16 marzo 2016

Fettuccine alla crema di peperoni ed olive e confessioni di una blogger







Potrei raccontarvi la storia del signor Peperone che in un caldo ed afoso pomeriggio d’estate ho arrostito e  successivamente congelato
Ma io sto al caldo come Cicciolina sta  alle Carmelitane scalze.
La scena della sottoscritta che a 43 gradi all’ombra arrostisce peperoni & co. è molto poco credibile.
Potrei raccontarvi allora che il signor peperone è stato arrostito dalla sottoscritta e successivamente congelato in una tremolante alba a luglio.
Ma io l’estate vado a letto tardi,tardissimo.
E la mattina io e Morfeo abbiamo un rapporto molto stretto.
Intimo oserei dire.
Non ce li ho i peperoni nel freezer.
Li ho comperati.
Ieri,15 marzo 2016.


In realtà io ho provato a fare la blogger seria.
Quella del km 0, quella che io “solo le cose di stagione”
E giuro che lo faccio.
Il problema è che ogni tanto ho la stagionalità inversa.

La voglia di mangiare qualcosa mi prende in periodi strani dell’anno.
Come questa del peperone a marzo.
Ho provato  a fare la gastrofighetta, la blogger sana, quella del niente schifezze, quella che il food porn lo affronta con tre Ave Maria e quattro Padre Nostro, quella che le merendine le procurano un’orticaria alla cistifellea….
Ma io sono un po’ una blogger cialtrona.
O forse radicata troppo nella quotidianità.
E a volte mi rompe fare una sana torta per le mie figlie.
E allungo una merendina.
A volte mi rompe andar a cercare l’essenza di vaniglia del Madagascar o spendere quasi 5 e dico 5 euro per i baccelli della suddetta vaniglia.
E allora uso la vanillina.
A volte uso il dado.
A volte mangio il peperone a marzo e la melanzana a dicembre.
Perché ne ho voglia.
Perché “Carpe Diem”
Perché meglio un uovo oggi che domani magari divento vegana.

Poi non c’è niente da fare.
Più  vedo i tam tam mediatici più io suono i tam tam inversi.
Forse l’aver lavorato un pochino dietro le quinte anni fa mi ha destabilizzato o forse mi ha aperto gli occhi su come si propaghino  idee costruite a tavolino, su come sia facile, soprattutto attraverso i social ,costruire diktat studiati a tavolino.
Senza considerare poi che io alla fine perché devo dirvi che questo fa male, che questo non lo dovete mangiare?
Mica sono Ippocrate dei giorni nostri.
Al limite posso dirvi come costruire una scena all’interno di un testo, come creare un incipit che catturi l’attenzione.
Io che diamine ne so se una cosa può esser dannosa?Perchè l’ho letto? Solo per questo?


Insomma l’ho detto.
La confessione merita di solito l’assoluzione.
Vi sono ancora simpatica?
Baci a tutte!!!
(ovviamente se siete rigorose e meno cialtrone di me potete utilizzare sia peperoni surgelati,ce ne sono di ottime marche sia quelli grigliati in barattolo)

FETTUCCINE ALLA CREMA DI PEPERONI ED OLIVE

3 peperoni gialli e rossi
1 /2 cipolla
1 spicchio di aglio
100 millilitri di panna fresca (o in alternativa ricotta di mucca)
2  cucchiai di vino bianco secco
2 cucchiai di concentrato di pomodoro
70 grammi di olive nere
Prezzemolo quanto basta


Lava,togli i filamenti interni e taglia a pezzettini i peperoni.
Trita aglio e cipolla insieme.
Mettili a soffriggere in una padella con un  po’ di olio.
Dopo due minuti aggiungi i peperoni e fai insaporire.
Sfuma con il vino bianco.
Una volta evaporato, aggiungi il concentrato diluito con 2 cucciai di acqua calda.
Porta a cottura i peperoni, aggiungendo altra acqua mano mano.
Una volta cotti frullali con tutto il fondo di cottura.
Diluisci il composto con la panna (o in alternativa la ricotta)
Taglia a rondelle le olive e uniscile alla crema di peperoni.
Cuoci la pasta e prima di scolarla tieni da parte un po’ di acqua di cottura.
Condisci la tua pasta con la crema di peperoni. Se il composto dovesse risultare denso ,diluisci con l’acqua di cottura.
Completa il piatto con un po’ di prezzemolo, peperoncino strong e una spolverata di parmigiano!




