Visualizzazione post con etichetta Torte salate. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Torte salate. Mostra tutti i post

28 settembre 2016

Torta salata con zucchine e sfizi vari



zucchine-torta salata-verdure




Avete presente il detto "salvare capra e cavoli"?
La torta salata li salva.
Nella fattispecie capra, cavoli, rapporti interpersonali, cene e fondi di frigorifero.
Perché la torta salata veste di glamour una cena improvvisata, mette il vestito buono, quello della festa, alle zucchine e svuota il frigo da millemila avanzi che di per sé non sfamerebbero nemmeno i due gatti anoressici di Lilli e il Vagabondo .
Mezza vaschetta di formaggio cremoso, un pezzetto di parmigiano, uno yogurt con i fermenti lattici prossimi al suicidio. Due cubetti di prosciutto e tre tonnellate di zucchine che le compri perché fanno bene e le figlie invece te le rispediscono al mittente perché  la zucchina "nonsadinientequindisenonsadinienteperchèladevomangiare?"

Poi magari arriva la cena che ....porca paletta ecco cosa dovevo fare...la spesa!!
E allora ecco che la capra con i cavoli si salvano insieme al matrimonio.

Questa è la ricetta della torta salata alle zucchine, una rivisitazione di una ricetta di Donna Moderna.
La condizione essenziale per avere un ottimo risultato è quella di rispettare la dose prevista delle verdure. Danno morbidezza e umidità all'impasto.
Invece delle zucchine potete utilizzare i peperoni. Invece del prosciutto la pancetta o lo speck. Al posto del formaggio cremoso la ricotta. Invece della paprika affumicata quella dolce...insomma mantenete intatta la struttura di base e azionate la leva della fantasia!




TORTA SALATA ALLE ZUCCHINE


500 gr di zucchine
3 uova
6 cucchiai di olio di semi
250 gr farina
125 ml yogurt bianco
100 gr prosciutto cotto
2 cucchiai di parmigiano 
3 cucchiaiate abbondanti di formaggio cremoso o ricotta
2 cucchiaini di lievito per torte salate
3 pomodori secchi
80 grammi di olive nere 
sale pepe
1\2 cucchiaino di paprika affumicata
origano


Taglia le zucchine a rondelle e cuocile in una padella con uno spicchio di aglio per circa una decina di minuti. Aggiusta di sale, spegni il fuoco e fai intiepidire.
In una ciotola metti le uova e sbattile leggermente.
Unisci le zucchine e mano mano tutti gli ingredienti. Per ultima la farina setacciata con il lievito.
Ungi con olio uno stampo per torte (22 cm), cospargi con il pangrattato e cuoci in forno caldo a 180 gradi per circa 30 minuti.
Fai raffreddare bene e servi.



Continue reading

5 Comments

13 aprile 2016

Pitta salata con carciofi e caro dottor Morelli..


Dottor Morelli
io c'ho provato.
Lo sa che io e lei non abbiamo avuto un buon rapporto nel corso degli anni. La sottoscritta considera la psicologia una cosa molto seria che non può essere oggetto di spettacolo, di ospitate. Non può essere ridotta a un "prendi la vita nelle tua mani e vai".

Prima di prendere la vita nelle mie mani la mattina devo, in ordine sparso:
cercare gli occhiali sul comodino, alzarmi e iniziare a correre che manco Bolt alle Olimpiadi...due ragazze da preparare in un'ora scarsa.
Dopo il lancio del giavellotto alias bimba piccola davanti alla sua scuola, parte la seconda parte del piano: la mezz'ora di ellittica perchè sa l'età aumenta e i fianchi s'allargano che è una meraviglia. Prima che la forza di gravità sia completamente padrona di tette e chiappe devo darmi da fare. Poi c'è la spesa ,la corsa a casa, lo spavento che segue l'apertura della porta di casa "o Madonna, sò entrati i ladri". No, non sono entrati i ladri, semplicemente son passata io prima di uscire....
E poi sistema, prepara qualche recensione, pensa a qualche post cazzarone e poi ok, prendo la vita nelle mie mani. No, dottò aspetti, non posso , è mezzogiorno passato ,devo uscire e riacciuffare una delle figlie, l’altra ormai è indipendente.
Rientro e il pomeriggio passa tra il mio amato corso di russo, un piatto da lavare, e una serie di impegni fitti come una catenella all'uncinetto. Io, Morè, alle dieci di sera non sogno di prendere la mia vita in mano.
Sogno il letto.
Però mi è capitato di dover recensire un suo libro. E mi ha colpito una pagina sul mal di testa. Io sono un'emicranica cronica che piglia pasticconi assurdi per farsela passare. Lei asseriva che basta parlargli al dolore per farlo passare. Beh,dottò, io c'ho provato. Per  evitare di prendere i miei triptani...beh,potrei anche ballare la lap -dance al centro del paese ^_^
Io mi sono seduta. Io ho parlato alla mia emicrania. prima a bassa voce, poi un pò più forte. Ma quella niente dottò.
Poi ho urlato. Ma il dolore era ancora lì.

