9 luglio 2014

Girandole di sfoglia alla Nutella e l'amore è una cosa semplice


L'amore è una cosa semplice.
La vita è invece complicata.
Strani disegni incomprensibili come il più oscuro dei geroglifici.
Strade strane e crudeli.
Ma l'amore è l'asfalto di quelle strade cosi impervie.
E' semplice.
E lo sa bene Sarah.
Una richiesta di amicizia su Facebook.
Un soldato italiano ,Luca, di stanza in Afghanistan.
Lei è una bellissima ragazza dell'Ohio.
Occhi puri come i laghi che Luca ama tanto.
Parole che scorrono sulla tastiera.
Un appuntamento al quale Sarah si prepara con la gioia della realtà, seppur virtuale.
Uno scoprirsi senza vedersi, parlarsi direttamente nell'anima.
Senza bocche,occhi mani che possano distrarre.
Poi il buio.
Luca scompare.
Sarah affonda nella disperazione, nel presunto rifiuto.
Non ha notizie, non sa nulla di lui.
E il virtuale diventa una gabbia e lei una piccola e bellissima farfalla intrappolata e ignara.
Perchè Luca è stato ferito in un attentato.
E' tornato in Italia.
il maledetto fuoco ha ucciso il suo amico, Luca Sanna e ha reso lui tetraplegico.
Sarah inizia a vedere messaggi che incitano Luca a non mollare.
Non sa, si insospettisce, chiede.
E vola.
Vola in Italia.
Vola in quell'ospedale, in quella piccola stanza dove c'è Luca.
E non se ne va più Sarah.
Perchè per lei l'amore è una cosa semplice.
A dispetto di una pallottola e di una vita crudele.
La scorsa settimana si sono sposati, guardate che belli!

Mi piace questa storia.
E' semplice.
E' vera.
Abbatte le barriere.Senza clamore, ma con la normalità di una vita che vuole a tutti i costi essere salvata dall'amore.

E semplice è il dolce che vi propongo oggi.
Sfoglia e Nutella.
Perchè questa è un'estate strana. Calda, piovosa, temporali,grandine. Nuvole che arrivano all'improvviso e spazzano via i raggi ammaliatori del sole.
E i forni magari continuiamo ad accenderli.
Tre ingredienti.
Tanta bontà.
(potete sostituire la cioccolata con la marmellata)


Girandole di sfoglia alla Nutella


1 rotolo di pasta sfoglia
Nutella quanto basta
zucchero semolato quanto basta.

Stendete la pasta sfoglia.Con la rotella dentata ritagliate 6 quadrati di circa 10 cm di lato.
Metterli sulla placca foderata di carta forno.
Posizionare al centro del quadrato 1 cucchiaino colmo di Nutella.
Fare quattro tagli che partono dagli angoli fino quasi al centro.
Ripiegare ogni metà angolo verso il centro.
Spolverate di zucchero semolato e fate cuocere in forno caldo a 180 gradi per un quarto d'ora circa.





Continue reading

7 Comments

8 luglio 2014

La Muffoletta tricolore al salame piacentino D.O.P.




Una terra baciata dal clima, dalla disposizione geografica, dalla sapienza di mani antiche che hanno tramandato tanto nelle nostre cucine. 
Appunti su fogli di carta ingialliti, ricette , dosi tenute a mente da massaie divise tra figli, lavoro nei campi e cucine enormi . 

Oggi abbiamo giocato con una ricetta tradizionale, utilizzando  prodotti tipici, vanto del nostro territorio. 

Uno scrigno,la muffoletta, tradizionalmente "cunzata " (condita) ancora calda con olio extravergine, sarde, origano , caciocavallo e pepe.
Qui me la sono portata a spasso per l'Italia arricchendola e irrobustendola con altri ingredienti. 

La muffoletta palermitana, le olive di Cerignola e quelle di Gaeta.
Infine il salame piacentino D.O.P. 

La muffoletta 
Quella della muffoletta è una delle tante tradizioni italiane.
Siciliana nel midollo,palermitana per l'esattezza, è un pane buonissimo.Sa di terra vulcanica e di mare.Sa di ingredienti poveri che danno vita ad una creatura meravigliosa.Tradizionalmente è il pane del 2 novembre.
Le olive 
Ho preso le olive verdi di Cerignola. Bombe verdi dal sapore dolce e pieno.Belle e colorate come il sole della Puglia. Allegre, equilibrate, preda di solito di manine di bimbi golosi.

