7 marzo 2017

La Torta della Nonna per intolleranti al lattosio e spiegatemi il perché...



senza lattosio




Le forbici giganti mi inseguono.
Io cerco di scappare ma loro sono più veloci. 
Corro corro ma inciampo, inciampo e cado. Come nella miglior tradizione cinematografica.
Mi raggiungono e ........

Ecco, questo è uno dei miei incubi. La forbice che mi insegue. E sapete perché? Perché ormai sono traumatizzata dal nemico pubblico numero uno delle donne: la Parrucchiera, o hair stylist giusto per darmi un tono e fare la chic.

E mica ho torto.
Perché io, gaia e baldanzosa, entro in questo modo:


(ve lo ricordate il cugino It della famiglia Addams?)

Faccio presente alla serial killer di parrucchini...Mi raccomando, solo una spuntatina, please. 
Due,tre centimetri non di più. 
Ed esco così:


Io e lo zio Fester Addams due gocce d'acqua.

E allora ditemi :

1) Perché? Perché queste care ragazze sono nemiche della spuntatina?

2) Faccio bene ad avere gli incubi?

Santa patata, in quarantacinque anni di onorata carriera di capellona ricciona non ho mai incontrato una, ma dico una parrucchiera che mi abbia assecondato sulla spuntatina. Quando vedono la mia massa ipertricotica vengono prese da un raptus che nemmeno un derviscio rotante sarebbe all'altezza!!

Ora, detto questo, passiamo alla nostra cara torta della nonna.

Se, come me, avete oltrepassato la quarantina, ricorderete bene che la torta della nonna era tra le protagoniste del carrello di dolci al ristorante. Golosa e rassicurante come il toupet di Nonna Papera.

Oggi ve la propongo nella versione senza lattosio, adatta a chi, come me, ogni tanto (o sempre) deve affrontare una dieta per le intolleranze.

La frolla è sempre lei, la MITICA FROLLA ALL'OLIO.
E la crema pasticcera è realizzata con il latte vegetale.
Pronte?


TORTA DELLA NONNA per intolleranti

per la frolla:

400 g farina
180 g zucchero
2 cucchiaini di lievito per dolci
scorza grattugiata di un limone
2 uova
1 pizzico di sale
100/120 ml olio vegetale

per la crema:

2 uova
400 ml latte vegetale (soia, riso o avena)
130 g zucchero
vaniglia (vanillina o, meglio, essenza di vaniglia)
30 g farina

per la superficie:

50 g pinoli

Prepara la crema

Fai scaldare il latte. In un contenitore sbatti le uova con lo zucchero fino a ottenere un composto omogeneo e gonfio. Aggiungi la farina, il pizzico di sale e il latte caldo. Metti sul fuoco e porta a bollore, mescolando spesso. Una volta raggiunta la corretta densità, spegni e fai raffreddare.

Prepara la frolla:

nella planetaria o sul tavolo infarinato metti la farina a fontana, pratica un buco al centro e unisci mano mano tutti gli ingredienti. Se il composto fatica ad agglomerarsi, niente paura! Unisci poche gocce d'acqua alla volta per aiutarti.

Prepara la torta:

accendi il forno statico a 180 °C.
Prendi uno stampo da 22 cm.
Dividi il tuo panetto in due.
Prendi un foglio di carta forno e stendi la prima metà dell'impasto. Rivesti il fondo della tortiera.
Riempi con la crema.
Stendi il secondo panetto di frolla e copri la superficie della torta. Ricopri con i pinoli e fai cuocere per circa 30 minuti. Prima di tirarla fuori, controlla che sia ben cotta.
Fai raffreddare e decora con lo zucchero a velo.

n.b: preparala la sera prima per gustarla il giorno dopo. Il riposo ne migliora il sapore!