Dottor Morelli, ma a lei gliel'hanno mai detto che le emicranie sono sorde?

Oggi ricetta salata.
Strano vederne una in queste pagine.
E’ una pitta, quindi semplice pasta di pane farcita.
Buona si, nemica dei fianchi altrettanto, nonché della ritenzione idrica.
Ma questo è un blog diversamente magro.
Non ce ne importa un fico secco.
Unica raccomandazione: stendetela più sottile della sottoscritta.
Cresce  molto in cottura.

(da una rivisitazione di una ricetta vecchia di “Sale e Pepe”)
Pitta salata con carciofi

300 grammi di pasta da pane già lievitata
1 mazzo di cipollotti
8 carciofi
100 grammi di olive
1 peperoncino
1 mazzo di rucola
Pangrattato
olio extravergine d’oliva

Per la pasta di pane utilizza la ricetta che preferisci (la mia è:500 grammi di farina-1 cubetto di lievito di birra-1 cucchiaio di zucchero-1/2 cucchiaio di sale-acqua quanto basta-1 giro di olio. Impasto e lascio lievitare fino al raddoppio)
Togli le foglie più dure ai carciofi,tagliali a metà, togli il fieno interno.
Tagliali a spicchi e mettili in acqua e limone.
Taglia sottili i cipollotti.
Falli saltare in padella con olio e peperoncino.
Aggiungi il sale.
Unisci i carciofi e falli cuocere per una decina di minuti (unisci dell’acqua calda se si dovessero asciugare troppo)
Unisci le olive tagliate a rondelle e la rucola spezzettata.
In un padellino tosta 4 cucchiai di pangrattato con 1 cucchiaio di olio.
Prendi la tua pasta di pane e dividila in due.
Stendi una di queste parti in una sfoglia molto sottile e mettila in una teglia unta d’0olio.
Cospargi la sua superficie con il pangrattato tostato.
Riempila con i carciofi.
Stendi altrettanto sottilmente la seconda parte dell’impasto.
Appoggiala sopra il ripieno di carciofi e sigilla bene i bordi della tua torta.
Cuoci in forno caldo a 200 gradi per circa 30 minuti.

Falla riposare prima di servirla

Continue reading

17 Comments

26 febbraio 2016

La Focaccia ripiena senza lievito e se fosse arrivata la fine del mondo






Se fosse arrivata ieri la fine del mondo mi avrebbe colta a santificare in ordine sparso gli dei dell'Olimpo protettori dei lievitati & Co.

Non avevo una e dico una bustina, pezzetto anche rancido di lievito di birra.
Che so io, nascosto in qualche angolino recondito...
Niente.
E ,ovviamente,come da manuale arriva puntualissima la richiesta delle figlie.
Ce la fai una focaccia?
Ma di quelle buone eh?
Ripiene, mozzarellose..
Certo,come no, la faccio lievitare a fiato che manco il bue e l'asinello del presepe?
Le faccio la messa in piega con il phon?
Inforco il camice del piccolo chimico e gli occhialoni d'ordinanza, afferro provette e tanta fantasia e provo qualche reazione chimica?

Allora baratto.
Una torta di mele?
No.
Un muffins?
No.
Una lasagna veloce veloce?
Mangiala tu.
Un panino e una,dico una tavoletta a testa di cioccolato cosisucculentochenonmipotetediredino ?
No.
Ma io non ho il lievito!
Si,ma c'hai santo Pinterest

O poffarbacco accipicchia perdirindindina (c'ho messo mezz'ora per scriverla sta parola)
E' vero.
E santo Pinterest apre i suoi battenti.
E io trovo tante proposte.
Ma  sono anche un gran scassaballe,consapevole ma sempre scassaballe.
E il senza lievito deve essere ben fatto altrimenti sembra di mangiare le solette degli scarponi di un alpino

Alla fine rimango folgorata sulla via di damasco.
eccola.
E' lei.



Una rapida occhiata gli ingredienti.
Patate più che farina.
Allora la morbidezza è assicurata.Le do fiducia e la fiducia viene ricambiata.