Le olive di Gaeta.
E siamo nel Lazio.
Una piccola perla .A prima vista nera.
In realtà è violacea.
Il carattere non le manca.Tende all'amarognolo. Sembra coriacea e tendente alla difensiva. Invece è cedevole al tatto, morbida, profumata.
Infine il protagonista ma anche la spalla di questa ricetta:
Il salame piacentino D.O.P.
Nel nostro tour virtuale siamo arrivati a Piacenza,seguendo un invisibile filo di Arianna sparso per la nostra penisola. Un clima mite con sbalzi termici non eccessivi ha dato vita a tante perle delle quali possiamo vantarci.Il salame piacentino D.O.P. è un salume dal sapore che oserei definire "nudo". Rosso rubino nella parte magra, il grasso ben visibile e un aroma dove le spezie aiutano ma non sovrastano.

Dall'unione di queste tre delizie è nata questa ricetta. Strizza l'occhio al Muffuletta sandwich statunitense. Invenzione di un nostro connazionale a New Orleans, è un panino molto apprezzato negli Stati Uniti.Bello carico,con varietà diverse di salumi,formaggi olive e quant'altro.
In questa versione io l'ho spogliato ma reso protagonista di un pasto sostanzioso estivo.Non fatevi spaventare dalla preparazione lunga (partiamo dalla ricetta base della muffoletta).
Organizzatevi per tempo e provate.
Osservate il giusto riposo in frigo e servitela fredda accompagnata da una semplice insalata.

Il gusto e l'arte del mangiar bene mica vanno in vacanza?
^_^
(nell'impasto base della muffuletta ho aggiunto anche della farina integrale per rendere netto lo stacco dall'impatto tradizionale di questo pane.Se non la gradite potete utilizzare semplicemente 250 gr di farina di grano duro  e 250 gr di farina00)

Muffuletta tricolore

ingredienti per la muffuletta:

200 gr farina 00
200 gr farina di grano duro
100 gr farina integrale
7 gr lievito di birra
1 cucchiaio scarso di miele
1 cucchiaino di lecitina di soia (facoltativa,io ho imparato ad usarla nei lievitati perchè l'impasto viene più elastico)
250/300 gr acqua naturale
8 gr sale fino marino
150 ml olio extravergine d'oliva
semi di sesamo

ingredienti per il ripieno:

200 gr (o più se preferite) di salame piacentino D.O.P.
200 gr olive verdi Cerignola
150 gr olive di Gaeta
1 gambo di sedano
1 pizzico di peperoncino
1 cucchiaio di origano
1 cucchiaio di aceto
semi di finocchio (facoltativi)
2 pizzichi di aglio in polvere
prezzemolo tritato
olio sale (poco) e pepe


Prepariamo l'impasto per la muffoletta.
Su un ripiano infarinato mettiamo le farine a fontana. Pratichiamo un buco al centro e uniamo mano mano tutti gli ingredienti. Lavoriamo energicamente per una decina di minuti.
Mettiamolo a lievitare fino al raddoppio.
Intanto prepariamo gli ingredienti per il ripieno.
Armatevi di un coltello e iniziate a tritare a mano le olive denocciolate e il sedano. Non fatele troppo  fini, devono avere comunque una loro personalità!
Mettetele in un contenitore e unite l'olio, l'aceto , il sale,  il pepe, l 'origano,l'aglio,il prezzemolo (questo tritato fine ovviamente perchè altrimenti la sua personalità la sprigionerà sui denti dei vostri commensali e non è certo una cosa carina) e i semi di finocchio se vi piacciono.
Mescolate bene e via in frigo.
A questo punto e con queste temperature il vostro impasto sarà lievitato. Riprendetelo, giocate al lancio dell'impasto sulla spianatoia per sgonfiarlo un pò (aiuta pensare che so io, all'ultima lite con il marito, l'amante l'amico e magari pure la suocera ;-)
A questo punto la tradizione vorrebbe il ricavare dei singoli pezzi di impasto (una pezzatura da circa 100 grammi) per poi avere i singoli panini.
Qui invece ci serve un unico impasto che andremo a stendere su una teglia rettangolare unta d'olio.
Spennellate la superficie dell'impasto con un pò d'acqua e fate cadere come se piovesse i semini di sesamo.
Fate lievitare per altri 30 minuti circa.
Accendete il forno a 200 gradi e fatelo scaldare per bene. Prima di infornare la muffoletta mettete sul piano del forno un sei , sette cubetti di ghiaccio e richiudete lo sportello. Attendete e infornate. Il ghiaccio sciogliendosi creerà una bella cortina di vapore che aiuterà il pane nella cottura. Avrete in questa maniera una crosta morbidissima!
Fate cuocere per circa una mezz'ora. Tiratelo fuori e fatelo raffreddare completamente.
Tagliate la muffoletta a metà.
Mettetela su un vassoio
Prendete il composto di olive dal frigo e stendetelo sullo strato inferiore del pane. Sopra posizionatevi le fettine del salame piacentino. Su questo infine mettete l'ultimo strato del composto di olive.Ricomponete il pane.
Tenetelo per un quarto d'ora con un peso sulla superficie ,i n maniera tale da pressarlo per bene.
Rimettetelo in frigo per un'altra ora e poi tagliatelo in rettangoli.
Buon appetito!
Di quante tradizioni culinarie, di quante storie "alimentari" , di quanti usi e costumi possiamo fregiarci noi italiani?






