Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2013

Pippilotta Viktorradria Rullgardina e la torta ciocco-nocciole senza uova

Pippilotta Viktorradria Rullgardina Krysmynta Efraimsdotter Langstrump.
Tranquille,non coltivo erba strana sul balcone tra la menta e il basilico.
Pippinella Pesanella Tapparella Succiamenta.
Questa la traduzione in italiano della litania di cui sopra.
Prima di chiamare il centro di igiene mentale vi spiego.
Sapete di chi sto parlando?
Eccola:


Ieri sera leggevo un libro di Concita de Gregorio "Una madre lo sa".
In un capitolo si parla proprio della Pippi lentigginosa.
Ora i Francesi sono cresciuti con Asterix e Obelix.
I Danesi con quella perla di ottimismo che era Andersen e quindi con la Piccola Fiammiferaia
Noi italiani con quel gran cazzarone (per i non romani quel gran bugiardone) di Pinocchio.
E gli svedesi?
Gli svedesi come mito hanno proprio la lentigginosa Pippi. L'indipendenza femminile allo stato puro.
E ci stupiamo forse che in quel paese le donne sono il cinquanta per cento in Parlamento,quando fanno un figlio stanno a casa per diciotto mesi,le trovi fuori di sera anche q…

I visionari e il millefoglie alla ricotta,panna e scaglie di cioccolato

La conoscete la storia della linea ferroviaria Vienna-Trieste?
Una linea ferroviaria progettata e costruita senza la presenza di un treno che la potesse percorrere.
Voluta fortemente come altrettanto fortemente si era sicuri che un giorno un treno in grado di percorrerla ci sarebbe stato sicuramente.
La dimostrazione che i visionari fanno la realtà,quella più bella.
I visionari sono quelli che fanno di un pensiero uno stile di vita.Sono quelli che credono semplicemente.Sono quelli che in una disavventura vedono una coincidenza da sfruttare,un'opportunità anzichè un errore.
Sono quelli che fanno la storia,gli avvenimenti.Quelli che realizzano sogni.Gli danno carne,sangue e ossa.Li strappano dal mondo del plausibile e li lanciano nel mondo del reale,del tangibile.
Sono quelli che controllano i propri pensieri perchè sanno che qualsiasi pensiero tocca e contamina la realtà.
E lo sapete chi è secondo me il più grande dei visionari?
San Francesco.
Questa una delle sue frasi che amo di più:
"…

Il Demone dei perizomi e il ciambellone allo yogurt senza uova

Di una cosa era convinta la signorina Caterina Fornabaio quel pomeriggio.
Del resto era sempre stata una scolara attenta e  se la ricordava ancora bene la lezione della signora Artemide,la catechista.
"Il Paradiso è oltre le nuvole,in alto.L'Inferno si trova sotto di noi,invisibile,strisciante,proprio sotto i nostri piedi".
Ecco perchè era straconvinta che l'inferno avesse avuto una promozione.Era salito di grado.Era intorno a loro subdolo, serpeggiante.Chissà,magari era una promozione per merito,visto ormai il numero esorbitante di iscritti.
Se lo ripeteva tra sè e sè,durante il turno pomeridiano al grande magazzino,mentre era intenta a sistemare quei minuscoli pezzettini di stoffa che lei si ostinava a chiamare mutande.
"No,signorina Fornabaio,sono perizomi,non mutande e cosi li deve chiamare davanti alle clienti" le ripeteva ogni volta la sua responsabile.
Ma lei non voleva cedere alle parole del Diavolo.Perchè quei minuscoli fili erano solo strumenti diabolic…

