Taboulè con menta e pomodori

..Io ci sarò sempre nell'aria marcia che respirerai ,in una nuvola che osserverai,in un sospiro o in un leggero dolore.Ci sarò sempre perchè la mia anima sarà immortale.Lo sono tutte,ma la mia e quella di tutte quelle come me non cesserà mai di vivere pur nel silenzio,nell'assenza.Ci sarò quando le altre sorrideranno al loro primo amore,ci sarò quando appariranno vestite di bianco e piene di promesse.Ci sarò quando scenderanno le calde lacrime dopo il dolore mortale del parto.Ma ci sarò soprattutto ad ogni nuovo schiaffo,insulto.Ad ogni coltello che le toccherà,ad ogni colpo sparato.
Sarò con loro sempre.
Perchè io ero e sono semplicemente una donna.
Non migliore o peggiore .Uguale a te,anche se diversa.
Con una vita degna di essere vissuta.Come la tua.
Poveri piccoli uomini.
Che non sanno vedere oltre.
Che non sanno vedere accanto.
Che non sanno.
Non sanno la fatica di una vita comunque in salita.Perchè la vita di una donna è sempre in salita.Tragicomica funambola in bilico tra doveri,passioni, ormoni,affetti e sogni.Una vita passata a cercare di far quadrare i conti.Anche e soprattutto con se stesse.A chiedersi perchè.Il perchè di un compleanno dimenticato,di una carezza negata,di un amplesso senza affetto.
E il perchè porta sempre una colpa.
La nostra.
Difficilmente quella di un uomo.
E via con diete,ginnastiche,capelli tagliati, colorati ,strapazzati come se fosse un capello la soluzione di tutto.
Io non ho colpe.Non le ha nessuna di noi.Se non quella di aver amato una persona sbagliata.
Ma la pena qual'è'
Essere bruciata viva a sedici anni,accoltellata,buttata giù dal nono piano..
Strana giustizia quella mascolina.
E' la parte lesa che paga.Non il colpevole,mai.
Ma la morte ucciderà le mie ossa,la mia carne.Non la mia anima.
E io ci sarò sempre.A tormentarti,a ricordarti,ad arrivare in punta di piedi nei tuoi sogni e urlarti a tutta voce solo e semplicemente una cosa:
io sono e sarò semplicemente una donna.
per tutta l'eternità.
E vivrò nei ricordi di chi mi ricorderà,nei sorrisi di chi sorriderà per me,nella vita di chi vorrà vivere per me
E tu?
Il niente.
Per tutta l'eternità.

(i femminicidi non si fermano.Implacabili,efferati.E' un colpo al cuore ogni volta.Oggi altre due donne brutalmente uccise)



Taboulè con menta e pomodori

240 gr cous cous precotto
8 pomodori ramati
2 cipolle di tropea piccole
4 limoni
1 mazzetto di prezzemolo
3 rametti di menta
sale

Versare il couscous in una ciotola.Condirlo con 6 cucchiai di olio 1 cucchiaino di sale
e il succo filtrato di tre limoni.lasciatelo cosi per una mezz'oretta.
Lavate i pomodori,tagliateli a metà,togliete i semini interni e
e tagliateli a cubetti molto piccoli.Sbucciate e tritate le cipolle,mescolatele ai pomodori.Aggiungete poi questo mix al couscous insieme al prezzemolo tritato e e le foglie di menta spezzettate.regolate di sale il composto.Unite ancora un filo di olio,dategli una spruzzata di succo di limone e lasciate riposare per un 'ora mescolando di tanto in tanto.Servire decorato con spicchi di limone,folgle di menta e una spolverata di erba cipollina.




8 commenti:

  1. Povere donne, povere famiglie, penso che per una madre non ci sia dolore peggiore. Anche mia nipote si è trovata in una situazione di stalking, ora questa persona è in cura, speriamo bene!!! la tua proposta di oggi è una ricetta, fresca, estiva e colorata. Proprio buona!!!!

    RispondiElimina
  2. Il tuo post azzera ogni commento possibile e aumenta lo sdegno per chi si nutre di odio e svuota la vita degli altri privandoli di ogni gioia.
    Ti voglio bene donna dalle parole forti e incisive come lo sono le lacrime che ogni giorno piangiamo.
    Tua B.

    RispondiElimina
  3. La ricetta la faccio di sicuro, stavo giusto cercando un condimento per del cous cous ma ... il post di oggi? Vogliamo parlarne? Sottoscrivo ogni singola riga che hai scritto! Anche io, ogni giorno, ogni volta che sento di un femminicidio mi domando quando finirà? Dobbiamo gridarlo a questi uomini che è ora di finirla!! BASTA

    Buona serata cara Monica, un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Accidenti... sottoscrivo ogni tua singola parola! Sai arrivare dritta dritta al cuore delle persone con le tue parole! La ricetta? Estiva, fresca e sicuramente da riproporre!

    RispondiElimina
  5. Incredibile non si sa se i mass media abbiano finalmente deciso di squarciare questo velo che copriva questi efferati omicidi o se gli uomini siano impazziti tutti insieme! Purtroppo queste atrocità ci sono da tempo, prima venivano anche "accettate" dalla legge come omicidi minori: erano delitti d'onore! Non è bastato cambiare una legge per cambiare la mentalità di chi crede di poter possedere la vita di qualcuno! Il cammino e' ancora lungo, purtroppo! Ti abbraccio, alice

    RispondiElimina
  6. le tue parole sono tante frustate che spaccano l'anima......il femminicidio esiste dalkla notte dei tempi.....ma non perdo la speranza che possa essere debellato, estirpato, come un cancro nefasto.
    mi piace il tuo cous cous, colorato e saporito, mi accende un lumicino di speranza.
    Ti abbraccio!!!

    RispondiElimina
  7. Ciao, questa idea per il cous cous è estiva, leggera e davvero fresca! Nei prossimi giorni volevamo farlo anche noi e pensiamo proprio di cogliere il tuo suggerimento.
    baci baci

    RispondiElimina
  8. Parole dure, difficili da sopportare, come difficile è da sopportare che tante donne si ritrovino in un amore sbagliato, un amore violento e omicida, che di amore non ha nulla. Non ha nulla di quell'amore che sognavamo da piccole, quando aspettavamo il principe azzurro che ci facesse sentire delle dee, delle principesse, quando sognavamo che ci salvasse da tutto e da tutti e ci portasse via col suo cavallo bianco, ci portasse verso quel vissero felici e contenti che tanto abbiamo aspettato. E' un dolore leggere ogni giorno che questi sogni, i sogni di una famiglia normale si infrangano al primo litigio, al primo schiaffo, al primo strattone.. E si concludano nel modo più disperato. E' un dolore tremendo

    RispondiElimina