Morbida al punto giusto,un impasto ben strutturato e anche gustoso .
L'unica cosa che vi fa perdere un pò di tempo è la cottura delle patate.Ovviamente se avete la pentola a pressione,i tempi si accorciano.
E' veramente una ricetta facile,veloce economica e gustosa.
Una via di mezzo tra torta salata e focaccia.
Una di quelle valide alternative per le famose donne che vanno di fretta!
Pronte?
(fonte ricetta QUI)



FOCACCIA RIPIENA SENZA LIEVITO

400 grammi di patate (all'incirca tre patate grandi)
200 grammi di farina
20 millilitri di olio di semi di mais
1 cucchiaino di sale

per il ripieno:
quello che vi suggerisce la dispensa (io prosciutto cotto e mozzarella)

Lava bene le patate e falle bollire ( puoi utilizzare anche la pentola a pressione).

Toglile dal fuoco quando saranno ben cotte

Schiacciale con lo schiacciapatate (utilizzando questo strumento non avrai bisogno di sbucciarle e  eviterai di scottarti)

Metti la purea di patate sulla tavola infarinata.

Aggiungi la farina,il sale e l'olio.

Impasta.

In poco tempo l'impasto sarà omogeneo.

Prendi una teglia(non molto grande),ungila con dell'olio,dividi l'impasto a metà.

Stendi sottile una parte dell'impasto e posizionalo nella teglia.

Aggiungi il tuo ripieno preferito (se utilizzi la mozzarella ricordati di strizzarla bene per evitare che la sua acqua ti bagni tutto l'impasto)

Copri con la seconda parte dell'impasto,stesa anche questa abbastanza sottile.

Sigilla bene i bordi e bucherella con la forchetta la superficie

Cuoci in forno caldo a 180 gradi per circa trenta minuti.
Il tempo è puramente indicativo.Controlla sempre prima di tirar fuori la tua focaccia
Fai raffreddare e gusta!

Continue reading

6 Comments

18 febbraio 2016

Torta salata funghi mozzarella e patate e se fossi una blogger seria





Se fossi una blogger seria vi direi di mettervi cappuccio rosso e grembiulino e di avventurarvi nel bosco a cercare veri funghi porcini

Se fossi una personcina seria vi direi però di stare attente perchè nei boschi si fanno brutti incontri

Ma sono una blogger cialtrona e vi dico che i funghi beh,comprateli surgelati
E vi dico anche che magari li potete prendere anche misti

E non sono una personcina seria perchè attente al lupo posso anche dirvelo...ma i lupi  sono scappati dal bosco e si aggirano furtivi in ogni angolo, travestiti da nonnine.
Ed è difficile riconoscerli.
Bisogna essere allenate ed avere tanto fiuto
A volte vi sono cosi vicini che vi accorgete che vi hanno fregato solo quando li ritrovate intenti a rosicchiare un arto
Peccato sia il vostro però.

Se fossi una blogger gourmet vi direi di prendere una bella mozzarella di bufala.
E vi direi anche di prendere righe,squadre e goniometri per tagliare le patate (rigorosamente dop doc dip e pop) a dadini perfettamente uguali

Ma la blogger gourmet è rimasta sepolta sotto tonnellate di offerte al supermercato.
E le patate le taglio un pò come mi pare:un pò di futurismo in cucina non ha mai ucciso nessuno

Sono una donna,non sono una blogger santa.
Sono una donna che cucina piatti per donne che vanno di fretta...perchè i lupi sono sempre dietro l'angolo





Ovviamente se avete a disposizione tempo e dedizione utilizzate funghi porcini freschi e mozzarella di bufala.
Personalmente adoro cosi tanto la mozzarella di bufala che non riesco (fatta eccezione per la pizza) ad utilizzarla in cucina.
Sono purista o forse solo estremamente golosa!
Se siete donne che vanno di fretta e avete bisogno di una ricetta facile e veloce ed anche economica utilizzate funghi surgelati e mozzarella vaccina ^_^

TORTA SALATA FUNGHI MOZZARELLA E PATATE

1 rotolo di pasta sfoglia
300 grammi di funghi misti o solo porcini
1 mozzarella grande (250 grammi)
3 patate grandi lessate e tagliate a rondelle
1 spicchio di aglio
1 rametto di timo fresco
1 uovo
100 millilitri di latte


Cuoci i funghi:


  • in una padella fai soffriggere un cucchiaio di olio, 1 pezzetto di burro,1 spicchio di aglio.Unisci i funghi,regola di sale e pepe,copri e lascia cuocere.