Torta panna e caramelle mou e il mestiere

Che mestiere fai?
Scrivo.
Scrivo piccoli slogan,piccole presentazioni pubblicitarie.
Scrivo per chi non ha tempo e voglia.
Scrivo per gli altri mentre sottobanco scrivo per me e partecipo ai concorsi letterari.
mmmh,non è produttivo.Non è un mestiere.
Riproviamo.
Che mestiere fai?
La foodblogger.
Ma non è un mestiere.
Invece Lo è perchè la passione con la quale lo svolgiamo lo rende una professione.
Perchè dietro una foto,una ricetta,dietro ad un racconto ci sono millemila donne impegnate .Donne che corrono dietro ad una ricetta mentre accompagnano i bimbi a scuola corrono al lavoro e discutono con la suocera della condizione del femore al giorno d'oggi.
Donne che ci credono.
Donne che migliorano.
Donne in eterna competizione.Ma non con le altre,con se stesse.La più sana delle competizioni secondo me.
Non è un mestiere perchè non produci moneta,non porti niente a casa.
E invece no.
Porto la passione dentro casa mia.
E vi pare poco?
Ultimo tentativo.
Che mestiere fai?
Il pomeriggio "riparo" i…

La Strutorta di mele e lettera alla bellezza

Camminiamo accanto io e te. A volte cerco di afferrarti,ma tu scappi via. Ma come fartene una colpa? Magari qualche volta provi un lampo di amore nei miei confronti. E magari una mattina mi sveglio e quella ruga non mi sembra più cosi profonda,quelle mani non mi sembrano più così macchiate. Di quelle macchie che assomigliano tanto alle tacche nel muro. Si,proprio quelle che i genitori fanno per farti vedere quanto sei cresciuto. Quanto cresci se dormi,se mangi gli spinaci o se vai bene a scuola. Strani tipi i genitori. In quella crescita ci infilano di tutto,pur di smuoverti,pur di darti un obiettivo o un premio Ma quella è una corsa in avanti che non vuoi fermare .Vuoi crescere. Subito. Io le mie macchie le vorrei cancellare .Magari non tutte. Magari una decina. Perchè corrono troppo e io non voglio.Perchè le tacche sul muro mi dicevano che non ero mai cresciuta abbastanza. Ora lo sono troppo. E non voglio. Sei crudele,mia cara bellezza .E anche questa è una falsità .Non sei né mia né cara. Tu non…

Burgers di patate salsiccia e cicoria e stanchissima me!

Corro.E poi corro ancora.Senza fiato.Perchè ci sono pennematitefoglialbumlibridafoderare.E il cervello che deve seguire parallelamente i discorsi della dodicenne:"Oggi già ha spiegato la prof-ammazza quant'è bono Niall degli One Direction-ma sopra il pantalone rosso ci metto la maglietta rosa-mi devi comprare un pennello ,la colla ,le forbici e lo smalto-mi mandi in Inghilterra l'estate prossima?"
E poi i discorsi della piccola che ha iniziato la prima elementare:"Il fuoco perchè si chiama fuoco-i miei compagni sono simpatici-uno però ha fatto lo sciocco-io vado in prima e quindi so tutto-mi compri le caramelle-sono le cinque del pomeriggio,devo preparare lo zaino per domani altrimenti non faccio in tempo"...il tutto condito da una lacrimuccia e uno sbadiglio.
Questo il modus vivendi di queste due giornate.
Il cervello in fumo e i sentimenti altalenanti tra la voglia di ricacciarsele in pancia perchè fatico ad acciuffare il tempo che passa e l'orgoglio di …

E ora puntualizziamo!Prima puntata

Tutto nasce da un post da me pubblicato alcuni giorni fa(Questo).
Un post che ha portato una serie di riflessioni mie e di alcuni ristoratori che prontamente mi hanno contattato per discutere di alcuni aspetti.Aspetti che toccano da vicino chi quotidianamente lotta per salvaguardare il made in Italy nel mondo.Abbiamo discusso in questi giorni di "educazione" al buon cibo,di rispetto del patrimonio culinario del nostro paese,di allontanamento di alcuni clichè facili ma svilenti molte volte della nostra identità.
Per questo nasce questo spazio,a disposizione di chiunque abbia qualcosa da dire,da comunicare.Per creare una coscienza del buon vino e del buon cibo italiano.
Inaugura questo spazio lo chef Paolo Fresilli
Paolo è uno chef,di quelli che si sono formati sul campo,di quelli che hanno accumulato esperienza e sapere nel corso degli anni.Oggi è il proprietario del ristorante "Via Veneto" a Ennyscorthy,in Irlanda.
E' Presidente della delegazione irlandese del…

