Quadrotti alle mele e le cinquanta foto che hanno cambiato il mondo

Non sono un'abile fotografa e non lo sarò mai.Le mie idee trovano la loro corsia preferenziale nelle parole,quelle scritte.La pagina bianca per me è come la tela del pittore.
Ma invidio,una "sana" invidia, chi riesce a comunicare con un'immagine.Chi con un click immortala uno sguardo,un'emozione,un pensiero.
La  foto è un viaggio.Dove non avresti mai pensato,dove non avresti mai detto.E' tenerezza o colpo al cuore.
Ieri ho dato un'occhiata alle cinquanta fotografie che hanno cambiato il mondo (se volete darci un'occhiata cliccate QUI).Foto varie,alcune commoventi,altre che fanno riflettere,altre sono un pugno nello stomaco.Troverete spaccati di vita durissima,troverete la vita ma troverete anche la morte e il dolore.Attimi di storia che senza il documento visivo non avremmo mai potuto conoscere e capire.Foto che fanno riflettere.Più di mille parole.
Tra tutte quante vi riporto la mia preferita.Sharbat Gula,la ragazza afghana profuga fotografata da Steve McCurry.Poco più di una bambina,divenne un volto famoso seppur anonimo dopo la pubblicazione della sua foto sul National Geographic.Una bambina fotografata nel campo profughi.Occhi verdi,occhi fieri,pieni di rabbia e con un pizzico di paura in fondo.Eccola:




Qui il cielo è nuvoloso e gonfio di pioggia.Prove generali di un autunno incombente.Il mio habitat ideale l'autunno.Colori,sapori,profumi.e l'autunno chiama con sè la protagonista dei miei dolci preferiti:la mela.
Oggi vi propongo la ricetta di quadrotti semplici e rustici ,si fanno in mezz'ora.Le mele hanno bisogno di un compagno di viaggio in questa ricetta.E allora via con le mandorle,le noci,le nocciole o della semplice uvetta!
Con le dosi che vi do non ne vengono molti.Una decina circa.Raddoppiate tranquillamente le dosi.

Quadrotti alle mele

150 gr  farina
1 cucchiaino di lievito per dolci
1\4 cucchiaino di sale
1\4 cucchiaino di cannella
80 gr olio vegetale
90 gr zucchero
1 uovo
1 mela(tagliata a dadini)
mandorle tritate (o nocciole,noci o uvetta)
1 cucchiaio di acqua

per la superficie:

1 cucchiaio di zucchero
1 cucchiaino di cannella

In una ciotola mescolate la farina,il lievito,il sale e la cannella e lo zucchero
In un altro contenitore mettere l'olio,l'uovo,la mela a dadini,la frutta secca che avete deciso di utilizzare e mescolate.Unire i due impasti.Aggiungete il cucchiaio (RASO mi raccomando) di acqua e mescolate.sarà molto appiccicoso,ma niente paura .Deve essere proprio cosi!.
Ungete uno stampo rettangolare (il mio era di piccole dimensioni).Sistemate l'impasto cercando di livellarlo per bene.Cospargetelo di zucchero e cannella e infornate per una ventina di minuti a 180 gradi.
Fate raffreddare e tagliate a quadrotti




17 commenti:

  1. Dunque io nn ho talento ne cn la penna...ne con la macchina fotografica. ..sto messa maluccio misa...però sono bravissima a seguire le indicazioni x una ricetta...quindi, ovviamente, seguirò passo passo le tue...pensa nn ridurró neppure lo zucchero ;-)!! Bacino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A parte che ognuno di noi ha talento.Il tuo?Non potrebbe essere mai la scrittura "pubblica" perchè sei troppo riservata,schiva.La fotografia?Chi l'ha detto che non ce l'hai...ma dovresti trovare il tempo.Ecco quello ti manca.Il tuo talento secondo me?Trasmettere l'idea di amore per un nonno dentro ogni lievitato che fai.L'abbraccio,l'idea dell'infanzia,di quello che hai imparato,dell'amore che hai avuto.E delle mille difficoltà,mancanze,incomprensioni che per sua natura a vita ci offre.Dentro ogni signola mollica c'è tutto questo.C'è una piccola guerriera.Che lotta molte volte contro se stessa.E un nonno.Tanto amato.
      Ciao Cannellè!
      Monica

