18 aprile 2014

La Vignarola e addio mio colonnello



Addio mio colonnello.

Se ne è andato uno degli scrittori che ho amato di più e a volte detestato. Perchè se "Dell'Amore e di altri demoni" è stato il suo romanzo che ho adorato oltre ogni limite, "Cent'anni di solitudime" è stato quello che ho iniziato e lasciato più volte.Il romanzo che mi ha costretto a tornare indietro ,a sottolineare,a cercare di capire.Mi sono persa mille volte in quelle pagine.

Vi lascio una delle sue frasi che amo di più:
"Il domani non è assicurato a nessuno,giovane o vecchio.Oggi può essere l'ultimo giorno che vedi le persone che ami.Perciò non aspettare più,fallo oggi,perchè se il domani non dovesse mai arrivare,sicuramente lamenterai il giorno che non hai preso tempo per un sorriso,un abbraccio e un bacio,e che sarai stato troppo occupato a concedere un ultimo desiderio"


Oggi  una ricetta tipica di queste zone,la "Vignarola".Il trionfo della primavera nel piatto.Carciofi,fave e piselli come protagonisti indiscussi.Una ricetta povera ma assolutamente ricca di sapore e personalità.
Potete servirla nella sua versione vegetariana (come la mia) oppure arricchirla con pezzetti di prosciutto crudo o pancetta.
Un'ultima cosa:ogni famiglia in questa zona ha la sua versione della vignarola.E' una di quelle ricette che si tramandano grazie alla sapienza contadina.
Potete gustarla da sola oppure come condimento per pasta,riso.Arricchisce soavemente la frittata ed è speciale se servita con dell'ottimo pane tostato.

La Vignarola

3 carciofi
300 gr piselli (anche surgelati)
300 gr fave
qualche foglia di lattuga
vino bianco
2 cipollotti
sale olio e pepe
pancetta e mentuccia facoltativi

Mettete a stufare in un a padella i cipollotti tagliati a rondelle.
Unite poi le verdure in ordine di cottura.Iniziate dai carciofi (tagliati a fette sottili e privati della barba interna,nonchè delle foglie esterne più dure).
Dopo cinque minuti unite i piselli e dopo un pò le fave.
Sfumate con un pò di vino bianco e aggiustate di sale e pepe.
Cinque minuti prima del termine della cottura aggiungere le foglie di lattuga tagliate a listerelle.
Il piatto è pronto.
Nel caso in cui decidiate di utilizzare la pancetta vi consiglio di rosolarla a parte ed aggiungerla alla fine.








da PensieriParole <http://www.pensieriparole.it/aforismi/saggezza/frase-7800?f=a:334>


da PensieriParole <http://www.pensieriparole.it/aforismi/saggezza/frase-7800?f=a:334>
5 Comments

5 commenti:

  1. Si ho appreso della sua morte stamattina... bellissima quella frase.. e vera! Ottima invece laproposta di oggi.. Un abbraccio e se non ci leggiamo prima buona Pasqua!!!! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Claudia cara!Una perdita incolmabile,uno dei pilastri della letteratura moderna.Ti auguro una felice Pasqua,a te,Ric e tartaruga compresa!
      un abbraccio
      Monica

      Elimina
  2. Grandi parole per un grande pensiero.
    Grande piatto!
    Auguri di serna Pasqua
    amelie

    RispondiElimina
  3. Mi unisco al tuo saluto, era uno dei miei scrittori preferiti. Complimenti per il piatto! Buona Pasqua :)

    RispondiElimina
  4. Buono questo intruglio di verdure! :-P

    RispondiElimina

Followers

Visualizzazioni :

Google+ Followers

Search This Blog

Popular Posts

Pages

Blog Archive

monicapennacchietti@l'emporio21. Powered by Blogger.

Buzzoole

buzzoole code

histats

Follow by Email

Se vuoi contattarmi:



Collaboro con:

Translate

Follow us

Instagram