6 agosto 2014

Tortino di quinoa al pesto di fagiolini perchè io e voi valiamo!




Io stavo alla quinoa come Cicciolina alle suore carmelitane scalze.
Di solito le mode alimentari mi fanno lo stesso effetto delle unghie che grattano la lavagna.
Oppure lo stesso effetto dell'orticaria.
Un grosso prurito.


Per intenderci:non ho mai assaggiato un macaron.
Me ne riservo il diritto quando sarà calato il sipario e non li vedrò in giro ogni due per tre.
Le bacche di goji le guardo riposare tranquille sugli scaffali del supermercato.

La quinoa la guardavo sbuffando.
Sia per il prezzo sia per la sua forma.
Piccina piccina cosi piccina che mi ricordava qualche imprecisato mangime per uccelli.

Poi la soffiata di un'amica.
Ha toccato il tasto dolente.
Lo sai che riduce gli attacchi d'emicrania?

Ecco.
Come se avesse pronunciato l'Apriti Sesamo.
Perchè per lottare contro l'emicrania potrei anche mangiare pietre saltando a piè pari.

E allora l'ho comprata.
L'ho messa in dispensa.
E arrivederci a tempi migliori.

Ma ogni volta che aprivo lo sportello mi guardava sorniona e mi diceva " ricordati dei quattro euro spesi per comprarmi uh uah".

Mi sono decisa.
L'ho provata.
L'ho amata.

E' buona,abbinata ovviamente a verdure e cereali.
E' un falso cereale, contiene tutti gli amminoacidi che occorrono al nostro organismo.Vitamina B2 (contro l'emicrania), vitamina E, vitamina C, un eccellente carico proteico.

Insomma per parafrasare il nome di un blog famoso "mi piace e mi fa bene"!!

Conditio sine qua-non: LAVATELA BENE prima di cuocerla! Considerate che viene utilizzata per fare il sapone, in sostanza ha le saponine all'esterno che, se non tolte, le conferiscono un sapore molto, ma molto amaro (fidatevi ,l'ho provato ^_^).

La ricetta che vi presento viene dal mensile "Cucina Naturale" (ho apportato qualche modifica)
Una ricetta sana ,leggera che strizza l'occhio anche al crudismo.
Se non vi piace la quinoa potete sostituirla con del riso,preferibilmente integrale.

Pronte a provare quello che gli Inca chiamavano: "Madre di tutti i semi?"

(fonte notizie:Green me, sarò buono con la Terra)




TORTINO DI QUINOA AL PESTO DI FAGIOLINI

300 gr quinoa
200 gr fagiolini
150 gr pomodorini
1 cetriolo piccolo
1 carota piccola
1 cipollotto
30 gr pinoli
30 gr semi di zucca
6 foglie di basilico
olio sale

Sciacquate con cura la quinoa e versatela in un a pentola con il doppio del volume di acqua fredda. Salate ,portate ad ebollizione per un quarto d'ora circa. Spegnete e lasciate coperto a riposare per cinque minuti
Tagliate a tocchetti la carota, il cetriolo, il cipollotto e i pomodorini. Metteteli in una ciotola e conditeli con 4 cucchiai di olio e un pò di sale.
Tostate i semi di zucca in un padellino e teneteli da parte.
Lessate per dieci minuti i fagiolini. Fateli raffreddare sotto il getto dell'acqua corrente e frullateli insieme ai pinoli, l'olio, il sale e il basilico fino ad ottenere una crema.
Condite la quinoa con gli ortaggi e con i semi di zucca.
Prendete i piatti. Sul fondo versate un pò di pesto di fagiolini.Aiutandovi con un coppapasta versate la quinoa e completate con un altro piccolo strato di pesto come vedete nella foto.
Servite


7 Comments

7 commenti:

  1. troppo simpatico questo post...comunque anche io la quinoa l'ho mangiata solo 1 volta nella vita..e il pesto di fagiolini mai...ma posso rimediare con i fagiolini del mio orto...et voilà! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  2. io più che per moda mi sono avvicinata alla cucina naturale per una questione nutrizionale, ha degli spunti niente male, vedi per esempio la quinoa (che non ho ancora provato)! però ammetto che prima mi mangio una bella fiorentina, forse un po' vintage ma parecchio efficace e poi mi metto in riga con piattini così :-)
    un bacio
    raffaella