41 Comments

41 commenti:

  1. Confesso...pure io oggi ho comprato i peperoni! Mi andavano i peperoni ripieni alla greca, ma ora mi hai fatto sorgere un bel po' di dubbi...E se facessi le tue fettuccine?
    Sempre grande Monica! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io voglio la ricetta dei peperoni alla greca Ale!!
      Grazie mille Ale,detto da te è un onore ^_^

      Elimina
    2. Mccoti servita!
      I miei peperoni e pomodori alla greca li trovi qui http://www.isognatoridicucinaenuvole.it/2011/09/la-grecia-una-fonte-inesauribile-di.html

      Elimina
  2. ehm, io ti assolvo solo se mi prepari la torta delle rose, il pollo di tua mamma, la pasta alla Roberto, i biscottini al riso, la treccia di quando ci siamo conosciute e la pizza con pomodoro e pesto.
    Il caso è chiuso :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mizzica nient'altroooo?Non mi assolvere allora!! ahah vado a cucinare ,la lista è lunga!

      Elimina
  3. ahahahahahaahah mi son crepata dal ridere.. Bè allora se può esserti solidale.. io spesso in inverno compro anche zucchine e pomodori... Se c'ho voglia..c'ho voglia.. E ti dirò di pi..compro cornetti confezionati.. sfogliatine confezionate e wafer con il "salutare" olio di palma.. embè? e mica c'ho sempre voglia di preparare un dolce.. sai che ti dico? l'esagerazioneè sbagliata sia in un senso che nell'altro.. Se stessimo davvero ad evitare tutto ciò che fa male.. la prima cosa sarebbe soffocarci sotto una campana di vetro.. perchè l'aria stessa che respiriamo è inquinata e ci fa male.. quindi? concedimoci quel che ci va con sano equilibrio.. Sta pasta invece.. è troppo buonaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa.. coi peperoni che tanto amo.. ma non compro perchè Riccardo non li mangia.. e spesso non c'ho voglia di arrostirne soltanto uno per me.. :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pari pari quello che faccio io Clà. Quando mi va e come mi va. Perchè di peperoni a marzo non è mai morto nessuno.E senza dubbio la moderazione penso sia la chiave di tutto.
      Baci

      Elimina
  4. Monica non preoccuparti se cadiamo in "errori" quali comprare ortaggi fuori stagione o vanillina chimica al posto del baccello...Pensa che Cracco fa la pubblicità alle patatine e le mangia pure come stesse gustando un piatto sopraffino....E ho detto tutto! Lode quindi a questo primo piatto gustoso ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero Luna ahah non ci pensavo a Cracco con le patatine.bastava quest'esempio e chiudevo il discorso in due parole!!
      Abbraccio te e la tua pizza di Pasqua.Ancora brava!
      Baci

      Elimina
    2. Ihihii :D Grazie mille! Una curiosità, ma tu usi 35 gr di lievito di birra come fa Paoletta? A me sembra eccessivo e quindi ne metto meno!!!

      Elimina
    3. Luna io vado a dose standard. Cinquecento grammi di farina-1 bustina di lievito di birra., senza guardare proprio la ricetta. E già così mi gonfio come una mongolfiera ahaha.

      Elimina
  5. miticaaaaaaaaaaa!!!! quanto ti capisco!!!! anch'io cedo a queste debolezze e , quando mia madre mi rimprovera perchè ho comprato le merendine.....mi faccio una sana risata!!! dobbiamo essere elastiche, altrimenti diventeremo schiave di luoghi comuni!!! bravissima mia cara!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mimma tua mamma è mitica!Immagino la scena ahaha!
      Un abbraccio

      Elimina
  6. PS: I baccelli di Vaniglia li vendono da Tiger, due baccelli per due euro :D :D :D

    RispondiElimina
  7. Anch'io ho peccato! Oggi anche nella mia cucina è arrivato il signor peperone e per giunta accompagnato dalle signore zucchina e melanzana:mi sarà presa una prematura voglia d'estate!
    Buonissima la pasta con la crema di peperoni, la faccio spesso sia come l'hai preparata tu ma a volte l'abbino con il pesce ed è una vera delizia!
    baci e buona giornata!