La Torta al cioccolato e post promozionale

Questo è un post promozionale.
Sia ben chiaro dall'inizio. Pubblicità,ma progresso.Pubblicità progresso. Perchè voglio promozionare una frase. Quale?ve la dico tra un pò. Perchè prima dovete partecipare della mia fatica,del sudore e del tempo speso per trovarla. Perchè mi sono dovuta far largo tra: i mestoli della lista nozze deMartinez(la Belen e il quasi consorte)la notizia senza la quale avrei avuto un deficit incolmabile tanto quanto quello statale:dormono a cucchiainochi ha cacciato chi dai nuovi palinsesti televisivichi ha il bikini hotchi ha dimenticato il reggisenochi ha dimenticato le mutandeHo scansato,ho sorriso,ho sbuffato e poi eccola.Lei,la frase che mi ha colpito.Ovvia,senza dubbio.Ma come tutte le cose ovvie e scontate,buttata li e mai masticata,pensata e digerita.Ci pensate se dedicassimo almeno cinque minuti della nostra giornata a rimaneggiare l'ovvio?a pensarlo,a farlo nostro o magari cancellarlo?Quanta consapevolezza in più?O quanto fardello in meno? Non mi dite n…

Quadrotti alle mele e le cinquanta foto che hanno cambiato il mondo

Non sono un'abile fotografa e non lo sarò mai.Le mie idee trovano la loro corsia preferenziale nelle parole,quelle scritte.La pagina bianca per me è come la tela del pittore.
Ma invidio,una "sana" invidia, chi riesce a comunicare con un'immagine.Chi con un click immortala uno sguardo,un'emozione,un pensiero.
La  foto è un viaggio.Dove non avresti mai pensato,dove non avresti mai detto.E' tenerezza o colpo al cuore.
Ieri ho dato un'occhiata alle cinquanta fotografie che hanno cambiato il mondo (se volete darci un'occhiata cliccate QUI).Foto varie,alcune commoventi,altre che fanno riflettere,altre sono un pugno nello stomaco.Troverete spaccati di vita durissima,troverete la vita ma troverete anche la morte e il dolore.Attimi di storia che senza il documento visivo non avremmo mai potuto conoscere e capire.Foto che fanno riflettere.Più di mille parole.
Tra tutte quante vi riporto la mia preferita.Sharbat Gula,la ragazza afghana profuga fotografata da Steve M…

Mini-cake all'ananas

Oggi sono una foodblogger stalker.Lo confesso.
Però non potevo non integrare il post di oggi che trovate QUI con una ricetta appena sfornata e provata. Mini-cake all'ananas senza burro,latte e uovo. La ricetta prende le mosse da questa qui,la Torta al limone vegan. Al limone ho sostituito l'ananas e il suo succo. Il risultato?delle tortine morbide e leggere!

Mini-cake all'ananas
1 bicchiere e mezzo di farina 1\2 bicchiere di zucchero 1 bicchiere di succo di ananas 6 cucchiai di olio di mais vaniglia 1 cucchiaio raso di aceto(non abbondate) 1 cucchiaino di bicarbonato fette di ananas fresco o in scatola (non quello sciroppato)

Mescolate tutti gli ingredienti secchi,quindi in una ciotola unite:farina,zucchero e bicarbonato. Prendete un bicchiere di carta e riempitelo con il succo di ananas e versatelo negli ingredienti secchi.Mescolate e unite tutti gli ingredienti che rimangono. Ungete d'olio e cospargete di farina degli stampini per mini-cake.Versatevi l'impasto e decorate la super…

La Mousse al Bounty

Stavolta ho esagerato.
Vi ricordate la ricetta del Bounty casalingo?(la trovate QUI).
Ecco,ho raddoppiato le dosi,li ho fatti più piccoli ma ne sono venuti una miriade.Troppi.
Allora l'idea.Magari un pò scema.
Però è buona.Però è golosa.Però è riciclosa.
Ho fatto la mousse.
E poi l'ho rifatta con il Kinder Bueno.Poi con il Kinder cereali.E poi con il ripieno del Tronky.
E poi mi sono fermata e sono andata a fare lo Zumba.
Perchè o ho un alieno impiantato nei fianchi o mi sa che sto ingrassando ^_^
Per rendere la mousse più aerata bisognerebbe aggiungere un albume o due montati a neve.Io non li avevo e comunque la mousse è venuta bene


