Passa ai contenuti principali

La vera brioche "cu zuccuru"

Buongiorno cari!!oggi vi propongo una ricetta veramente formidabile.Frutto di un tiro incrociato tra un blog famosissimo "Paoletta Anice e Cannella" e una signora incontrata al mare.Da una ho preso la ricetta.E credetemi è proprio quella delle briochine con lo zuccchero che si trovano presso i fornai a Catania.Io tutte le estati vado in quel della Trinacria (mio marito è siciliano) e 'ste briochine mi hanno colpito da subito.E la ricetta di Paoletta le ripropone tali e quali.La signora al mare invece mi ha fatto vedere invece una brioche fatta da lei.Praticamente aveva steso l'impasto e tagliato con il coppapasta tanti tondini fino ad esaurimento dell'impasto .Poi li aveva composti a raggiera dentro lo stampo.L'idea mi è piaciuta e ho voluto emularla.Di solito queste brioche le faccio a forma di treccina.Oggi invece ve le propongo con un altro vestito.provatele,ne vale la pena

Brioche cu zuccuru

Ingredienti:
500 gr farina (250 manitoba 250  farina 00)
75 gr strutto
75 gr zucchero
170 ml latte
170 ml acqua
1 bustina lievito di birra
1 pz sale

:Fare una fontana con la farina prevista dall'impasto su un piano di lavoro.Create al centro di tale fontana un buco nel quale mettere TUTTI gli ingredienti.Lavorare il composto fino a che risulti omogeneo.Fatelo lievitare fino al raddoppio (ci vorrà circa un'ora e mezza). A questo punto staccate dei pezzi medi di impasto. Ricavatene due cordoncini che andrete ad intrecciare. Continuate cosi fino ad esaurimento dell'impasto stesso. Le trecce cosi ottenute le mettete su una placca del forno.Prendete ALTRA acqua e latte (calcolate 1 bicchiere,cosi composto:metà acqua e metà latte) e spennellate le treccine.Fate lievitare per una mezz'ora circa. A questo punto spennellatele di nuovo con il mix di acqua e latte. Infornate (180 gradi forno statico) per circa 30 minuti. Togliete dal forno e spennellatele di nuovo prima di cospargerle con lo zucchero semolato a pioggia.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il Licoli di Bonci . Figo più di Johnny Depp!!

Lui è Johnny.
Johnny Depp.
Cosi ribattezzato dalle mie figlie.
Perchè bravo, bello e soprattutto bono.

Johnny è stata la mia ultima spiaggia, il mio ultimo tentativo.
Necessario perchè ultimamente il lievito di birra non lo tolleriamo un granchè.
Tentativo però verso il quale non nutrivo un granchè di aspettative.
Sono anni che tento di produrre o il lievito madre o il licoli.
Risultati?
Disastrosi.

Poi l'incontro fortuito con un blog, Golosando...serenamente e con il licoli di Bonci che a noi romani sta come Iginio Massari alla pasticceria
La sua pizza è un must qui a Roma.

Una settimana di rinfreschi e sbirciate.
Una flessione verso l'insuccesso in corsa.
Una ripresa e uno sprint degno del Bolt dei tempi migliori.
E in contemporanea il regalo graditissimo di un'amica:il suo Gustavo, ovvero il lievito madre.
Trecento anni di bontà.

Ora quindi mi ritrovo con due tipi strafighi: Gustavo e Johnny.
Belli arzilli!

In questo post proverò a raccontarvi la nascita del licoli con i…

Torta cocco arancia e i Tropici in un attimo

Nelle Filippine si dice che “chi pianta una palma da cocco pianta utensili e indumenti, cibo e bevanda, una dimora per sé e un’eredità per i suoi figli”.
Perchè il cocco non a torto viene definito l'albero della vita, basti pensare ai suoi molteplici usi.
Fornisce cibo, acqua ,olio per cucinare.
Foglie per costruire il tetto di una capanna, fibre per fare stuoie o corde.
E il guscio?
Quel guscio che io guardo ogni volta con astio, sempre tentata di buttar giù dal quinto piano la noce di cocco con la speranza che si rompa?
Il guscio diventa contenitore, posacenere, ciotolina.

Io il cocco l'adoro.
E mi piace ancora di più da quando ho iniziato ad usarlo nei piatti salati, durante le mie incursioni nella cucina etnica asiatica.
Però i dolci che sanno di cocco...beh quelli sono i miei preferiti.
Nel corso degli anni sono state varie le ricette che vi ho proposto.
Le ho guardate oggi, a ritroso, in una sorta di amarcord gastronomico.
E devo dire che le mie preferite tra quelle postate sono:

I P…

Treccia deliziosa in due ingredienti...perchè magari non ho voglia di far nulla :-)

Uffa. Cosa devo fare con questa ricetta? La inserisco oppure no? Naaaaaaaa,troppo semplice.
Si però "è bona".. Talmente bona che riecheggia solo un grido qui in casa: bene, brava, bis.
Si ,ma una può mettere una ricetta buona ma talmente semplice da sembrare un pò fuori luogo? E poi... poi guarda le foto. Lo so, le ho fatte di corsa...proprio perchè pensavo non fosse il caso di proporla. Poi ,proprio dopo il post sul LicoLi , uno dei più impegnativi e lunghi mai scritti dalla sottoscritta.
Questo il mio dialogo interiore. E intanto i giorni passano. La ricetta in questione la faccio una, due ,tre volte. Viene bene, è veloce, è apprezzata.
Ma ogni volta apro l'archivio delle foto e la scarto.
Finchè poi non mi viene in aiuto una frase che mi è stata detta un giorno, anni fa,quando ero dietro le quinte di una redazione culinaria e storcevo un pò il naso quando dovevo esaminare delle ricette un pò troppo semplici
Secondo te cosa cerca una donna che va di corsa tutto il gio…