    RispondiElimina
  8. Monica, fin quando sono questi peccatucci... che delizia!
    Un abbraccio e buon pomeriggio

    RispondiElimina
  9. Anche io quando ho voglia di qualche ortaggio lo compro nonostante non sia di stagione, se uno ha voglia di una cosa perchè rinunciarci?? Questa pasta è davvero buona e cremosa! e sicuramente straordinaria! :-D Un abbraccio. Mirta.

    RispondiElimina
  10. mi sei mooolto simpatica!!! anch'io sono una blogger un po' cialtrona, quando mi viene voglia di una cosa la cucino, in fondo sarà "di stagione" in qualche altro paese :)
    la ricetta mi piace, userò la ricotta
    a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche tu mi sei moolto simpatica prof.....proprio perchè la cattedra la lasci in classe ahaha
      Un abbraccio

      Elimina
  11. le voglie si sa vanno soddisfatte, io sono proprio come te, cerco.....ma mi faccio tentare, siamo umane del resto no????Prossima volta invitami a pranzo, io vengo volentieri senza giudicarti!!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
  12. ma io i peperoni li mangio tutto l'anno...sono una blogger poco seria anche io allora!!
    Moni sei sempre uno spasso,ti adoro!!
    Concordo su tutto tranne il punto della vaniglia:io per la vanillina ho proprio l'avversione!!
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Barbara che piacere averti qui!
      E per la vanillina, viva la libertà..condizione essenziale!!
      Ti abbraccio forte forte

      Elimina
  13. Ancora simpatica? Con questo post hai raggiunto l'apice del mio grado di simpatia! Ora leggo la ricetta, mi piace rispondere di getto e se mi fossi messa a leggere la ricetta avrei perso il carpe diem! Continua così! ;);)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvia sei una ventata d'aria fresca!
      Grazie,veramente!

      Elimina
  14. Mi piace tanto questo blog e mi piacciono le tue cialtronerie. Mi piacciono le digressioni e i ricordi e le ricette. Su questo post, solo un paio di cose su cui sono in disaccordo: la vanillina (no, quella in bustina per favore no, è petrolio puro e fa male) e le merendine (piuttosto fatevi un dolce, tagliatelo a fette, mettetelo in porzioni in freezer e lo trovate pronto da scongelare quando vi va). E poi, e poi...un appunto da grammar-nazi (ti vedo scuoter la testa e mormorare che certa gente che ti legge tutte le rotelle a posto non le ha ma tant'è) e cioè: dopo la punteggiatura uno spazio, prima della punteggiatura nessuno spazio :-D Lo so lo so, chi ci guarda più all'ortografia e alla grammatica ma tardone come me cresciute a suon di sussidiari e dettati e errori da matite rosse e blu poco possono fare contro quel brivido che le percorre quando vedono uno svarione ortografico. Non avermene! :-) e grazie ancora per le ricette, le digressioni, i ricordi e per la simpatia da cialtron-blogger (che notoriamente sono le mejo!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Jules,
      grazie ovviamente della lezione e lo dico senza nessuna ironia.
      E grazie per apprezzare il mio blog cialtrone. L'Emporio è una piccola stazione di servizio, dove ti fermi e ti rifocilli. E proprio come la stazione di servizio ci trovi di tutto. Le riviste accanto ai cioccolatini, il salame vicino ai fazzolettini di carta.Serve anche a me per staccare un pò la spina.
      Non si vive di sole leggi e codicilli nè di massimi sistemi o di campagne pubblicitarie da consegnare.
      Libertà. La voglio, la pretendo per me stessa e per i miei lettori. Per questo sono la prima a mettersi in gioco e a confessare quello che "non si conviene".
      Non sono nessuno per pontificare.
      Non voglio..
      Per questo, cordialmente Jules, posso dirti con tranquillità che di vanillina, merendine o peperoni a marzo non è morto mai nessuno.I tranci di torta congelati? Grazie del consiglio, ma Jules io di torte ne sforno una al giorno in media, per diletto, per lavoro e per il blog. Permetti il mio non sentirmi in colpa se ogni tanto allungo una merendina. Ho due figlie, un marito, una gatta e tanti impicci. Anzi, ti dico ancora di più:ogni tanto ci scappa anche un pò di pane e olio di palma ;-)
      Sono un pochino tardona anche io sai? Sono cresciuta appesa ai banconi delle cucine del ristorante di mio fratello e lo sai qual'era l'ingrediente bandito negli anni Ottanta? Il burro, a favore della margarina.
      Tu prova a pronunciare ora la parola margarina,te se magnano (me lo consenti lo slang romanesco?).
      Liberi, Jules, tutti liberi, seguendo ognuno la propria testa.
      La propria coscienza.
      Senza giudicare.
      Grazie mille per questi spunti di discussione, aprono la mente e stimolano nuove idee. E nella discussione costruttiva io ci sguazzo con goduria.
      Un unico appunto, consentimelo.
      Grazie per la lezione inerente l'ortografia, veramente.
      Triste l'essere umano che pensa di possedere tutto lo scibile(del resto Socrate qualcosa avrà insegnato qualcosa oppure no?).
      L'appunto, doveroso, riguarda i miei lettori.
      E glielo devo in qualità di padrona di casa.
      Le loro rotelle sono a posto.
      Magari le mie hanno bisogno di un bel lubrificante molte volte, lo riconosco!
      Perchè non hai un profilo pubblico raggiungibile?
      Mi piacerebbe vedere un pò il tuo mondo per poterci confrontare spesso.
      Ancora grazie.