    RispondiElimina
  3. Anch'io tendenzialmente sono intollerante alle varie mode alimentari, ma siccome sono anche curiosissima (soprattutto in cucina) capita che ogni tanto mi lasci tentare da ingredienti esotici o particolari.
    La quinoa invece ho iniziato a conoscerla ed amarla parecchi anni fa, in tempi non sospetti: si trovava solo in qualche negozietto e nessuno sapeva cosa fosse. Ora è da un po' che non la compro, anche per via del prezzo non proprio popolare, ma con questa ricetta così fresca e colorata me ne hai fatto tornare la voglia!
    Giulia

    RispondiElimina
  4. Penso di essere della tua stessa pasta... Mai assaggiato un macaron, mai fatto pozioni magiche con tè matcha, mai mangiato una torta fatta da un cake designer (preferisco guardarle mentre mordo una crostata con la marmellata fatta da me).
    Mai voluto mangiare quinoa, anche se adoro semi, cereali e tutto ciò sia commestibile fra grani, semole e altri sostituti alla pasta raffinata.
    L'errore, visto che sono una sportiva cronica, è stato da parte della mia cara amica, che mi ha informata del notevole apporto proteico della quinoa. Sono corsa a comprarla, ma ancora la mia sta sbirciando dallo sportello della dispensa, aspettando il momento di essere preparata.
    Prima o poi la condirò come si deve! ;)

    RispondiElimina
  5. Dunque, vado con ordine eh?
    La quinoa l'ho acquistata la prima volta 4 mesi fa ad Auchan. L'ho trovata precotta in bustine modo dose, per intenderci tipo quelle dei risotti pronti. Ho seguito le istruzioni d'uso....a vederla sembrava un cous cous insipido....' - ed ora come la condisco?'- il mio primo pensiero.....la preparai con broccoli e carote cotti a vapore e un filo d'olio a crudo ... ti dirò....non mi ha fatto impazzire il sapore.....però la consistenza sì (lo so, sono strana). Ne ho ancora una confezione in dispensa e una metà congelata nel freezer, perciò proverò anche la tua versione, anche perché da allora non l'ho più cucinata.
    ....ti starai chiedendo come arrivai a questo semino......sto seguendo una dieta biologica di semi e cereali che di frutti ne ha portati parecchi, l'unico neo è che son rimasta arenata ai cereali che adoro .... la quinoa la guardo ancora di sottocchio.
    Per quanto riguarda i macarons, mai assaggiati quelli acquistati, li ho preparati una volta sola e preferisco di gran lunga le meringhe classiche....poi magari mi sbaglio eh?
    Mentre le bacche di goji, beh per quelle è tutta un'altra storia. Affascinata dalle ricette del web e da mia cognata che le mangia come se fossero pop corn, ora e momenti, mi sono lasciata convincere.
    2.89€ ancora in dispensa....le ho aperte, ne ho assaggiata una pensando fosse come l'uva sultanina......eeeeee......'na schifezza....sono amarissime......sto ancora pensando come collocarle....magari fatte rinvenire in qualche liquido, tipo rum o Marsala, diventano buone....o al massimo ti ubriachi e tutto assumerà un sapore diverso ;-)

    RispondiElimina
  6. complimenti per la ricetta, mi piace molto!!! Mi piace molto il tuo blog e' davvero interessante, m'iscrivo tra i tuoi lettori fissi per poterti seguire meglio, se ti va passa da me, grazie. Baci Sabry

    RispondiElimina
  7. devo controllare la scadenza della mia quinoa...mal che vada farò il sapone...Baciiiii!! Paola

    RispondiElimina

Followers

Visualizzazioni :

Google+ Followers

Search This Blog

Popular Posts

Pages

Blog Archive

monicapennacchietti@l'emporio21. Powered by Blogger.

Buzzoole

buzzoole code

histats

Follow by Email

Se vuoi contattarmi:



Collaboro con:

Translate

Follow us

Instagram