20 settembre 2013

Il Demone dei perizomi e il ciambellone allo yogurt senza uova

Di una cosa era convinta la signorina Caterina Fornabaio quel pomeriggio.
Del resto era sempre stata una scolara attenta e  se la ricordava ancora bene la lezione della signora Artemide,la catechista.
"Il Paradiso è oltre le nuvole,in alto.L'Inferno si trova sotto di noi,invisibile,strisciante,proprio sotto i nostri piedi".
Ecco perchè era straconvinta che l'inferno avesse avuto una promozione.Era salito di grado.Era intorno a loro subdolo, serpeggiante.Chissà,magari era una promozione per merito,visto ormai il numero esorbitante di iscritti.
Se lo ripeteva tra sè e sè,durante il turno pomeridiano al grande magazzino,mentre era intenta a sistemare quei minuscoli pezzettini di stoffa che lei si ostinava a chiamare mutande.
"No,signorina Fornabaio,sono perizomi,non mutande e cosi li deve chiamare davanti alle clienti" le ripeteva ogni volta la sua responsabile.
Ma lei non voleva cedere alle parole del Diavolo.Perchè quei minuscoli fili erano solo strumenti diabolici.E recitava due aveMaria e tre Paternoster ogni  volta che ne toccava uno per sistemarlo sulle grucce.
Viola,blu,rossi,rosa.
Che scandalo,che malaffare pensava mentre guardava le mani peccatrici e golose delle clienti.
Una volta ne aveva pescata una mentre se lo infilava furtiva nella borsa.Avrà avuto una quindicina di anni.L'aveva presa per le orecchie e trasportata in uno dei camerini.E mentre la poverina supplicava di non essere denunciata lei cercava di sciorinare tutto il Rosario in due minuti e otto secondi,imponendole le mani sulla testa.Perchè in fondo si sentiva quasi un'esorcista la signorina Caterina Fornabaio.
"Esci,esci da questo corpo demone dei perizomi e della lussuria"
E la poverina non piangeva più.
Aveva gli occhi spiritati.
Per l'esorcismo che stava funzionando pensava la signorina Caterina.
Perchè questa è pazza,pensava la ragazza,cercando di escogitare un sistema per iniziare a parlare in aramaico e girare la testa a trecentossessantagradi "perchè cosi magari sta matta me lascia"
Si era salvata la sfortunata ladruncola fingendo conati di vomito come aveva visto fare ne "L'esorcista"
E con la promessa della messa ogni domenica mattina dai frati Cappuccini l'aveva lasciata andare.
Caterina Fornabaio detta anche la mano destra di Dio,pensava lei
Caterina Fornabaio detta anche Chiappa di gallina,dicevano di lei le colleghe ....per quel suo modo di atteggiare la bocca che ricordava appunto le terga dell'animale in questione.
Sempre sprezzante,sempre chiusa in quelle camicette giallognole e stantie,con l'occhiale calato sul naso.
Quel pomeriggio era arrivato il carico natalizio del Demone dei perizomi.Sottili fili interdentali rossi con frizzi,lazzi,piume e merletti.
Era troppo,non poteva sopportare quello scempio.
E decise di intervenire.
Simulò un malanno e chiese un permesso.
Scese nel magazzino.
Aprì gli scatoloni e cominciò a tagliare.
E in un attimo mille coriandoli rossi invasero il pavimento,l'aria,i suoi capelli e le sue mani.
Tagliava e recitava Ave maria.
Tagliava e cacciava demoni.
Finchè non ne rimase nemmeno uno.
Sorrise soddisfatta.
Uscì,stringendosi nel suo cappottino marrone-grigio topo e pensò al favoloso minestrone caldo che la stava aspettando a casa.


Ciambellone allo yogurt senza uova

3 vasetti di farina
2 vasetti di zucchero
1 vasetto di yogurt (possibilmente greco)
1 bustina di lievito
1 vasetto di olio vegetale
1 vasetto di acqua frizzante
1 presa di sale
vaniglia (o scorze di limone o uvetta o gocce di cioccolato o cannella)

Montare lo yogurt con lo zucchero,Unire l'olio,il sale,l'aroma prescelto e mescolare per bene.Unire la farina setacciata con il lievito alternandola al vasetto di acqua frizzante.Mettere l'impasto in una teglia imburrata e infarinata e cuocere a 180 gradi per una mezz'ora.
Fate raffreddare e spolverate di zucchero a velo.