      Elimina
  2. Anche io sono un'appassionata di fotografia. E mi piace anche stare dietro la macchina, ho ricevuto la mia prima reflex in dono da mio papa per I 18 anni ^^ Amo McCurry per I ritratti e le storie che riesce a raccontare e Caputo per I paesaggi.
    E amo I tuoi quadrotti alle mele ovviamente :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca cara!Che bel regalo per i tuoi diciotto anni!McCurry è uno dei miei preferiti,Caputo non lo conoscevo e dovrò rimediare a questa lacuna!
      Un abbraccio
      Monica

      Elimina
  3. Tu lo sai che con questa foto, la mia preferita in assoluto, e con questi pensieri, mi colpisci dritta nel profondo? Io sono andata a vedere la mostra di Steve Mc Curry a Genova per lei, e dopo che Sharbat mi ha trapassato l'anima con il suo sguardo non sono mai più stata la stessa. Grazie!!

    RispondiElimina
  4. Avevo visto le foto che hanno cambiato il mondo e concordo con te. E' bellissima quella ragazza e davvero le immagini a volte sanno dire più delle parole! :) Che talento è quello della fotografia..! Ti rubo uno di questi quadrotti che devono essere stupendi, cara! Un abbraccio pieno di bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gioia cara buonasera!talento allo stato puro la fotografia!
      Un abbraccio grande
      Monica

      Elimina
  5. Non ci crederai ma stavo iniziando un post (che spero di pubblicare a breve) proprio quasi con le tue stesse parole e argomentazioni. Tradurre la propria vita immortalando un attimo; scrivere la propria giornata facendo una foto destrutturata...ma credo che ognuno abbia il suo dono e tu lo hai, inquivocabilmente. Con le parole riesci a descrivere molto di più di chi tenta di fotografare un pensiero...e poi la foto che hai scelto è sicuramente unica e incredibile, difficile arrivare a quello di cui parlano quegli occhi così intensi. Un abbraccio amica autunnale, sei unica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amica destrutturata!Il talento delle parole?Io sono una gran cialtrona.mistifico,ingigantisco,cazzeggio.Tu sei un altro pianeta.E lo sai.E nell'accezione più bella.
      Voglio Choriso.
      Lo adoro.
      E' bellissimo!
      baci
      tua PatMonica

      Elimina
  6. Cara Monica quando passo qui mi scappa sempre un sorriso lo ammetto perchè riesci a parlare della vita quotidiana sempre con molta ilarità ed ironia ma oggi mi hai fatto salire le lacrime agli occhi con le 50 fotografie. Alcune sono davvero scioccanti, altre commuoventi ed altre più leggere certo. Ogni volta che ne vedo alcune in particolare ho sempre la stessa reazione di sdegno nei confronti del genere umano o meglio di alcuni, molti, troppi uomini che nonostante il passare degli anni non capiranno mai e poi mai quanto è preziosa la vita e passare la propria a combattere e a fare del male agli altri non è certo il modo migliore per viverla. Grazie per questa golosa ricetta e mi associo con te nel tuo amare l'autunno che anche per me è fonte di rinascita dopo l'estate traumatica ed insopportabile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luna grazie a te per queste parole.Le fotografie sono memoria,memoria che si espande.Mille parole non bastano per raggiungere il livello di emozione suscitato da una foto.Di sdegno,di rabbia o di dolore.
      Ti abbraccio
      Monica

      Elimina
  7. Le foto più o meno le conoscevo ma fa sempre un certo effetto vederle ... specialmente alcune di esse! La fotografia? Ahhhh quella cosa che faccio durante le ricette e poi il piatto finale? Le mie chiamarle foto è un esagerazione :) mentre questi quadrotti mi garbano molto. Volevo sapere: la mela come la aggiungi? Grattugiata o a pezzetti? Grazie e un baciotto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Terry cara a noi!Grazie ( e tu sai perchè^_^).Dunque le mele vanno aggiunte a dadini!Correggo subito.Ti abbraccio forte forte
      Monica

      Elimina
  8. conosco quella foto....mi toccò il cuore .
    ottimi i tuoi dolcetti....accarezzano il palato...!!!un bacione!!

    RispondiElimina