Prepara la torta:


  • Passa la mozzarella al passaverdure .Lo so è un procedimento poco ortodosso ma eviterai tutta quell'acquetta traditrice che butta fuori la mozzarella.
  • Fodera una teglia tonda con la carta forno, rivestila con la sfoglia e bucherella il fondo.
  • Sbatti l'uovo con il latte e un pizzico di sale e pepe.
  • A me piace farla a strati con gli ingredienti che rimangono separati Quindi procedi cosi:
  • Metti sul fondo le patate tagliate a rondelle e spolvera  con un pizzico di sale
  • Fai il secondo strato con i funghi
  • Unisci la mozzarella
  • Completa con le patate rimaste.
  • Versa il mix di uovo e latte e fai cuocere a 180 gradi per circa 30 minuti
  • Decora con il rametto di timo e servi in tavola


Continue reading

18 Comments

30 gennaio 2016

L'erbazzone- perchè mi piace vincere facile





Oggi mi sento un filino nazionalista.

Trovatemi un'altra cucina al mondo che riesca a proporre ricette degne del miglior ristorante stellato accanto a ricette che sono facili, veloci ed economiche.

Ma soprattutto buonissime.


O preparazioni per le quali ci si arma di tenda e sacco a pelo (con tanto di cartoline di saluti  ai familiari) da piazzare in cucina... perchè minimo son due giorni di duro lavoro che convivono serenamente con piatti che si preparano in un lampo.

Amo la cucina del mondo.Mi piace tutto (o quasi).E forse proprio per questo mi rendo conto che come la nostra ce ne sono poche
Anche per quanto riguarda la storia che c'è dietro..
Prendete l'erbazzone ad esempio


L'erbazzone è una torta salata tipica di quella regione che solo a pensarla mi vengono fuori due reazioni:
un gran sorriso e una fame come se non ci fosse un domani.
L'Emilia-Romagna.

Una di quelle torte salate che ti fanno pensare alla "rezdora" che si trova ad improvvisare un piatto con quello che ha nell'orto, quello che nella stalla e quello che ha in dispensa.
Erbe, strutto, parmigiano reggiano.
E vien fuori il capolavoro.
Un capolavoro che guarda caso fa mangiare la verdura anche ai bimbi.
L'involucro che rinchiude il ripieno è una pasta che adoro.
Senza lievito,friabile e non vi nego che la uso anche per altre preparazioni.
Un pizzico di storia:la pasta azzima,senza lievito, molto probabilmente è il risultato di una contaminazione ebraica .
La comunità ebrea era numerosa a Reggio Emilia e pare che proprio il primo forno che diede i natali all'erbazzone era situato nel cuore del ghetto

Ho cercato a lungo in rete una ricetta che potesse ricordarmi quello che ho assaggiato anni fa, grazie alle sapienti mani di una mia compagna d'università emiliana doc.
Alla fine l'ho trovata e spero possa piacervi.
E' un'ottima idea per il sabato sera, sia come antipasto che come secondo. Togliete strutto e pancetta e diventa anche un ottimo rappresentante della cucina vegetariana!
E' veramente veloce, oltre che facile da preparare.
Io l'ho realizzata in due maniere diverse.
Una prima versione, sottile,come piace a me e come effettivamente la ricordavo.
E più "piena" quasi cicciotta, oserei dire, su richiesta delle mie ragazze!




L'ERBAZZONE (da una ricetta di Natalia Cattelani)

per la pasta:

300 grammi di farina
1 noce di strutto (o 4 cucchiai di olio extravergine d'oliva)
acqua tiepida (quanto basta)
sale e pepe

per il ripieno:

1 chilo di erbette miste surgelate (oppure solo spinaci o solo biete)
2 cipollotti
50 grammi di lardo o pancetta (ovviamente no per i vegetariani)
aglio 8 cucchiai abbondanti di parmigiano reggiano


Preparazione della pasta:

  • Su una spianatoia infarinata (oppure prendi la planetaria) metti la farina a fontana ,l'olio (o lo strutto),il sale e il pepe.
  • Inizia ad aggiungere l'acqua
  • Non ti do la dose esatta perchè ogni farina ha il suo grado di assorbimento
  • Regolati toccando l'impasto:devi aggiungere tanta acqua fino ad ottenere un impasto omogeneo e che puoi lavorare senza difficoltà.
  • Metti la pasta a riposare e preparar il ripieno


Preparazione del ripieno:


  • Rosola nell'olio la pancetta ,l'aglio e i cipollotti tritati.
  • Aggiungi la verdura e fai insaporire finchè evapora tutta l'acqua .
  • Insaporisci con un pizzico di sale pepe.
  • Lascia raffreddare un pò e unisci il parmigiano.
  • Assaggia il composto.
  • Nel caso regola ancora di sale


Preparazione della torta:


  • Prendi la teglia del forno
  • Ungila bene 
  • Dividi la pasta in due
  • Stendi sottile una delle due metà ed adagiala sulla teglia da forno
  • Unisci il composto di verdura
  • Copri con la seconda parte della pasta e fai delle piccole grinze con la pasta che abbonda
  • Punzecchia con la forchetta
  • Cuoci in forno caldo a 180 gradi per circa mezz'ora.
  • Se vuoi una superficie ancora più gustosa tira fuori la teglia cinque minuti prima della fine della cottura
  • Spennella la superficie con dell'olio extravergine.
  • Rimetti in forno per cinque minuti e gusta!


