28 agosto 2012

Pasta allo Scarpariello

Ieri mi auto-celebravo.Oggi mi auto-cito.Un pò di megalomania forse? ^_^
Comunque.Ieri sul mio profilo Facebook ho pubblicato la foto di un paio di occhiali da vista con queste parole.

"Un piccolo regalo per chi vede sempre gli altri attraverso solo i propri occhi e il proprio naso e non va mai oltre.A chi non tollera sfumature,a chi non capisce la sofferenza degli altri o la giudica poca cosa perchè la interpreta a suo modo.Ma un modo non è mai uguale ad un altro."

E lo dedico ad una mia amica virtuale ma reale nello stesso tempo.Una splendida persona alla quale le difficoltà della vita,lo stress di tutti i giorni le stanno risucchiando mano mano tutto il carattere ,tutta la disponibilità e la comprensione che fanno parte di lei.E miete vittime su vittime,incomprensioni..e mi dispiace ,così tanto.Ma fa l'errore che facciamo tutti.La nostra esperienza,il nostro sentire diventano sovrani.E i vestiti ci si incollano addosso e non riusciamo più a metterci nei panni degli altri.
Bando alle ciancie.Indovinate perchè 'sta ricetta si chiama Scarpariello?Perchè vi sfido.
A non fare la scarpetta!!Io l'ho fatta.Alla faccia di Monsignor Dalla Casa e del Galateo!!!
(in relatà sembra che debba il suo nome al fatto che fosse la ricetta preferita dagli scarpari,cioè i calzolai,napoletani.Povera ma gustosa nello stesso tempo)

Pasta allo Scarpariello

Ingredienti:

1 scatola da 800 gr di pomodori pelati
aglio
vino bianco
tante foglie di basilico
origano
peperoncino (se vi piace)
1 cucchiaino di zucchero

Prendete una padella e soffriggetevi l'aglio tagliato in due.Sfumate con il vino bianco (occhio agli schizzi),togliete l'aglio e aggiungete i pomodori spezzettati,il sale,un pò di zucchero e le foglie di basilico.fate cuocere a fiamma vivace.Cuocete la pasta e spadellate con il sugo preparato,aggiungendo una spolverata di origano.
Ultima chicca (me l'ha data una signora di Ischia anni fa).una bella grattugiata di scamorza fresca sopra la pasta impiattata.Il formaggio si scioglie e....beh ve lo lascio immaginare!!!
6 Comments

6 commenti:

  1. Dolce Monica.. servirebbe proprio una vista più profonda per capire il dolore proprio e quello altrui: e spesso le due cose sono intimamente collegate. A volte la superficialità rende miopi, ciechi, convinti che il grigiore e le tempeste sono l'unica stagione che può vivere il cuore. Pregiudizi, cattiverie e mancanza d'amore o di fiducia possono allora essere fatali: divengono la parte oscura di un'anima che non riesce più a brillare. E spero che la tua amica torni a splendere presto.
    Questa pasta è tutta da 'scarpariellare'!! E chi resiste? La vera maleducazione o il vero peccato è non farlo!! ;) Gustosissima! Un bacio stella :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ely,lo spero anche per lei,ma la vedo dura,si sta perdendo.....Hai ragione,la vera maleducazione è...non farla la scarpetta!!!! ^_^
      baci mia cara!!

      Elimina
  2. Ciao, fai un salto da me, ti aspetta una sorpresa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ANNA!!! ma finalmente sei tornata!!Ora mi hai incuriosita,vengo subito da te!!! ^_^

      Elimina
  3. ciao e piacere di conioscerti! ho letto questa tua frase di apertura su FB e mi hai colpito così come mi ha colpito il tuo blog e questa pasta...a presto e per il momento buona cucina e buona vita!

    RispondiElimina
  4. Romy il piacere è mio e benvenuta nel mio blog!Buona vita anche a te e a presto!!

    RispondiElimina

Followers

Visualizzazioni :

Google+ Followers

Search This Blog

Popular Posts

Pages

Blog Archive

monicapennacchietti@l'emporio21. Powered by Blogger.

Buzzoole

buzzoole code

histats

Follow by Email

Se vuoi contattarmi:



Collaboro con:

Translate

Follow us

Instagram