2 maggio 2016

Kinder Cereal Ale' Ale'-falso d'autore e il manuale della casalinga perfetta




Pensate sia anacronistico?
Niente affatto.
Vi ripropongo un tema di cui ho parlato anni fa ma che rimane sempre attuale.
Volete trasformarvi in una casalinga perfetta?
Venite con me,vi accompagnerò in questo viaggio allucinante..ehm...volevo dire entusiasmante.
Ho scovato e tradotto un piccolo manuale della casalinga perfetta. Un trattato degli anni '60 che veniva letto e studiato durante l'ora di economia domestica francese.
A me, scartabellando tra i ricordi di mia mamma, me ne capitò uno in mano. Ma vi assicuro che c'erano nozioni di cucito, di cucina, di economia ,di ricamo. Qualche piccola digressione verso il pollice verde,ma nulla più. O comunque niente di quello che ho letto in queste piccole pagine che ho trovato...
Bando alle chiacchiere.
Tirate fuori il grembiulino,si proprio quello a quadretti rosa, quello con la pettorina e i volants. Chignon d'ordinanza,rossetto mi raccomando, filo di perle e orecchini in pendant. Si parte, allacciate le cinture di sicurezza e facciamo un bel tuffo all'indietro.
Niente sarà più lo stesso..

Prima regola della casalinga perfetta:

"Fate in modo che la cena sia sempre pronta al suo rientro.
Se occorre preparate tutto fin dalla sera prima perchè il LUI in questione ha bisogno di trovare al suo rientro un delizioso pasto che lo attende. E' una maniera per fargli sapere che avete pensato a lui,ai suoi desideri e ai suoi bisogni .La maggior parte degli uomini torna dal lavoro affamata e la prospettiva di una deliziosa cena è allettante"
Questa prima regola è un incipit soft, giusto per non farvi chiudere subito il manuale e mandare la sottoscritta a raccogliere zucchine sul Raccordo Anulare. . In linea teorica noi foodblogger possiamo essere d'accordo. Amare lo spignattamento è una maniera di comunicare amore ai nostri cari, di coccolarli, di allietarli e di consolare e cancellare una giornata storta. Magari non ci mettiamo a preparare dalla sera prima, però dai......'sta regola ci piace, che dite?

Seconda regola:

"SIATE PRONTA!
Prendetevi quindici minuti di tempo per riposarvi prima del suo rientro. Ritoccatevi il trucco, mettete un nastro nei capelli, siate fresca e affabile. LUI ha trascorso la giornata in compagnia di persone che lo hanno stressato e sovraccaricato. Siate allegra e rendetevi più interessante delle persone che lo hanno circondato al lavoro. La sua giornata ha bisogno di essere rallegrata e questo è uno dei vostri principali doveri"
Ora, il fatto di "rassettarsi", di ritoccarsi il trucco è una regola valida senza dubbio. Con l'unica differenza (spero e mi auguro) che oggi lo facciamo per noi stesse e non in relazione al maschio dominante!
E poi mi chiedo: ma la casalinga perfetta vintage era sempre sorridente e allegra?
Le sarà capitata qualche volta una di quelle giornate in cui il detersivo non  lava che più bianco non si può, mezza camicia rimane appiccicata sul ferro rovente e il sugo ha deciso di amoreggiare tenacemente con le piastrelle?
O che magari un ragazzino si è infilato una matita su per il naso, l'altro infante, fulminato sulla via di Damasco, ha deciso di liberare tutta la sua collezione di lucertole in giro per casa e il gatto, non trovando la sua personale limetta per le unghie, ha pensato bene di accarezzare con passione il divano?
Timer alla mano, quindici minuti prima del suo rientro respirazione in stile Hatha Yoga, diciamo tutte insieme Om...Om..Om...trucco, parrucco, profumo, i l nastro (mi raccomando il nastro) e aprite la porta mentre cercate di ingoiare come un malefico rospo quel sonoro Vaffa che vi ostruisce la giugulare.
Sorridete casalinghe sorridete.
( e ricordatevi ...siamo solo all'inizio)

Sia chiaro.
Sono consumatrice sana di merendine.
E ora l’ho detto.
Mi piacciono, mi piacevano quando me le nascondevano a casa e impiegavo gran parte della mia giornata per scovarle e mi piaceranno pure quandos arò sdentata.
Tanto so morbide.
Ma le Kinder capperi no.
Datemi una Kinder Brioss se mi volete male.

Ma siccome ogni regola ha la sua eccezione eccola all’orizzonte.
La Cerealè, nata dall’Expò e dalle richieste degli utenti.
Oh è buona eh? Soffice, gustosa, un’ottima crema allo yogurt ma…ma c’ha il lampone.
E a me non garba.
E allora ho provato a farmela da sola.
Ho stuzzicato u po’ di ricette, ho studiato a memoria la lista degli ingredienti e voilà la ricetta.
Buona e con i frutti di bosco al posto del lampone antipatico.
Le foto? Soprassedete.
Sono nel periodo shabby e sto “shabbando” la mia casa come se non ci fosse un domani.
Muri, mobili e gatta compresa.
Il tempo è poco e la voglia di fare delle foto accettabili è finita nel cassetto delle cose perdute!