14 Comments

14 commenti:

  1. Io credo che questa signorina li adorasse a tal punto, quei perizomini.. da non poter accettare che 'non facessero per lei' :D Sei sempre così sottilmente profonda, cara.. adoro leggerti. Davvero. Una fettina di questo ciambellone e poi in Paradiso si va davvero, con o senza perizoma!! :D Alla faccia dell'ipocrisia della gente, dei ruoli e delle maestre di vita. TVTB

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia cara Ely,mi piace la tua lettura tra le righe.sai sempre perfettamente la direzione delle mie parole,il mio pensiero tra le righe.La signorina Fornabaio esiste.Meno "caricatura" rispetto la mia ovviamente,ma c'è e l'ho conosciuta.Ipocrita e stantia,forse addirittura più della mia ^_^
      Ti abbraccio forte
      Monica

      Elimina
  2. Mi diverte sempre leggere quello che scrivi. Adesso rimango qui a chiedermi cosa succederà dopo...e senza neanche una fetta di questo ciambellone!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. manu grazie!
      la signorina Fornabaio la lasciamo alle prese con le sue preghiere e il suo minestrone.Lei sta bene cosi e quella è la sua piccola realtà.Calda comoda e avvilente ^_^.
      Vieni che ti offro una fetta di ciambellone!
      Un abbraccio
      Monica

      Elimina
  3. Io in quanto Fetta di Paradiso ti dico che con o senza perizoma però il tuo ciambellone lo porto su con me.... Magari asciamo le donnine bacchettone come questa Fornabaio giù a terra....

    RispondiElimina
  4. amica mia sei sempre la numero uno in ciò che scrivi e in ciò che crei con le tue manine!
    un abbraccio grande

    RispondiElimina
  5. ma dai così gonfio ...meraviglioso, scusami ma che dimensioni ha il tuo stampo...voglio copiarti!!!! un bacio!

    RispondiElimina
  6. Sarà una caricatura ma rende bene l'idea. Ci sono molti finti moralisti e falsi bacchettoni che criticano gli altri e loro nel privato fanno peggio oppure vorrebbero ma non lo fanno solo perché non gli si presenta l'occasione. Bè il tuo dolce deve essere squisito, :-)

    RispondiElimina
  7. mi piace proprio questa ricetta!!! appena vedo senza uova vado a dare un occhiata, me segno tutto e io ci provo con yogurt di soia! ci aggiorniamo presto sul risultato! Grazie e brava!!!!

    RispondiElimina
  8. sempre ironica, nella giusta misura e divertente, sino alle lacrime!!! è delizioso leggerti e poi copiarti il ciambellone!!! un abbraccio!!!!

    RispondiElimina
  9. Essere bigotti è una delle caratteristiche tipiche italiane, insieme a PIZZA, MAFIA E MANDOLINO completano il quadretto...ce ne fossero di perizomi scandalosi che vanno a coprire scempi bigotti e carichi di polvere! Non so se mi spiego...
    Ti bacio tesoro ♥

    RispondiElimina
  10. Amo le torte leggeri e soffici!! Questa deve essere buonissima, complimenti!

    RispondiElimina
  11. Monica ho fatto questo dolce appena posterò la ricetta ovviamente scriverò che l'ho presa da te!!!

    RispondiElimina
  12. E' ufficiale, il tuo blog è diventata una delle mie letture preferite...ci sono capitata cercando il golden milk...ed ho scoperto un angolo caldo e in penombra in cui riposare...

    RispondiElimina

Followers

Visualizzazioni :

Google+ Followers

Search This Blog

Popular Posts

Pages

Blog Archive

monicapennacchietti@l'emporio21. Powered by Blogger.

Buzzoole

buzzoole code

histats

Follow by Email

Se vuoi contattarmi:



Collaboro con:

Translate

Follow us

Instagram