15 gennaio 2015

Orzotto al radicchio di Chioggia e pancetta affumicata...e le montagne russe




Non so se è un pregio oppure un difetto.
Se è una qualità apprezzabile oppure fa parte delle montagne russe sulle quali inevitabilmente salgono le persone che mi vivono accanto....

Fedele al principio del mio amato Eraclito per cui "non ci si bagna mai due volte nello stesso fiume", a casa mia difficilmente si mangiano sempre le stesse cose.

La curiosità di provare nuovi sapori, nuovi cibi è sempre pronta ad assalirmi.
Vuoi per motivi etici, vuoi per provare nuovi gusti, vuoi anche per rendere fede al principio che il cibo è cultura e comprensione....

Mi piace anche l'idea di far provare qualsiasi sapore alle mie figlie...una cosa che nella mia vita mi ha portato ad adattarmi a diecimila situazioni diverse senza problemi.
Mio marito mi segue entusiasta...ma penso che lui si diverta un sacco a prescindere.. sulle montagne russe sulle quali è salito vent'anni fa ^_^

E mi piace la loro maniera di approcciarsi a quest'altalena gastronomica.
Assaggiano e poi decidono.
La grande ormai è lanciata come me. Assaggia e mangia con gusto qualsiasi novità.
La piccola assaggia e poi valuta.
Un pò più guardinga senza dubbio.

Amaranto, miglio, quinoa,bulgur sono diventati cibi di uso comune. E ne sono ben felice!

L'orzo è stato il primo cambiamento.
Ed è stato amore a prima vista per tutti.
Io l'ho adorato per la consistenza , la versatilità e le proprietà nutritive.
Le mie figlie hanno aprrezzato il "cic e ciac" che fa masticandolo!

E' un bel tipetto mr. Orzo!
Una valanga di sali minerali, vitamine e proteine, nonchè carboidrati.
Un ottimo antiinfiammatorio, un aiuto valido per lo stomaco stressato da coliti varie, gonfiori e acidità.
Non solo:interviene poco sulla glicemia e ha la proprietà di inibire il colesterolo cattivo nel fegato.
Ultima chicca: recenti ricerche hanno dimostrato la presenza di estrogeni che proteggono dal tumore al seno.

Che dite, può entrare di diritto nelle nostre scelte alimentari?

Oggi ve lo propongo in una delle ricette più apprezzate e più semplici.
Radicchio tondo di Chioggia (leggermente più dolce e meno amaro) e pancetta affumicata.
Due precisazioni: ho utilizzato orzo perlato perchè, rispetto all'integrale, ha bisogno solo di una leggera passata sotto l'acqua e di una cottura di circa mezz'ora.
Ultimamente tendo ad eliminare la carne dai miei cibi. Quindi mentre la mia famiglia ha mangiato l'orzotto cosi come ve lo descrivo , io ne ho cucinato uno a parte per me sostituendo le noci alla pancetta. Stesso procedimento con l'inserimento delle noci tritate a fine cottura!




ORZOTTO AL RADICCHIO DI CHIOGGIA E PANCETTA

400 grammi di orzo perlato
400 grammi di radicchio tondo di Chioggia
1 cipolla media
1\2 bicchiere di vino bianco secco
700 millilitri di brodo vegetale
100 grammi di pancetta (meglio se affumicata)
pepe bianco e sale
prezzemolo tritato quanto basta


Sciacquate velocemente l'orzo sotto l'acqua corrente.
Lavate bene il radicchio e tagliatelo a listarelle sottili.
Tritate finemente la cipolla e mettetela a soffriggere con 2 cucchiai di olio extravergine d'oliva.
Unite la pancetta e fatela colorire leggermente.
Aggiungete il radicchio (tenete da parte un pò che vi servirà per decorare il piatto alla fine) e fatelo stufare per due minuti.
Unite l'orzo e fatelo tostare per un minuto.
Sfumate con il vino e fatelo evaporare totalmente.
A questo punto iniziate ad unire il brodo vegetale e portate l'orzo a cottura, ci vorrà circa una mezz'ora.
Mantecate se vi piace con il parmigiano, unite il prezzemolo e decorate con il radicchio cruso e servitelo ben caldo!