Continue reading

2 Comments

7 luglio 2014

Torta alla vaniglia e crema di limoncello e il giveaway di Libri vagabondi

Quali sono i libri che portereste con voi in vacanza,nella vostra valigia? O in un'isola deserta?
Io senza dubbio "Siddharta" di Herman Hesse. Questo libro è il mio Sacro Graal, è il libro della mia formazione. E porterei proprio quello che ha accompagnato la mia adolescenza e i miei viaggi. Sottolineato all'inverosimile, con le pagine quasi trasparenti per l'usura. Del resto mi accompagna da trent'anni ormai...
Il secondo è "Cime tempestose". Heathcliff e Catherine. L'amore impossibile che distrugge senza pietà. Un classico intramontabile. Una storia d'amore tutta spine e e niente rose.
Il terzo è "Dieci Piccoli Indiani". Miss Agata Christie.Unica, impareggiabile, la mia iniziazione al mondo del giallo, del noir.

Vi va di venire a raccontare i "vostri libri" della valigia?

Vi aspettiamo numerosi nella nuova avventura fortemente voluta da Ely Valsecchi, il suo nuovo progetto al quale possiamo collaborare tutti,inviando le nostre recensioni.
Il blog è Libri Vagabondi. Un nuovo modo di condividere le nostre letture e le nostre passioni.

Oggi parte il giveaway di Libri vagabondi.
"Per partecipare a questo giveaway bastano pochissime regole. Prelevare il banner e condividerlo sul blog o sui vostri social network. Fate passare parola così che tanti amici possano condividere con noi la passione che ci anima il cuore, la lettura! E…. ovviamente lasciare un commento a questo post!
La scadenza sarà il 31 luglio 2014 alle ore 23.59, nei giorni seguenti ci sarà l’estrazione manuale e l’assegnazione dei premi ai vincitori."

Il banner che potete prelevare nel blog è questo:



Nel mio universo di lettrice accanita le pagine di un libro chiamano sempre un dolce di ottima fattura.
Come quello di oggi.
Una torta che vi sorprenderà per l'armonia dei sapori e la delicatezza dell'impasto.
La ricetta viene dal blog di una persona che in questi mesi mi è stata molto vicina.
Una maniera questa per dirle grazie,anche se grazie è poco ^_^
Tutta per te Cannellè!!!

Negli ingredienti è presente la crema di limoncello. Potete sostituirla con del semplice limoncello. E' talmente equilibrata nel sapore che viene bene lo stesso.
Il latticello previsto se non lo trovate potete farvelo a casa:
150 ml latte scremato e 150 ml yogurt magro. Un pò di limone,mescolate e lasciate riposare per un quarto d'ora.
Potete omettere la farina integrale. In tal caso la dose totale della farina 00 sarà 240 grammi!

