28 settembre 2014

La Linzer Torte e la ciccia scorre come il bel Danubio blu







L'atmosfera è quella tipica Mitteleuropea.
Valzer, Sacher e il bel Danubio blu.
E poi più su ,a nord
Stradine, il fiume che scorre placido e il lontananza il Linzer Schloss.

Un castello, una città magica e una passeggiata sul Postlingberg, un tram che svela la bellezza di Linz da più di cento anni.
E tante piccole briciole sulle mani, agli angoli della bocca.

Perchè la Linzer Torte è uno dei monumenti della città.
Perchè se la assaggi ti travolge con un'esplosione di sapori, di spezie calde, di fragranze antiche.
E ti avvolge con le spire di un serpente che stringe sempre di più.
E una fetta non basta mai.

Il Bel Danubio blu scorre.
E cosi anche la ciccia sui fianchi.

A settembre, dopo le mie vacanze a zonzo per l'Europa centrale, tornavo a Roma rotolando direttamente dalle Alpi.

Sacher, Linzer Torte, cioccolato svizzero, wurstel e crauti a Monaco, nusskipferl e la mitica Foresta Nera.
Mangiavo come se non ci fosse un domani.
Incurante della ciccia e brufoli.
Mitica giovinezza.

Pare che la Linzer sia la torta più antica al mondo.
La ricetta è stata ritrovata addirittura nel Codex del 1653 dell'abbazia di Admont.
Ma non si conosce il nome del suo inventore.
Si sa solo che è un vanto austriaco.
Della città di Linz,
Appunto.

Burro, uova, farina, una cascata di nocciole tostate e una distesa di confettura di ribes o lamponi.
Un impasto che sa di cannella , di vaniglia e di limone.

Una torta che suscita parecchie illazioni .
Chi la fa in una maniera.
Chi in un'altra.

All'epoca, a Linz, mi dissero che il diktat era la confettura di lamponi e un sottile strato di ostie tra l'impasto e la confettura stessa.

Potrei dirvi di aver cercato suddette ostie per mare e per monti.
Non è vero.

Non mi sono presa la briga di farlo.
Quindi la mia linzer Torte non è proprio quella originale ^_^

Alcuni utilizzano le mandorle al posto delle nocciole.
Altri un mix tra le due.

Io solo nocciole tostate.
Perchè il matrimonio con la confettura di lamponi è uno di quelli che dura nel tempo.

Solido, indissolubile. 

Pronte?



Linzer Torte

ingredienti per la frolla:

farina 250 grammi
zucchero 150 grammi
nocciole tostate e frullate finemente 100 grammi
uovo 1
burro morbido 150 grammi
lievito in polvere 2 cucchiaini
sale 1 pizzico
scorza di 1 limone
1\2 cucchiaino di cannella
1\2 cucchiaino di essenza di vaniglia
1 punta di chiodi di garofano in polvere

per il ripieno:
confettura di lamponi

Su un piano di lavoro infarinato sistemate la farina a fontana e tutti gli ingredienti indicati per la frolla.
Lavorateli brevemente e velocemente fino ad ottenere un impasto omogeneo che metterete in frigo per una mezz'ora.
Riprendete l'impasto dopo il riposo in frigo e dividetelo in due parti, di cui una più grande dell'altra.
Sistemate un foglio di carta forno sul ripiano di di lavoro.
Stendet la parte di impasto più grande e lavoratela con il matterello.
Dovrete ricavare una circonferenza pari a quella della teglia che userete per la cottura (la mia era da 22 cm).
Aiutandovi con la carta forno, sistemate il cerchio di impasto nella teglia.
Unite la confettura.
Con la seconda parte dell'impasto ricavate tante strisce da sistemare a grata sulla crostata.
Spennellate con un pò di tuorlo d'uovo sbattuto.
Cuocete in forno statico per 30 minuti.
Fate raffreddare e spolverate, se volete, con dello zucchero a velo.





12 Comments

12 commenti:

  1. se vuoi te le mando io le ostie... !! Bella bella la tua Linzer!! machettelodicoaffà....!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con o senza ostie cara Barbara....me la mangio in un sol boccone!!
      Un abbraccio

      Elimina
  2. BELLISSIMA E BUONISSIMA, BRAVA!!!CHE FOTO MERAVIGLIOSE!!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
  3. sí,ma se non me ne hai lasciato un pezzetto...:'(..
    Un abbraccio
    Vera

    RispondiElimina
  4. E' da tantissimo che mi ripropongo di farla, la tua è bellissima!!!

    RispondiElimina
  5. nel corso degli anni ho provato diverse ricette della Linzer, mi toccherà provare anche la tua..
    grazie, un bacione

    RispondiElimina
  6. Con una torta così vale la pena rotolare ed avere la ciccetta sui fianchi! Ci sono cose a cui proprio non si può rinunciare e qeueto dolce è una di quelle!

    RispondiElimina
  7. meravigliosa torta e pazienza per la ciccia!
    amelie

    RispondiElimina
  8. No va beh non puoi farmi leggere la storia, attaccata al monitor con l'acquolina in bocca e po mostrarmi questa torta e non aspettarti un po' di sana gelosia per te che te la puoi mangiare ed io, al di qua, che resto a bocca asciutta....picché?
    Storia a parte, è una di quelle ricette che tanto avrei voluto fare e che tante volte andava sempre nel dimenticatoio, grazie per avermela tirata fuori, di nuovo.
    Vedrò quando prepararla.....a modo tuo, a modo mio, a modo della città, basta che se magna!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ....e dall'ultima frase avrai capito che io e le mie cicce andiamo perfettamente in sintonia ^_^

      Elimina
  9. maròòòò a me la ciccia sui fianchi è già venuta, solo guardando la fotografia e leggendo la ricetta!!!!

    RispondiElimina

Followers

Visualizzazioni :

Google+ Followers

Search This Blog

Popular Posts

Pages

Blog Archive

monicapennacchietti@l'emporio21. Powered by Blogger.

Buzzoole

buzzoole code

histats

Follow by Email

Se vuoi contattarmi:



Collaboro con:

Translate

Follow us

Instagram