16 Comments

16 commenti:

  1. Carissima,succede lo stesso pure a me...e puntualmente poi sono lacrime!!!!! meglio consolarci con una fetta di torta...e w i capelli lunghi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. senza dubbio W i capelli lunghi, non potrei mai rinunciarci!
      Ti abbraccio
      Monica

      Elimina
  2. Diciamo che gli hair stilist se ne fregano di quello che desideri loro vogliono che tu vada fuori con un "testa" sperando che qualcuno ti fermi e chieda...ma da quale maestro è stata?? Credimi è cosi purtroppo ed infatti io vado a cimare un pochino lo scalato ogni 4-6 mesi pelata non esco di sicuro altrimenti tiro fuori la 45 ......
    Almeno quelli che si definiscono tali a Trieste sai che entri con ed esci quasi pelata ..purtroppo.
    Ottimo il dolcetto buona serata e capovolgi l'incubo volgi le forbici al hair stilist..... ciaooo buona serata

    RispondiElimina
  3. Prontissima, Moni, anche se al toupet di Nonna Papera mi è crollato un mito! Ahahahah non avevo fatto caso alla sua calvizie!!! Comunque hai ragione in merito ai parrucchieri e alla loro schizofrenia da forbice incallito! Io ci litigo ogni volta....ma mi rincuoro nell'addentare una fetta di questa strepitosa torta tutta vegetale...slurp! Bacioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella Vale, presa anche te dal workout come la sottoscritta!! prima o poi ce la dobbiamo mangiare insieme una torta!
      Baci

      Elimina
  4. mmmh ma che buona dev'essere questa torta
    io non sono intollerante, ma mi segno spesso anche le ricette per loro, perché mi pare siano più "sane" meno buone, solitamente, ma che è permesso mangiare più volte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah, per la questione capigliatura faresti bene ad arrenderti punto e basta.
      è quasi del tutto inutile dire ad un parrucchiere cosa vorresti, ha le forbici dalla parte del manico e non ha paura di usarle!

      Elimina
    2. Sul meno buono a volte è vero (diamine, vuoi mettere un dolce con burro zucchero latte...) però a volte trovi quella ricetta che ti fa esclamare..ma dai!!!
      Le forbici dalla parte del manico mi piace!! Me la rivendo!
      Baci

      Elimina
  5. ahahahahahah!!!! tutti uguali, una spuntatina diventa lo scalpo!!!!
    Meglio che ti rubi una fetta di torta, tanto lo sai che non sono intollerante, ma mangio di tutto!!!
    Buon 8 marzo, ma che la festa della donna sia per tutto l'anno!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mila quanto me piaci! Adoro le persone che mangiano di tutto e lo fanno con gioia!
      Anche se in ritardo, buona festa della donna tutto l'anno anche a te!
      Un abbraccio

      Elimina
  6. Tesoro mio dimmi perchè i caratteri del post nelle prime righe sono così piccoli :-))))))))))))))) non ci vedooooooooo!!!!!! Mamma mia che orba che sono!!!! Beata te che hai una massa informe da splulciare, io con la mia testa dritta come uno spaghetto appena spunto divento pelata :-) Ma passiamo a qualcosa di più importante la torta, quanto deve essere buona? Questa frolla all'olio la devo provare! Un bacione e buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ely, ho il template impazzito! Ho provato ad aprire alcune pagine vecchie e ci sono delle foto mostruose che riempiono la pagina ahaha AIUTO!!! Wordpress salvami tu!
      La frolla all'olio è proprio buona!!!
      Un abbraccio

      Elimina
  7. Io ho il problema esattamente contrario: quando dico "Avanti con la rasatura" mi guardano strana e si rifiutano!! E allora giù a ripetere che sì voglio rasarli, che sì mi piacciono rasati, che sì l'ho già fatto 100 volte e che non me ne frega niente se sono 3 anni che provo a farli crescere..mi sono stufata per cui prendi quella maledetta macchinetta e RASA!!
    Ahh santa polenta che mondo!!
    Complimenti per la torta: la rifarò sicuramente e magari la porterò dalla parrucchiera che così la prossima volta non mi contrasterà più di tanto!!
    PS: per chi ci vede poco [io sono del club delle cieche totali], tenete premuto il tasto "CTRL" e fate su e giù con la rotellina del mouse ;)

    RispondiElimina

Followers

Visualizzazioni :

Google+ Followers

Search This Blog

Popular Posts

Pages

monicapennacchietti@l'emporio21. Powered by Blogger.

Buzzoole

buzzoole code

histats

Follow by Email

Se vuoi contattarmi:



Collaboro con:

Translate

Follow us

Instagram