenziale, nella vita, spostare l'attenzione sull'importanza di noi stessi, ascoltarci, concentrarci su ciò che veramente siamo. E' interessante e piacevole leggere che tu sia riuscita a dedicarti a tutto questo, trovando la tua pace. Ti seguivo con estremo piacere prima.... ora sento una marcia in più. Sei sempre grande e questi fiori profumano di rinnovo e di cambiamento, quello interiore. Grande Monica!!
    E cosa dire di questo risotto? Superbo, direi..... azzarderei dire meglio dello spunto di partenza di Simone Rugiati ;)
    Un abbraccio strettissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie erica sei sempre cosi cara con me!
      Ti abbraccio forte forte
      Monica

      Elimina
  12. Bentornata! Buono il risotto: l'ho adocchiato pure io in una rivista e non vedo l'ora di provarlo!

    RispondiElimina
  13. Bentornata cara Monica. Condivido; un anno del nostro blog può essere tranquillamente paragonato alla vita dei nostri gatti. E' giusto prendersi dello spazio se la mente ne ha bisogno e credo che imparare ad ascoltare i ritmi interiori del nostro corpo serva moltissimo al nostro equilibrio.

    Solo una cosa; ma quanto rum occorre per questo risotto così insolito?

    Un abbraccione e buon week end ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 50 ml Terry ^_^
      la vacanza poi è il momento migliore per assecondare se stesse,i propri ritmi.E io ne avevo proprio bisogno!
      Un abbraccio
      Monica

      Elimina
  14. Complimenti per il cambiamento, un bel traguardo!!
    Un abbraccio.
    Stefy

    RispondiElimina
  15. Bentornata!Sono molto lieta che la pausa ti sia stata utile e che tu abbia potuto sperimentare la meditazione. Per me è ancora un traguardo lontano!!
    Mi intriga molto il risotto che proponi, davvero insolito.
    Ti abbraccio e buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Rò!!!
      Io ho scoperto un universo nuovo,un nuovo modo di vedere le cose..
      Ti abbraccio forte
      Monica

      Elimina
  16. Dovresti farmelo assaggiare.....il piatto mi stuzzica :)

    RispondiElimina