Visualizzazione post con etichetta crostate. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta crostate. Mostra tutti i post

2 ottobre 2012

La crostata della Luna e il coniglio

Nelle notti di luna piena lui è lì.Piccolo,fragile eppur forte.Basta guardare con gli occhi del cuore per vederlo..
E' li da tempo immemorabile,da quando Buddha decise di premiarlo in questa maniera....
Il coniglio,pavido e tremante come da sua natura,per amore del Dio affamato,decise di sacrificare la sua vita e nutrire il divino con le sue carni,perchè altro non aveva.Poco prima di tuffarsi nel fuoco,si rese conto di avere addosso tanti piccoli insetti.allora si fermò,se li tolse uno ad uno dicendogli:"Il sacrificio è solo mio,non vostro,voi dovete salvarvi..!"
E così Buddha non solo decise di salvarlo,ma di dedicargli anche il pianeta più misterioso,più ammaliante...la Luna.La sua ombra,a guardare con attenzione,la si scorge ,in quelle nottate limpide,chiare,quando il caldo ha ceduto il posto al fresco autunnale,la brezza è lieve e le nuvole riposano prima della grande fatica invernale.
Questo è il periodo celebrato dai cinesi come festa della luna o festa di metà autunno.E' il momento dove la terra ha la massima distanza dal pianeta misterioso e femminile e tutto risplende di una luce chiara,forte.E nascono miti e leggende,ispirati dalla Luna,come quello del Coniglio

In occasione di questa grande festa cinese si consumano questi dolcini,chiamati Yue Bing.Buoni e con un aspetto delizioso.Aspetto al quale io ho dovuto rinunciare perchè ahimè,senza stampi in legno tipici del sol levante e senza abilità da Amanuense Mandarina,beh,sono impossibili da riprodurre!
Allora ho optato per una sorta di fusion-confusion.Il ripieno è quello tipico di questi dolcetti,ma il contenitore è dato da una mediterranea pasta frolla all'olio contaminata dalla cannella....ve l'ho detto più confusion che fusion!!ma il risultato c'è piaciuto mucho in famiglia e anche alla nuova amica dagli occhi a mandorla di mia figlia.Li ha mangiati  e approvati.Meglio di lei chi li poteva giudicare??
Accompagnatela con un buon thè al gelsomino!!
Ora ve li passo e con loro partecipo al contest di Ema ArricciaSpiccia Wow che dolce per festeggiare il compleanno del suo blog!!

La crostata della Luna(Yue Bing)

pasta frolla alla cannella:

400 gr di farina
150 ml olio vegetale neutro (io mais)
2 uova
200 gr zucchero
1 o 2 cucchiai di cannella (dipende dai gusti)
1 cucchiaino di lievito

per il ripieno:(Margot Zhang)

20 gr pinoli
40 gr arachidi
40 gr noci
30 gr sesamo nero (io quello bianco)
30 gr mandorle
50 gr farina di riso
50 gr farina 00
50 gr zucchero a velo
80 ml acqua
25 ml olio vegetale neutro
1 pizzico di sale

Per la frolla impastate tutti gli ingredienti e fate riposare al fresco.
Per il ripieno,miscelate innanzitutto le due farine e fatele tostare in una padella,senza nessun grasso.abbiate cura di non farle bruciare,girandole spesso.Quando saranno sul marroncino e sentirete nell'aria un odore biscottato è ora di toglierle.fatele raffreddare.
Ora tritate tutti gli ingredienti nel robot.Aggiungete le farine grigliate,l'olio,il sale,l'acqua e mixate di nuovo.
Stendete la frolla,farcitela con il ripieno,chiudetela con le strisce e fatela cuocere per una mezz'oretta in forno!



















Continue reading

33 Comments

12 agosto 2012

Crostata alla marmellata di pesche


Ormai mi sono convertita alla filosofia  "zero sprechi".E le mie rotelline cerebrali sono sempre alla ricerca di utilizzi alternativi di oggetti e di cibo.
In cucina questa attenzione la rivolgo soprattutto alla frutta.Questa è stata l'estate delle marmellate espresse (faccio la marmellata con la frutta che comincia a diventare troppo morbida e la mia tribù non se la mangia) e la converto subito in crostate.In un colpo solo salvo la mia frutta e invento la merenda!

CROSTATA ALLA MARMELLATA DI PESCHE


Ho pesato (sbucciate e al netto degli scarti) 1/2 kg di pesche,ho aggiunto due gocce di limone e lo zucchero (metà peso della frutta,anzi qualcosa in meno per renderla meno dolce).Ho tagliato sottile la frutta ,mescolato gli ingredienti a freddo e iniziato la cottura.Dopo circa una mezz'ora era pronta.Ho preso il minipimer e ho dato una bella frullata(alla mia famiglia la marmellata piace con la consistenza di un omogeneizzato).