CEREALE’ ALE’ ALE’

Per l’impasto:
300 grammi di farina 00
160 grammi di farina integrale
40 grammi di farina di riso
2 tuorli
20 grammi di semi misti (lino sesami zucca quello che volete)
30 grammi di burro fuso
20 grammi di olio di semi
120 grammi di zucchero
1 pizzico di sale
Vaniglia
1 bustina di lievito  di birra
180 millilitri di latte intero

Per la crema allo yogurt:
panna da montare vegetale
1 vasetto di yogurt bianco dolce
4 cucchiaini di zucchero a velo

Marmellata:
frutti di bosco (o comunque secondo il proprio gusto)

Disponi le farine setacciate sul piano di lavoro infarinato (oppure nella planetaria)
Aggiungi tutti gli ingredienti previsti e inizia ad impastare.
Quando si sarà formato un impasto compatto ed omogeneo mettilo a lievitare per circa un’ora e mezza (o almeno fino al raddoppio).
Riprendi l’impasto , sgonfialo un pochino e mettilo in una teglia rettangolare di medie dimensioni, foderata di carta forno.
Fai lievitare di nuovo per circa 30 minuti.
Accendi il forno a 180 gradi e cuoci il tuo impasto per circa 30 minuti.
Prepara la crema:
Monta la panna vegetale (ti consiglio di usare questa perché rimane più compatta e il risultato sarà simile all’ originale).
Una volta montata aggiungi lo yogurt poco alla  volta e mescola. Unisci anche lo zucchero a velo (assaggia e valuta il grado di dolcezza)
Fai raffreddare la base cotta in forno.
Toglila dalla teglia e tagliala in rettangoli.
A me ne sono venuti circa 14.
Prendi ciascun rettangolo e taglialo in tre parti per la lunghezza.
Farcisci uno strato con la crema allo yogurt, e l’altro con la marmellata da te scelta.
Ricomponi gli strati, attendi una mezz’ora e gusta!


36 Comments

36 commenti:

  1. Sergio ogni sera al suo rientro mi trova sempre pronta e con la sua cena preferita nel piatto, ahahhahahhaha
    Se non ci fosse la marmellata la divorerei all'istante :-)
    Baci soreta <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mettici la Nutel..ops mettici la crema al cioccolato. Marti ha fatto cosi!
      Se, te ce vedo col grembiulino ahahaha

      Elimina
    2. Il grembiulino lo indosso sempre......nei sogni, ahahhahahahahah
      Brava Taty <3

      Elimina
  2. Ahahahahahah mi piacciono le tue regole... ma per fortuna non sono una casalinga :-)
    Un abbraccio e buona serata

    RispondiElimina
  3. ahahaaaaahah...mi hai fatto morire dal ridere, certo vorrei pure vedere la casalinga perfetta appena alzata al mattino!
    deliziose le tue merendine, ci farei un pensierino per la mia nipotina!
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahaha mia cara ne vedremo delle belle nella camera da letto di tale casalinga perfetta!!!Alle prossime puntate!
      ti abbraccio

      Elimina
  4. ma che bontà !!!! sono proprio buone queste merendine bravissima!!
    hai ragione bisogna essere una casalinga perfetta!!!! Un abbraccio e un bacione
    Mirta

    RispondiElimina
  5. Oh ragazze il manuale è un'esagerazione proveniente da un manuale degli anni 60!!Non è un mio proclama ahaha anche perchè io sto alle casalinghe perfette come Cicciolina sta alle carmelitane scalze!

    RispondiElimina
  6. Casalinga non sono, ma divoratrice di merendine si, ma ormai per presa di coscienza avvenuta da un bel pò solo di merendine home made per cui prendo nota della tua ricetta!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  7. accc.... non riesco a leggerti stavolta, sono dicorsissimissima.... ma non potevo non guardare questa tortina senza dirti che acquolina in bocca mi è venuta (quelle industriali...ehm.no grazie) baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che problema c'è Simo? Mi leggi, non mi leggi, mi leggi e non lasci il commento...a me fa piacere comunque la vostra presenza anche silenziosa, soprattutto in periodi come questo che la vita mi chiama al di fuori della realtà virtuale e devo assentarmi un pò-
      Quindi un bell'abbraccio non te lo leva nessuno!!!

      Elimina
  8. E come no!
    Ho settegattiduecanieuncincillà. Mio marito si lamenta di venire sempre dopo e se protesta... non siano troppo lontani dal raccordo. ;);)
    Passami un cerealé che fo colazione con te. :))
    Sei uno spasso ♥

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvia ma quanto mi piaci!! Anche il mio si lamenta...ma fa niente. io con quella tizia del racconto....beh non ci incontriamo proprio!!!