Continue reading

7 Comments

13 gennaio 2015

Patate mille spezie



Una delle cose che mi piacciono di più è senza dubbio viaggiare.
E l'ho fatto.Anche troppo, prima di sposarmi.
Per necessità e diletto ero la classica ragazzina con la valigia in mano.

Poi mi sono fermata.
Figli, famiglia, nuove prospettive, nonni lontani da anteporre a qualsiasi altra meta.
Mi manca? Si,tantissimo, anche se non cambierei mai la mia vita di ora con quella che è stata.

Ma continuo a viaggiare, nella maniera che più mi si incolla addosso peggio dell' Attak sulle dita.
Viaggio con la fantasia, con i profumi, le spezie.
Viaggio grazie ai mille documentari, libri che ho sottomano.
Viaggio parlando con chi è diverso da me.
Viaggio grazie ad Internet.

Mi piace sbirciare nelle cucine degli altri,immaginarne suoni,luci e rumori.
profumi.
Tovaglie o tavoli nudi.Posate o semplicemente mani che raccolgono...

L'Asia è senza dubbio una delle mie mete preferite.
Per affinità emotive ed elettive è il mio posto sognato ed accarezzato a lungo .

Oggi vi porto in Kashmir.
Siamo nella parte settentrionale della penisola Indiana.
Una storia travagliata, uno stato controllato da tre potenze (India, Pakistan e Cina)....una regione meravigliosa, dove l'estrema piovosità dà vita a paesaggi incantevoli:


 E visi indimenticabili:


Il piatto che vi presento oggi è tipico del Kashmir.
Il Dum Aloo.
Patate e tante spezie.
Cento versioni di una stessa ricetta.
Addirittura nel bengala Occidentale viene utilizzato nei matrimoni
Non fatevi spaventare dalla presenza di tanti ingredienti.
E' un piatto comunque economico.
Ricco, ma vegetariano.
Ho trovato varie versioni,vi dicevo, in giro per il web.
Soprattutto varie modifiche al liquido di cottura.
Alcuni aggiungono la panna, altri la pasta di tamarindo, altri niente ,altri ancora il latte di cocco.
Io ho optato per quest'ultima versione per due motivi:la curiosità e quella maledetta lattina di latte di cocco che gironzolava ormai da mesi nella credenza ed era prossima alla scadenza!

Pronte?

PATATE MILLE SPEZIE (Dum Aloo)

6 patate grandi (o 10 piccole)
2 cipolle gialle
2 pezzetti di zenzero fresco
2 spicchi di aglio (anche tre se vi piace il sapore)
2 peperoncini rossi secchi (anche qui abbondate se reggete bene il piccante)
4 cucchiai di mandorle tritate
3 chiodi di garofano (io non li ho messi, mi ricordano troppo.,.le sedute dal dentista ^_^)
4 cardamomi
1 stecca cannella
1 cucchiaino di semi di cumino
1 cucchiaino di curcuma
1 tazza di passata di pomodoro
1 lattina piccola di latte di cocco
1 cucchiaio di garam masala (reperibile nei negozi etnici)
olio
uvetta quanto basta (se vi piace)
coriandolo o prezzemolo per guarnire