Note alla ricetta:semplificati il lavoro.prepara prima il ripieno,anche in mattinata.La ricetta diventerà ancora più veloce e facile da preparare!

Vuoi altre ricette della tradizione italiana?

Guarda qui:


  1. Farinata di ceci ligure
  2. Frittata di maccheroni
  3. Pisarei e fasò
  4. La Gricia
  5. Spaghetti alla puttanesca
  6. Cecamariti al sugo piccante






Continue reading

4 Comments

17 ottobre 2014

Torta di pane e spinaci...la sfida della cucina degli avanzi



La cucina degli avanzi.

Mi piace.
Mi piace e mi rende fiera di non aver buttato nulla.
Anzi.

Con poco e con tanta fantasia è incredibile i piatti che si riescono a tirar fuori.
A volte la cucina ha modi e ingredienti mirabolanti e estremamente costosi.
Ricette meravigliose e altisonanti.

Ma...
la cucina povera esercita su di me un fascino arcaico,ammaliante.
E' una sfida continua.

Una sfida che questa ricetta ha vinto alla grande.
L'ho vista da Mariangela ,una blogger alla quale sono particolarmente affezionata.
Una di quelle blogger silenziose, che entrano in punta di piedi.
Brava, precisa ,simpatica.

Con tante idee che tira fuori dal cappello e con poco ti stupisce.
Questa è la sua torta di pane.
Questa è l'unica maniera che ho di far mangiare la frittata alla piccola.

Prendi del pane raffermo, delle uova, della provola,degli spinaci e tiri fuori un secondo piatto buonissimo.

Il passaggio in forno gli regala morbidezza ma allo stesso tempo gratina con cura e rende croccante la parte superiore.

Inganni i sensi e la vista perchè non sai se stai mangiando una frittata o una torta croccante.

Io ho seguito con qualche variante la ricetta di Mariangela
Ma la ricetta si presta a varie interpretazioni.
L'ultima volta l'ho proposta con i resti di una peperonata.
Divina anche in questa versione.

E' una ricetta a tutto tondo.
Un abile contenitore per smaltire quello che avanza.

Gusto, risparmio e rispetto per il cibo.
Non posso pretendere di più.





TORTA DI PANE E SPINACI

120 gr pane raffermo
200 gr spinaci
2 uova
3 cucchiai di parmigiano grattugiato
100 gr pancetta affumicata
100 gr provola dolce
latte
olio
sale e pepe


Prendere gli spinaci già cotti e passarli brevemente in padella con uno spicchio di aglio.
Scaldate il latte.
Versatelo sul pane per farlo ammorbidire.
Lavoratelo brevemente ,giusto per ammorbidirlo un pò, senza farlo diventare eccessivamente sfatto.
Sbattiamo le uova con il parmigiano. Uniamole al composto di spinaci, aggiungiamo il pane,la pancetta , la provola tagliata a dadini.
Aggiustiamo con il sale e il pepe (io ho aggiunto anche 1 cucchiaino di paprica dolce).
Accendete il forno a 180 gradi.
Foderate una teglia con carta forno (io la bagno cosi rilascia umidità durante la cottura mantenendo cosi il composto ben idratato).
Cuocete per una ventina di minuti.
Eventualmente passate sotto il grill brevemente per rendere croccante la parte superiore.


Continue reading

10 Comments

15 ottobre 2014

La Torta sette vasetti salata



Lo confesso.
Conoscevo solo la versione dolce.
Rimbalzava come una palla impazzita tra blog e forum vari.

Una ricetta molto carina.
Mi piacciono tutte quelle ricettine che non prevedono l'uso della bilancia e della precisione al milligrammo.
Mi sanno tanto di mamme che pesavano gli ingredienti ad occhio o al massimo con un cucchiaio.

Finchè un giorno gironzolando col naso all'insù nel web non incontro il sito Non Sprecare.
Carino, ben fatto.
Valida anche la sezione delle ricette low-cost.