FROLLA
500 gr di farina
250 zucchero
250 burro
3 uova medie
1 pz di sale
scorza limone grattuggiata
Impasto velocemente gli ingredienti e metto in frigo per un'ora.La prendo ,la stendo ,compongo la crostata e prima di metterla in forno la rimetto in frigo per una mezz'ora (ho visto questo procedimento nella trasmissione "Dolcemente",dove Santin spiegava che è un passaggio fondamentale per evitare che il burro morbido durante la cottura se ne vada a spasso nell'impasto).Cuocio a 180° per mezz'ora.E non ho buttato nulla!!

Continue reading

No comments

23 luglio 2012

Pasta frolla all'olio

Mi piace la pasta frolla.Mi piace declinata in qualsiasi versione e con qualsiasi ripieno.Questa che vi propongo stasera è quella che uso per le torte quotidiane di casa,quelle semplici,quelle che le mie figlie definiscono "le torte che sanno di mamma".E' una frolla senza pretese,figlia di una ricetta trovata tanto tempo fa in giro per il web (se l'autrice si riconosce si faccia avanti ^_^).Non prevede l'olio extravergine perchè le da un sapore troppo forte.usate un olio si semi o anche quello di soia.Il risultato è rustico ma buono!


Ingredienti:


400 gr farina
2 uova
100 ml olio di semi
200 zucchero
1 cucchiaino di lievito
scorza grattugiata di un limone


Fate una fontana con la farina e lo zucchero.Aggiungete mano mano gli altri ingredienti e fate riposare un pò in frigorifero.Tutto qui!

Continue reading

2 Comments

20 luglio 2012

Crostata di pesche noci

Unica avvertenza.Non usate le susine gialle.Fatela con le pesche noci,con i fichi,con le albicocche ma non le susine gialle.Il risultato con loro è deludente..Per il resto è una crostata veramente buona,con una base leggera che durante la cottura diventa bella croccante.Anche questa è una ricetta di Cuisine campagne.
Crostata con le pesche noci
Per la pasta:


300 gr farina
100 gr zucchero
80 ml olio di girasole
100 ml acqua tiepida


per la copertura:


6 pesche noci medie
1 foglio di colla di pesce
4 cucchiai di marmellata di albicocche.


per prima cosa prendete il foglio di gelatina e ammollatelo in acqua fredda per una decina di minuti.
Assemblate la pasta e mettetela in frigo.Scaldate i quattro cucchiai di marmellata di albicocche per renderla liquida.Scioglietevi all'interno il foglio di gelatina ammollato.Riprendete la pasta,stendetela su un foglio di carta forno,sistematevi le pesche noci tagliate a fettine e spennellatele con il composto di albicocche e gelatina.Io ho aggiunto anche una spolverata di zucchero di canna.Cuocete a 180 ° per 40 minuti circa.Il giorno dopo è ancora più buona!!

Continue reading

7 Comments

14 luglio 2012

Crostata alla marmellata di pesche


Ormai mi sono convertita alla filosofia  "zero sprechi".E le mie rotelline cerebrali sono sempre alla ricerca di utilizzi alternativi di oggetti e di cibo.
In cucina questa attenzione la rivolgo soprattutto alla frutta.Questa è stata l'estate delle marmellate espresse (faccio la marmellata con la frutta che comincia a diventare troppo morbida e la mia tribù non se la mangia) e la converto subito in crostate.In un colpo solo salvo la mia frutta e invento la merenda!


CROSTATA ALLA MARMELLATA DI PESCHE




Ho pesato (sbucciate e al netto degli scarti) 1/2 kg di pesche,ho aggiunto due gocce di limone e lo zucchero (metà peso della frutta,anzi qualcosa in meno per renderla meno dolce).Ho tagliato sottile la frutta ,mescolato gli ingredienti a freddo e iniziato la cottura.Dopo circa una mezz'ora era pronta.Ho preso il minipimer e ho dato una bella frullata(alla mia famiglia la marmellata piace con la consistenza di un omogeneizzato).


FROLLA
500 gr di farina
250 zucchero
250 burro
3 uova medie
1 pz di sale
scorza limone grattuggiata
Impasto velocemente gli ingredienti e metto in frigo per un'ora.La prendo ,la stendo ,compongo la crostata e prima di metterla in forno la rimetto in frigo per una mezz'ora (ho visto questo procedimento nella trasmissione "Dolcemente",dove Santin spiegava che è un passaggio fondamentale per evitare che il burro morbido durante la cottura se ne vada a spasso nell'impasto).Cuocio a 180° per mezz'ora.E non ho buttato nulla!!

Continue reading

No comments

Followers

Visualizzazioni :

Google+ Followers

Search This Blog

Popular Posts

Pages

monicapennacchietti@l'emporio21. Powered by Blogger.

Buzzoole

buzzoole code

histats

Follow by Email

Se vuoi contattarmi:



Collaboro con:

Translate

Follow us

Instagram