      Elimina
    2. Inutile specificare che le rotelle non a posto erano esclusivamente le mie, lungi da me l'idea di tacciare di fuori di testa i tuoi lettori :-) Siamo d'accordo che siamo in disaccordo e ciò è sano e bello.
      Non ho un profilo pubblico perché normalmente guardo e non favello che, tradotto nel caso di specie, significa che leggo e impiastriccio ma raramente interagisco.
      Mani in pasta e buona vita a tutti.

      Elimina
    3. Peccato Jules! Interagisci, non se ne ha mai abbastanza di punti di vista, di spunti o puntigli,
      Altrimenti cosa si costruisce? Il niente!
      Però mi sono impegnata prof, riconoscimelo. Penso per la prima volta di aver messo tutti gli spazi giusti. Questa sensazione non la provavo dall'ultimo esame universitario (che non è stato proprio l'altro ieri).
      Io ti aspetto.
      Veramente.

      Elimina
    4. Scusate l'intromissione, ma, essendo una grammar Nazi anch'io (mi vengono attacchi di orticaria quando vedo accenti gravi su parole che vogliono quello acuto, e troncamenti sostituiti da accenti, a proposito di rotelle fuori posto:), ed avendo Jules rotto il suo websilenzio mosso da un sussulto grammaticale, sono certa non si offenderà se mi permetto di ricordargli che i punti di sospensione sono anch'essi segno di punteggiatura, quindi sono attaccati alla parola che li precede e sono seguiti da uno spazio.
      Quindi, non "e poi...un appunto da grammar-nazi" ma "e poi... un appunto da grammar_nazi".

      Monica, perdoni la mia incursione?
      Buona serata ad entrambi!

      Elimina
    5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    6. Tamara, nessuna offesa perché hai perfettamente ragione quindi ti ringrazio e mi cospargo il capo di cenere... ciao!

      Elimina
  15. Ahahahahah!!! Mi hai fatto ridere e queste fettuccine io le mangio volentieri anche a marzo!

    RispondiElimina
  16. Mi hai fatto sorridere con questa frase "Perché meglio un uovo oggi che domani magari divento vegana" :)
    Ho un debole per i peperoni, se mi presenti un piatto così come faccio a dire di no?!

    RispondiElimina
  17. ahahahahahah Monica! mi eri, mi sei e mi sarai sempre moooolto simpatica! anzi, guarda, non sai quanto mi consoli leggerti! Perché sai, io ci provo eh, giuro, ci provo, cerco di usare le farine poco raffinate, e il sale integrale (che poi, a dirla tutta, dopo aver letto, per esempio, questo articolo e poi subito dopo quest'altro, mi sono mandata a quel paese da sola), e le ciambelle fatte in casa, ma poi cedo, oh se cedo! per me che mondo sarebbe senza nutella??? un mondo triste ecco!
    e anche senza te, sarebbe un mondo triste!
    e, diciamola tutta, anche senza i peperoni, che io adoro in tutte le stagioni! poi, se vuoi, possiamo anche raccontarcelo a bassa voce :)
    un bacione beddha, e grazie!

    RispondiElimina

Followers

Visualizzazioni :

Google+ Followers

Search This Blog

Popular Posts

Pages

Blog Archive

monicapennacchietti@l'emporio21. Powered by Blogger.

Buzzoole

buzzoole code

histats

Follow by Email

Se vuoi contattarmi:



Collaboro con:

Translate

Follow us

Instagram