Mi piacciono le ricette non sprecone.
Oltre ad essere economiche, la maggior parte delle volte sono strabuone.
Un pò come tutta la cucina povera.

Mi imbatto in questa versione salata della Sette Vasetti.
Avevo giusto un mix di ortaggi nel frigo che chiedevano pietà.
Un peperone, 2 zucchine,qualche taccola.
E uno yogurt in scadenza.

Detto fatto.
Il risultato è stato piacevole e gustoso.
Una torta salata che ricorda una focaccia.
Una torta che potrete farcire come meglio credete.
Una ricetta svuotafrigo e salva tasche.
Il che non è mai un punto a sfavore!



TORTA SALATA SETTE VASETTI

1 yogurt magro
2 vasetti di farina
1 vasetto di fecola
1\2 vasetto di olio
1 vasetto di latte
1 vasetto di parmigiano grattugiato o grana
1 bustina di lievito per torte salate
3 uova
1 cucchiaino di sale


per il ripieno:

1 peperone rosso
1 cipolla
1 spicchio di aglio
10 taccole
1 manciata di piselli surgelati
1 melanzana
1 zucchina
1 cucchiaino scarso di paprica
1 cucchiaino di erba cipollina
prezzemolo e basilico
formaggio dolce a dadini (se lo gradite)
sale olio e pepe

Prepariamo il ripieno (che potrete ovviamente variare secondo i vostri gusti):
in una padella capiente mettiamo a soffriggere l'aglio e la cipolla tritati finemente.
Aggiungiamo poi tutte le verdure tagliate a dadini sottili e portiamole a cottura, aggiungendo acqua se necessario. Uniamo il sale, la paprica, l'erba cipollina e a fine cottura il prezzemolo e il basilico.
Facciamo leggermente raffreddare.

Accendiamo il forno a 180 gradi e cospargiamo di olio e pangrattato una teglia (se gradite una torta bassa come la mia utilizzate una teglia da 26 cm almeno;altrimenti se gradite una torta salata alta diminuite la circonferenza della teglia stessa).

In una ciotola uniamo tutti gli ingredienti previsti per la torta e mescoliamo con cura.
Aggiungiamo il ripieno,il formaggio a dadini e rovesciamo il tutto nella teglia.
Livelliamo la superficie della torta con un cucchiaio bagnato e mettiamo in forno.
Cuociamo (forno ventilato) per circa 30 minuti.
Facciamo la prova stecchino prima di tirar fuori la teglia.
Se la torta è cotta poniamola a raffreddare.

Questa torta dà il meglio di se stessa gustata tiepida o fredda!

Continue reading

14 Comments

9 settembre 2014

La Pasta Magica o Milleusi, una soluzione per tutto



A volte ci si imbatte in blog sperduti ai quattro angoli del mondo.
Magari piccini ma pieni di ottime idee.

A me capita spesso e soprattutto ci arrivo cercando tutt'altro.
Del tipo che cerco notizie sull'usignolo del Uzbekistan  e trovo invece come si costruisce un cesto di vimini con gli alluci.

Ecco, tanto per intenderci.
Stavolta mi sono imbattuta nel blog di Darna. Un piccolo luogo di ritrovo marocchino che non viene aggiornato più da mesi.

L'occhio mi è andato su due paroline magiche "pate magique" ovvero la pasta magica.
Due parole inflazionate nel nostro mondo culinario (ve lo ricordate il tormentone della torta magica?) ma che comunque incuriosiscono più di un buco della serratura da sbirciare.

Iniziamo col dire che il nome è altisonante. Di magico non c'è nulla.
Piuttosto la definirei versatile e milleusi.

Perchè con un impasto ci si fanno un sacco di cose.
Dolci e salate.
Ecco, la particolarità è tutta qui.

Ho realizzato il pane.
Le ciambelle zuccherate.
Le pizzette.
Le bombe ripiene.
I calzoni.

Viene tutto bene.
Raddoppiando le dosi dell'impasto avrete una cena completa. Pizza, calzoni e ciambelle .
Oppure un pane delizioso e fragrante.

Ho anche congelato quest'impasto e tirato fuori all'occorrenza per delle cene o delle voglie improvvise.
Per questo mi sento di dire che è proprio l'asso nella manica da tenere a disposizione nel freezer.
Basta scongelarlo, farlo lievitare un pochino e dar via alla fantasia!

Ho modificato qualche dose rispetto alla ricetta originale.
Ho tolto il latte in polvere che qui non riesco a trovare e l'ho rimpiazzato semplicemente con del latte.
Ho aumentato le dosi del sale per dare una marcia in più e renderlo adatto ai vari impasti.