Sbucciate le patate e tagliatele a dadi di medie dimensioni (non devono essere troppo piccoli).
Mettetele in una bacinella con dell'acqua per circa una mezz'ora.
Tritate su un tagliere lo zenzero, il peperoncino e l'aglio.
Devono essere tritati finemente, quasi ad assumere l'aspetto di una pasta (eventualmente aiutatevi con un mixer).
Tagliare le cipolle sottili sottili e metterle da parte
Scolare le patate e cospargerle con la curcuma.
Scaldare un cucchiaio di olio e far dorare su tutta la superficie le patate.
Metterle da parte.
Aggiungere altro olio nella padella (4 cucchiai) e unire la cannella, i chiodi di garofano e il cardamomo (che avrete leggermente schiacciato per far uscire i semini).
Quando il tutto inizierà a sfrigolare unite il cumino e dopo trenta secondi ,le cipolle sottili e fatele soffriggere finchè avranno preso un bel colore dorato.Aggiungere il trito di peperoncino, aglio e zenzero di cui sopra . mescolate, fate prendere sapore ed unite le patate e il sale.
Aggiungere le mandorle, la passata di pomo,l'uva passa (se la utilizzate) doro e cuocere finchè vedrete affiorare un pò di olio in superficie. Aggiungete il latte di cocco (o la panna, o la pasta di tamarindo oppure...niente!!), il Garam masala e una bella tazza di acqua.
Cuocete coperto e a fiamma bassa finchè le patate saranno belle tenere.
Se necessario aggiungete altra acqua.
Servite caldo con una bella spolverata di coriandolo o prezzemolo
Servire con pane indiano o qualsiasi tipo di focaccia!


(Fonti ricetta:E-Curry e FrancescaV.com)


Continue reading

17 Comments

8 gennaio 2015

Portokalopita all'arancia,limone e zenzero e LIBERTA'




L'istantanea è quella di un sole giallo e di un mare blu.
E anche di case bianche sullo sfondo.
E quel caldo cosi forte che fa tremare all'orizzonte la grande colonna greca.

Perchè c'è bisogno di luce e di calore.
C'è bisogno degli elementi primordiali.
Mare,terra sole.

Solo questo per ristabilire un pò d'ordine in questo caos sparso e maledetto.
Perchè può accadere un giorno di veder spezzate delle matite con il sangue.
o magari di vedere un uomo inerte a terra, che guarda in faccia il suo destino.

Può capitare di vedere ovunque l'occhio famelico della telecamera.
Grande fratello maledetto in cerca sempre  dell'attimo da immortalare.
E non ha importanza quale  sia questo attimo.
Bello ,brutto, 
Una nascita, una morte.
Che importanza ha?

Nessuna di fronte all'esserci.

E allora mi perdo in questo caos.
E cerco limiti e confini.

E allora voglio la terra ,il mare e il sole.
Perchè loro sono parte di me.
E io parte di loro.
Come forse dovrebbe essere qualsiasi uomo.
Uno la parte dell'altro.
Occhi, bocche,mani cervelli.
E valanghe di libertà.

Voglio ubriacarmi di utopie.
Voglio ubriacarmi di sorrisi.
E di libertà.




Oggi una torta greca, almeno nelle origini.
Leggermente arricchita nei suoi profumi dalla presenza dello zenzero e del limone.
Forte è la preponderanza dell'arancia,decisa la presenza della pasta fillo e piacevolmente frizzante il retrogusto.
Se volete attenervi alla tradizione fatela semplicemente sostituendo i limoni previsti con il succo d'arancia.


Portokalopita all'arancia limone e zenzero

per lo sciroppo:

2 bicchieri di zucchero
300 ml acqua
1 cucchiaio di cannella
1 pezzettino di zenzero grattugiato
1 limone spremuto
1 arancia spremuta

per la torta:

500 gr pasta fillo
1\2 bicchiere di zucchero
2 arance spremute
2 limoni spremuti
200 grammi di yogurt greco
4 uova
1 cucchiaio di lievito per dolci
scorza grattugiata di due arance e due limoni

Prepariamo lo sciroppo:

mettiamo tutti gli ingredienti previsti in un pentolino e facciamolo bollire per circa otto minuti.
Facciamolo riposare.