      Elimina
  10. Appena nata e subito da te riprodotta ma wow sei velocissima!!! Ed io ovviamente non assaggerò quelle comprate ma proverò la tua ricetta :D Ehm a proposito del manuale della casalinga perfetta...è possibile apportare qualche modifica???!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luna mi sa che noi lo stravolgiamo tutto...e ancora non siamo arrivate al cuore di tale manuale...ce ne saranno delle belle!!!!
      Appena nate e come ho scritto le uniche della Kinder che mi siano piaciute! Solo che quando vai a leggere gli ingredienti te pija un coccolone ;-)
      Un bacione bella mia

      Elimina
  11. ahahhahaahh!!!! conosco queste regole....io sono un piu' vecchia...me le diceva sempre mia madre!!! ottime le merendine homemade. Anch'io ne ho rifatte parecchie perchè le adoro!! bravissima mia cara, anche per le foto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mimma!! ma non andare lontano..io avevo una zia che le metteva tutte in atto e durante le afose estati toscane metteva in riga anche me!
      Baciiii

      Elimina
  12. Sono sul treno e sto ridendo da sola mentre leggo, il tuo bellissimo post! Sei troppo simpatica e io non riuscirò mai, ad essere una casalinga perfetta perché lavoro e non sono a casa prima delle sette di sera! Queste merendine devono essere sublimi! Le provo sicuramente! Bravissima!!!
    Un dolcissimo abbraccio e felice giornata!
    Laura<3<3<3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Laura cara e quanto mi piace sapere che vi faccio sorridere!
      Baci

      Elimina
  13. Partendo dalla ricetta bisogna dire che sei troppo avanti....è appena stata inventata ed è già sul tuo blog....bravissima.
    Per quanto riguarda il manuale della perfetta casalinga....lavoro a tempo pieno e quindi il grembiulino o meglio il camice lo porto per otto ore algiorno al lavoro e quindi....ne faremo a meno.
    Bellissimo post.
    Ciao Katia

    RispondiElimina
  14. Allora.....se la cena non è pronta può tranquillamente aspettare, anzi può tranquillamente andarsene a fare una doccia o iniziare anche lui a spignattare!!!
    2)...il nasto in sto periodo lo usere per strangolarlo, per cui è meglio che lo lascio in merceria così non devo anche chiamare l'ambulanza che poi magari arriva un infermiere con le scarpe sporche e mi tocca di ripulire il pavimento (mika ho tempo devo finire di cucinare!!!!)
    Per le merendine (anch'io le adoro, ma non dirlo in casa che lotto affinchè il piccolo mangi solo cose sane e genuine...poi quando è fuori mangia anche le lucertole che il tuo ha perso per casa!!!!)
    Buona giornata!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mila io ti adoro e il nastro? Mi sa che a turno tutte prima o poi siamo tentate di utilizzarlo :-)

      Elimina
  15. Porca miseria leggevo e mi veniva in mente mia nonna che per davvero un quarto d'ora prima che tornasse il nonno dal lavoro si dava una sistemata... io ero piccola, d'estate passavo qualche gg da loro, ed assistevo quotidianamente a questa scena...e mi scompiscio se penso a cosa succede in casa mia.... non son certo di "buon esempio"... passami una merendina va..anzi due!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma lo sai che io oggi mi guardavo prima del ritorno del gentil consorte, guardavo la casa, le ragazze che studiavano quasi appese a testa all'ingiù (assumono delle pose stranissime che DIOSOLOSA come fanno a concentrarsi) e mi veniva da ridere...soprattutto pensando alle altre pagine che sto traducendo....^_^
      Un abbraccio

      Elimina
  16. mi spiace, non mi ci vedo proprio nel ruolo della "casalinga perfetta" io sono imperfetta!! ahahahahah Prendo una merendina che è meglio!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  17. No va beh....sulle ultime righe stavo facendomi sotto letteralmente dalle risate....'shabbato' la casa? Non me lo dire....io sono presa dal vintage sto periodo e di tutto ciò di cui tu parli in questo vademecum della perfetta casalinga io non ne ho neanche un mignolo di questa preparazione e mio marito potrebbe confermare, certo non lo lascio morire di fame ma altro che 15 minuti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah e anche io sono un addicted delle merendine....tutte o quasi mi fanno impazzire....questa ricettina la conservero' gelosamente

      Elimina
  18. Prova d'offerta di prestito
    ero alla ricerca di prestito di denaro da molti mesi. Ma fortunatamente ho visto prove fatte da molte persone sulla signora CINZIA , così la ho contattata per ottenere il mio prestito dell'importo di 45.000€ per regolare i miei debiti e realizzare il mio progetto. È con la signora CINZIA il mio sorride nuovamente è pianta di cuore semplice e molto comprensivo. Ecco sono
    posta elettronica: cinziamilani62@gmail.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma anche no e la smetta di intasarmi il blog altrimenti sarò costretta a prendere provvedimenti.Grazie

      Elimina

Followers

Visualizzazioni :

Google+ Followers

Search This Blog

Popular Posts

Pages

monicapennacchietti@l'emporio21. Powered by Blogger.

Buzzoole

buzzoole code

histats

Follow by Email

Se vuoi contattarmi:



Collaboro con:

Translate

Follow us

Instagram