Vi va di provarla?






PASTA MAGICA O MILLEUSI

500 gr farina
30 gr burro morbido
3 cucchiai di latte
1 cucchiaio di zucchero
1\2 cucchiaio di sale
1 cucchiaino di lievito di birra
180 \200 ml acqua tiepida

Su un piano infarinato mettete la farina a fontana e inseritevi tutti gli ingredienti.Lavorate fino ad ottenere un impasto omogeneo.Per quanto riguarda le dosi dell'acqua io ho dovuto leggermente aumentarle perchè il mio impasto lo richiedeva. Voi regolatevi aggiungendola mano mano.
Una volta ottenuto un impasto omogeneo mettetelo a lievitare fino al raddoppio.(se utilizzate una macchina per il pane , utilizzate la funzione impasto e lievitazione).
Ci vorranno all'incirca un'ora e mezzo, due ore.
A questo punto non vi resta che realizzare qualsiasi preparazione dolce o salta suggerita dalla vostra fantasia!!

Particolare dell'impasto:





Continue reading

12 Comments

31 agosto 2014

La tarte tatin ai pomodorini e aridatece Nigella!!


Questa è una ricetta di Lorraine Pascal.
La qual donnina , insomma , mi starebbe anche simpatica.
Se non fosse per il fatto che butta giù nelle ricette etti ed etti di burro che manco Nigella arriva a tanto.
E suddetto burro se lo spalma anche nella "fougasse" appena sfornata, cosi a piene mani.

La pasta sfoglia se la fa da sola.
Encomiabile.
Io non lo farei mai.
Nemmeno se mi promettessero in cambio lo stacco coscia della Belen.
Lei non sono la fa "homemade".
Ci spatascia chili di burro che io solo a guardarlo mi verrebbe voglia di bermi la Somatoline, altro che spalmarmela.

Ma che ce l'hai con il burro? Direte voi.
Ma no.
Ce l'ho con queste dee dell'Olimpo che mangiano a carrettate grassi e dolci (ndr- dopo la fougasse si è pappata la Red Velvet cake) e sono magre come chiodi.

Il burro esige le curve morbide.
La panzetta che si srotola dai jeans.
Magari un accenno di culotte de cheval.

E lei niente.

L'unico baluardo della donna morbida che mangia realmente con gusto  (E INGRASSA felice) era rimasto incarnato nella figura di Nigella

Si,certo.
Guardate qui:




Il prima e il dopo.
Ha fatto una dieta.
E già.
E da silenziosa saccheggiatrice del frigo in notturna è diventata...è diventata...ma che ne so cos'è diventata.
Un'altra.
Più bella senza dubbio.
Ma forse con un filino di seduzione in meno!

"ARIDATECE" Nigella, che era l'emblema di noi che pure se lo respiriamo solo il burro, mettiamo su un chilo!

Io voglio Nonna Papera che mi dica cosa cucinare.
Zia Abelarda che mi spiega come ingrassare i vitelli o la sora Lella .
Non le modelle, accidenti al loro metabolismo!

La ricetta che vi propongo oggi è della Lorraine.
Pochi ingredienti.
Risultato strepitoso.
Pasta sfoglia e pomodorini.
Dove sta il burro, mi chiederete voi?
Ve l'ho risparmiato.
Era nella pasta sfoglia ma io l'ho comprata, mica l'ho fatta!
Tsè!

Ahh a proposito per chi non la conoscesse, questa è Lorraine Pascal:


trovate per caso traccia del burro? ^_^


TARTE TATIN AI POMODORINI

1 pasta sfoglia
20 pomodorini
1 spicchio di aglio
sale
basilico
1 cucchiaio di miele (o zucchero)



Prendete per prima cosa una casseruola tonda che possa andare anche in forno. versateci dentro l'olio l'aglio a spicchi, i pomodorini interi .Unite il sale, il miele (io ero titubante ma non si sente per niente e fa caramellare bene i pomodorini).
Fate cuocere per cinque minuti a fuoco alto, cercando di smuovere la casseruola senza girare i pomodorini.
Spegnete e fare raffreddare per un quarto d'ora.
Accendete il forno a 200 gradi .
Srotolate la pasta sfoglia e adagiatela sui pomodorini , cercando di farla aderire bene, soprattutto nei bordi (in sostanza infilatela letteralmente sul bordo, spingendola all'ingiù).
Prendete la casseruola, mettetela in forno e cuocere per venti minuti (il tempo dipende ovviamente dal forno, controllate la sfoglia prima di tirarla fuori).
Una volta cotta,fatela raffreddare un pò.
Coprite la casseruola con un piatto, capovolgetela e avrete la vostra tarte tatin pronta.
Cospargete di  basilico, una macinata di pepe fresco.