Mousse al Bounty

6 Bounty (Home made o acquistati)
250 ml di panna da montare
1 0 2 albumi montati a neve (facoltativi)
cacao amaro per decorare

Mettette in un pentolino i Bounty con un pò della panna non montata.Fateli sciogliere,mescolando bene.fate raffreddare.Montate la panna (mi raccomando senza zucchero).Quando il Bounty sciolto sarà ben freddo,unite delic…

Torta limone e mirtilli e gli orrori della cucina italiana all'estero

Se vi dicessi "Spaghetti alla bolognese"?E ancora "Fettuccine all'Alfredo"?O se vi portassi una bistecca con accanto un piattino per l'insalata dove ,al posto di questa c'è invece la pasta,proprio a mò di contorno?
Oggi sul sito online della Repubblica c'è un interessante articolo sugli orrori che riguardano la Cucina Italiana nel mondo (se volete leggerlo vi lascio il link QUI).
Un articolo che mi ha fatto veramente sorridere.Perchè uno pensa che lo stereotipo italiano all'estero sia semplicemente il "Pizza pasta mandolino" ( e sorvolo su quando ci aggiungono anche mafia)....invece ce ne sono ben altri che riguardano la nostra cucina.
Pasta col ketchup?giuro,l'ho vista.In Germania dove una cara Frau Vattelapesca per farmi sentire a casa,prese un piatto di spaghetti scolati appena e sopra  una gran quantità di ketchup..."Proprio come in Italia,ja!".
Ma de che?ma quando mai?La mia provvidenziale intolleranza al pomodoro mi ha …

La Torpizza al cioccolato e il principe Tamarro

Non è che a me siano sempre piaciuti i thriller e i noir.C'è stato un tempo,durante l'adolescenza e fino ai vent'anni in cui sognavo.
Sognavo guardando film e leggendo libri d'amore.
Sospiravo guardando" Via col vento" con quel gran pezzo d'uomo di Clark Gable,sognavo guardando il "Tempo delle mele","Pretty Woman" e sognavo davanti alla tartaruga di Brad Pitt in "Thelma e Louise".E sognavo scatole di cioccolatini,tappeti di rose rosse e frasi da film.
Poi sono cresciuta e ho capito che il Principe Azzurro non è proprio quello dei film...che la carenza di maneggi in città rende impossibile il suo arrivo a cavallo e che non sempre è biondo con gli occhi azzurri.Non fosse altro per il fatto che oltre la metà degli uomini presenti sulla terra non sono certo cugini di primo grado dei vichinghi!
Però almeno ho sognato quando avevo l'età giusta per farlo.
Oggi le mie figlie godono di un panorama diverso.
Non ci sono più Richard Gere,C…

La torta dei due minuti e la ricetta dell'ottimismo

Ricetta del giorno.No,non è un dolce,non è un primo,non è un contorno.
E' la ricetta dell'ottimismo,del bicchiere mezzo pieno,della sfumatura di colore in mezzo al grigio.E' il post della gratitudine per quello che si ha e quello che si vive.E' il post della serenità. Perchè un sorriso non costa nulla,la gentilezza nemmeno e il valore di un'amicizia è inestimabile. E tutte 'ste cose messe insieme a me provocano un sano ottimismo
Ok che te sei fumata per colazione?Niente. Mi ci sono proprio svegliata così. Forse il merito va alla giornata di ieri. Perchè ho un'amica che non mi ascolta.A lei non importa nulla delle mille parole che escono dalla mia bocca.Anzi,delle volte chiede la grazia di farmi stare zitta. Lei legge le pause,gli spazi bianchi.Legge il non detto e lo sguardo.Legge un sospiro o un punto.E interviene.E quel punto lo trasforma in una virgola.Colora gli spazi bianchi e dà un senso alle pause. Sa quando deve intervenire con decisione (le nostre litigate …