Per la torta:

prendiamo una teglia rettangolare e ungiamola leggermente con olio di semi o burro.
prendiamo la pasta fillo e spezzettiamola grossolanamente ,facendola cadere nella teglia.
Unire il succo delle arance, dei limoni,il lievito,lo zucchero, lo yogurt e montare brevemente.
versiamo questo composto sulla pasta fillo e mettiamo in forno caldo a 180 gradi per circa quarantacinque minuti (forno statico).
Tiriamo fuori la torta e irroriamola con lo sciroppo preparato.
Lasciamola riposare (meglio se per tutta la notte)

Continue reading

10 Comments

3 gennaio 2015

Il Risotto alla mozzarella di bufale e nocciole e la lacrima sul risotto



Una piccola foto nostalgica.
Una diapositiva del tempo che passa e corre.
E che tu rincorri.
A volte non è la ruga in più,
lo scricchiolio delle ginocchia appena ti alzi
o una nuova propensione alla commozione,
sia pure per il destino dei gechi del Madagascar.

A volte è proprio un gesto, un fatto, una parola
che sembrano incastonarsi alla perfezione in una polaroid "d'antan".
Guardi ,assisti ad un avvenimento, ad un discorso,
ascolti una parola e di colpo
dalla lampada d'Aladino esce il senso del tempo che scorre.

Datemi una diga, che so io, un frangiflutto ,un muro
in maniera tale che io possa ostacolare o almeno...rallentare.

La foto nostalgica di cui parlavo è quella che vedete.
E' quella che per me è diventata una polaroid della memoria.

Un risotto tirato fuori dalla piccola di casa mentre era intenta a giocare.
Mamma ,pensi che si possa fare un risotto bufala e qualcosa di croccante sopra?
Magari delle nocciole?
Pensi sia una bella ricetta?


E io la guardo.
Certo che si può fare
Ma tu non avevi tre anni?
Non eri ancora li, ferma a piangere per le ginocchia sbucciate  o perchè tua sorella aveva nascosto il tuo teletubbies preferito?
Perchè nessuno mi ha avvisato che siamo passati da Topo Gigio ad una bimbetta di otto anni che ragiona di bufale e mise en place ?
Ma quando è successo?

Perchè se io la guardo la vedo ancora piccola, con il ciuccio e il biberon in mano.
Ha otto anni.
Ma io, lei, come ci siamo arrivate fin qui?

Potrà sembrare eccessiva la lacrima sul risotto.
Ma ci sono degli attimi feroci in cui ci rendiamo conto che quelle piccole ali stanno spuntando.
Il problema è che si passa in maniera repentina dal pannolino al mascara.
E noi mamme, siamo lì, in mezzo a cercar di trovare quel momento.
Proprio quello in cui è successo.
Ma non lo troviamo mai

Oh, il risotto manco a dirvelo..era proprio buono!!

RISOTTO ALLA  MOZZARELLA DI BUFALA e NOCCIOLE TOSTATE

400 grammi di riso Carnaroli
1 mozzarella di bufala con il suo liquido di governo
1 cipolla piccola bianca
1 cucchiaio di olio 
50 grammi di burro
1 bicchiere di vino bianco
700 ml brodo vegetale
sale
pepe
70 grammi di granella di nocciole tostate

Versate in un pentolino il vino bianco e portate ad ebollizione. Fatelo sobbollire per cinque minuti e spegnete.
Tritate finemente la cipolla.
metterla a soffriggere in un tegame con l'olio e il burro previsti.
Unite il riso e fatelo tostare per un minuto.
Unite il vino caldo e fate evaporare.
A questo punto prendete la mozzarella di bufala e toglietele il liquido di governo. Mettetelo in un contenitore e mescolatelo con il brodo vegetale.
Unite questo mix mano mano al riso e portatelo a cottura.
Regolate di sale e pepe
Cinque minuti prima di toglierlo dal fuoco unite la bufala tagliata a dadini, spegnete il fuoco ,coprite e lasciate riposare per cinque minuti.
Unite la granella di nocciole e servite caldo.



Continue reading

9 Comments

Followers

Visualizzazioni :

Google+ Followers

Search This Blog

Popular Posts

Pages

monicapennacchietti@l'emporio21. Powered by Blogger.

Buzzoole

buzzoole code

histats

Follow by Email

Se vuoi contattarmi:



Collaboro con:

Translate

Follow us

Instagram