Continue reading

8 Comments

15 maggio 2014

Il pane casareccio delle Simili ovvero come ti faccio il pane e te lo riciclo pure !!





Oggi siamo slow.

Il dizionario dice che slow in primo luogo vuol dire fiacco,stanco.
Il che potrebbe anche darsi visto che è giovedi e le fatiche della settimana noi donnine ce le sentiamo tutte sulle spalle.Mamme e non,nonne,zie,sorelle,impiegate,commesse,cantanti,colf,ballerine di lap-dance e insegnanti.
Avremo diritto di essere slow a fine settimana ...o no?

Però a dire il vero mi piace di più l'altro significato.
Lento.
Una parola che applicata a questo blog sembra un'eresia, ma anche a me ogni tanto piace fare le cose lunghe,soprattutto quando in vista del fine settimana tendo a rallentare attività cerebrale e cardiaca..

E allora che sia pane,oggi.
Il pane che sa di casa.
Il pane che la sera prima devi metterti a preparare.
Il pane che lo impasti,lo sbatti sulla spianatoia e per magia assume le sembianze della suocera ,del marito,della lattaia e perchè no,magari dell'amante o degli amanti perchè "two gust is megl che one".E allora lo prendi,lo sbatti,gli dai i pugni e lo insulti sciorinando un repertorio che farebbe impallidire qualsiasi scaricatore di porto.
Perchè a volte preparare il cibo equivale ad una bella seduta di psicoterapia.
E una seduta si sa.
E' lenta.
Ci si impiega tempo.

Quindi pane casareccio.
Pane delle sorelle Simili.
Una garanzia.
Provatelo.
Le vostre papille gustative le ringrazieranno.
E anche la vostra psiche.


Però siccome sono sempre io ,oltre lo slow c'è anche il fast.
E quindi se casomai vi avanzasse del pane vi metto pure una ricetta di quelle cosi semplici ma cosi buone che d'ora in poi il pane ve lo farete avanzare apposta!
Pronte? Via!

PANE CASARECCIO DELLE SORELLE SIMILI

Ricetta base

fondo:

50 gr farina 0
25 gr acqua
2 gr lievito di birra

Mettete la farina in una tazza,fate una piccola fontana al centro nella quale metterete il lievito e l'acqua.Formate un piccolo impasto.Coprite con un piatto e fate lievitare per tutta la notte (8-10 ore)

impasto:

300 gr farina
130 gr acqua
10 gr lievito di birra
15 gr strutto
15 gr olio (oppure 30 ml se non si vuole utilizzare lo strutto)
5 gr sale

Fate la fontana.Mettete al centro il lievito di birra previsto più il fondo creato la sera prima.Versatevi sopra l'acqua e riducete il tutto ad una poltiglia.Unite il resto degli ingredienti.Amalgamate bene fino ad ottenere un impasto consistente.Battetelo varie volte,anche con il matterello,finchè la superficie sarà ben liscia.Dategli la forma che desiderate ,disponetelo sulla teglia,copritelo con carta forno bagnata e strizzata.
fate lievitare per almeno un'ora in un luogo tiepido.Accendete il forno e portatelo a 220 gradi.
Infornate il pane e abbassate subito la temperatura a 200 gradi e cuocete 10 minuti.Abbassate ancora a 180 gradi e cuocete per un 'altra mezz'ora circa.


E come ti riciclo il pane:

TORTINO DI PANE

pane raffermo
2 mozzarelle (o altro formaggio acquoso)
1 grappolo di pomodorini
basilico
origano
pepe
sale e olio 
eventualmente avanzi di salumi

Tagliate a fette il pane avanzato.
Sistemate in una teglia un primo strato di fette.
Ricoprite con la mozzarella sfilacciata a mano ,i pomodorini ed eventuali salumi.Fate un leggero giro di olio,spolverate di sale,pepe,origano e basilico.
Fate un altro strato di pane e procedete come descritto prima,fino ad esaurimento di tutti gli ingredienti.
Passate in forno caldo per un quarto d'ora circa e fate gratinare per cinque minuti.
Semplicissimo,economico e gustoso!!



Continue reading

4 Comments

Followers

Visualizzazioni :

Google+ Followers

Search This Blog

Popular Posts

Pages

monicapennacchietti@l'emporio21. Powered by Blogger.

Buzzoole

buzzoole code

histats

Follow by Email

Se vuoi contattarmi:



Collaboro con:

Translate

Follow us

Instagram