Torta alla vaniglia e limoncello di Psiche e Cannella

120 gr farina 00
120 gr farina integrale
60 gr fecola di patate
120 gr zucchero semolato
300 gr latticello
70 ml olio vegetale
vaniglia
2 uova
3 cucchiai di crema di limoncello
1 pizzico di sale
1 bustina di lievito per torte

Sbattere a lungo le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto omogeneo e spumoso.Unite il limoncello,il latticello,la vaniglia e il sale.mescolate bene.
Setacciate insieme le farine,la fecola e il lievito e unitele all'impasto.
Trasferite il composto in una teglia rivestita di carte forno e cuocete a 180 gradi per una mezz'ora (io ho usato la funzione statica e lo stampo era da 24 cm).
Fate raffreddare e spolverate di zucchero a velo!



 

Continue reading

6 Comments

4 luglio 2014

Bruschettine all'avocado e pomodorini e come si cambia



A vent'anni non ti importa un fico secco delle proprietà nutritive, delle vitamine e delle fibre solubili o insolubili del cibo.

Mangi quello che ti capita a tiro anche perchè il tuo stomaco è in grado di digerire anche la corazzata Potemkin senza l'ausilio di un pizzico di bicarbonato.
Ma questo accade non perchè sei sciagurato.
Sei giovane.
Hai la potenza dei vent'anni e di tutti gli amminoacidi al posto giusto.
Poi lentamente le cose cambiano.
Il grande vantaggio di accumulare più anni sulla spina dorsale che euro è che acquisti consapevolezza.
Vuoi perchè inizi a soffrire di qualche disturbo, vuoi perchè diventi mamma e automaticamente sei più attenta all'alimentazione dei tuoi figli ,vuoi perchè...perchè non lo so.
Fatto sta che davanti alla scelta di un alimento ci pensi.
E magari sei tentata di provare che so io, la quinoa, l'amaranto.L'orzo perlato e il farro fanno cucù nella dispensa accanto alla pasta integrale.Frutta e verdura colorano la tua cucina.
E ogni tanto strizzi l'occhio e il mestolo verso il vegan o il crudismo.
Succede.
Io ho scoperto l'avocado ultimamente.
A vent'anni per me l'avocado era il protagonista indiscusso della guacamole. E la guacamole chiamava il ristorante messicano. E il ristorante messicano la tequila boom boom e i balli sopra al tavolo. E i festeggiamenti per ogni esame andato bene all'Università.
Oggi l'avocado per me è altro.
Lo apprezzo cosi,da solo.
Magari in un'insalata  ,magari in una bruschetta come quella di oggi oppure nella preparazione di un condimento fresco per il cous cous.
Perchè è un tipino che sa il fatto suo mr.Avocado.
E' uno dei 27 cibi fondamentali che aiutano a prevenire il cancro.
Aiuta ad assorbire i nutrienti contenuti negli altri alimenti.
Riduce il colesterolo.
Fa bene alla vista.
Sostituisce il burro.E lo fa egregiamente.
E poi me lo posso spalmare sul viso e sui capelli.
Li nutre e li cura.
E poi...
E poi mi piace.
Tanto.
E già questo mi fa bene!

La ricetta che vi propongo oggi è velocissima e piena piena di salute!
Sono delle semplici bruschettine all'avocado e ai pomodorini. L'ho trovata in uno dei tanti appunti presi girando per la rete. Non mi ricordo la provenienza per cui mi riservo la possibilità di attribuire i vari crediti in seguito!


Bruschettine all'avocado e ai pomodorini


pane
pomodorini
2 avocado
pepe nero
succo di un limone
scorza grattugiata di un limone
olio extravergine
foglie di basilico (facoltative)

In un piatto mettete l'avocado e i pomodorini tagliati a cubetti.Unite la scorza del limone,il succo e 2 cucchiai di olio extravergine d'oliva. Aggiustate di sale e unite una bella macinata di pepe. Se volete potete aggiungere anche del basilico tagliato finemente
Prendete il pane , ritagliatelo della forma che desiderate e fatelo tostare in una padella antiaderente finchè diventa croccante.
Mettete il pane tostato su un piatto da portata, sistemateci sopra il condimento a base di avocado e mettete in frigo per un quarto d'ora.
Servite.







Continue reading

4 Comments

Followers

Visualizzazioni :

Google+ Followers

Search This Blog

Popular Posts

Pages

monicapennacchietti@l'emporio21. Powered by Blogger.

Buzzoole

buzzoole code

histats

Follow by Email

Se vuoi contattarmi:



Collaboro con:

Translate

Follow us

Instagram