Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2012

Le mini kinder fetta al latte e pe,pee,peeeeeeeeee

"Pe Peeeeeeeee PEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE"
Clacson.
"Ahò,ma che cxxxo te soni?"
(traduzione per i non romani:ma perchè produci cotanto rumore suonando il clacson?)
"Perchè forse devo uscire e tu sei parcheggiata esattamente dietro la mia macchina?"
"E quanto sei str...a n'attimo,e che sarà mai?"
(traduzione.gentile donzella,perchè mai tutta questa fretta,non ha ragion d'essere)
"Io sò str...za,e te che stai a prende 'n caffè e sei parcheggiata in doppia fila che saresti dimme? 'N'angioletto casto,puro e verginello??"
"Ma io me so parcheggiata"
"Si,ma dietro de me"
"Embè,e che non è 'n parcheggio?"
Ho spiegato all'ingenua malcapitata che le strisce blu non stanno ad indicare un parcheggio riservato ai  puffi,ma due metri quadri di suolo demaniale che ho pagato a peso d'oro,un centimetro quadro di asfalto costa quanto una scarpa della regina Elisabetta porca paletta.Quindi,in quel metr…

La torta dell'Alpe e la mia bravura

Sono una foodblogger bravissimissima.
So fare tutto,meglio di tutte voi.
Creme,mousse ,torte e pasticcini per me non hanno segreti.Per voi si.Per me no.
La mia ultima creazione? Questo:

Voi plebee e poco avvezze alla manualità non avreste mai saputo farlo.
Io sono partita direttamente dal maiale.Ho un appartamento di 80 metri quadri con due bei balconi.Ecco,in un angolino allevo maiali.Dal produttore al consumatore.Cioè da me a me.
Ma visto che oggi è la giornata mondiale "Dee dell'olimpo scendete sulla terra ad aiutare le sprovvedute",vi spiegherò il procedimento.
Accoppate il maiale,pigliategli una coscia,mettetela sottosale,aspettate e mangiatela.
Semplice vero?
Questa è la mia seconda creazione:

Vi illustro il procedimento.
Prendete la tavoletta di cioccolato,scioglietela,mettetela in uno stampo e aspettate un pò.
Che dite?Non avete capito niente?va beh,presto vi posterò un tutorial.Quando?ma che ve importa.
E poi siccome non si vive di sola cucina,nel tempo libero guardate cos&#…

Il cugino del Bounty

Ieri avevo voglia di giallo,di sole ,di calore .Non amo l'estate ma l'ho cercata per cercare di scaldarmi un pò,per scacciare un pò di questa dolce malinconia.
Per me l'estate ha il sapore del cocco,quello che mia mamma mi comprava sulla spiaggia quando passava il tizio del "Cocco bello,cocco fresco".
Ho racimolato gli ingredienti necessari e di corsa ho fatto il Bounty casalingo.Senza pretese,senza forme particolari,solo l'urgenza delle mani che avevano bisogno di regalare alla bocca qualcosa d'estivo,di gioioso.
Il risultato è dei migliori.Provatelo magari dandogli delle forme più decenti rispetto alle mie
Ma ieri era una giornata così.
Lo dedico a te,cara amica,con l'augurio di un nuovo implacabile calore che metta fine a tutto questo gelo.

(ricetta dal Dolce mondo di Sara)

Il cugino del Bounty

Ingredienti:

200 gr cocco disidratato
100 gr di panna da cucina
80 gr zucchero
100 gr cioccolato fondente per la copertura

Mescolate cocco,zucchero e panna da cucina.dat…

Le vincitrici del contest "Le maghe delle Spezie"

A volte capita di incontrare un'avventura nella propria vita.Non la cerchi,è proprio la vita che te la fa trovare sul tuo cammino.
E allora parti,all'inizio con passi incerti perchè non sai come muoverti nè sai dove esattamente arriverai.però cammini.E ti gusti questo cammino assaporandolo passo dopo passo.
Questa è stata la mia avventura con il contest "Le maghe delle spezie"
Iniziata per caso e terminata domenica con un mare di ricette da valutare, considerare,annusare.
Mia compagna d'avventura la proprietaria del blog Le Cose belle della Vita.
Silenzioso dietro le quinte un mio amico,un executive chef mio amico fidato,che ha valutato,soppesato e considerato le vostre ricette da un punto di vista strettamente tecnico ( e mi ha dato una grossa mano anche per il contest di Morena).Non abbiamo comunicato in questi mesi tra noi.Lui ha svolto semplicemente il suo lavoro prendendo le vostre ricette e studiandole...salvo poi presentarmi il suo resoconto ieri sera.
Bando all…

Una semplice brioche e un tranquillo week-end di paura

Un tranquillo week-end di paura.
Iniziato con un mal di denti ballerino,di quelli subdoli,di quelli che fanno cucù,ora ci sono,cucù,ora non ci sono più.E tu sei lì,con la tua bella bustina di Oki in mano in preda al dubbio amletico per eccellenza:Mi scasso lo stomaco o mi tengo il dolore? Un tranquillo week-end di paura. Continuato con tua figlia undicenne in preda alle Erinni adolescenziale anticipate. "Mi sto ingrassando" mi dice con la bocca piena di torta. "Non è vero" le rispondo io cercando improbabili vie di fuga tra una mattonella e l'altra della cucina,presagendo l'inizio della Guerra dei Cent'Anni. "La colpa è tua" mentre inizia la mutazione 2.0 della mia bambina. Da così : a così:

"La colpa è tua che cucini in continuazione" "Ma se ho provato a proporti un'insalatina e un petto di pollo e hai cominciato a piangere disperata?" "Grrrrrrr...non mi interessa,sei mia madre,quindi sei colpevole di tutto" E se ne va s…

Duetto di risotti con zucca in agrodolce,una poesia e un compleanno...

MI PADRE ME DICEVA...

Mi' padre me diceva: fa' attenzione
a chi chiacchiera troppo; a chi promette
a chi dopo èsse entrato, fa: "permette?";
a chi aribbarta spesso l'opinione
e a quello, co' la testa da cojone,
che nu' la cambia mai; a chi scommette;
a chi le mano nu' le strigne strette;
a quello che pìa ar volo ogni occasione
pe' di' de sì e offrisse come amico;
a chi te dice sempre "so' d'accordo";
a chi s'atteggia come er più ber fico;
a chi parla e se move sottotraccia;
ma soprattutto a quello - er più balordo -
che, quanno parla, nun te guarda in faccia.

Aldo Fabrizi

Adoro questa poesia,verace e pungente come il suo autore.Mi ritrovo in tutte le righe ma soprattutto nell'ultima.Le persone che non mi guardano in viso quando parlano ...sfuggenti,maleducate e molto spesso purtroppo false!
Questa poesia la dedico a tutte voi e in particolare a Berry del blog Mirtillo & Lampone.Oggi raggiunge un traguardo importante:compie trent&#…

Apple e Cinnamon Curd

Devo confessarvi un amore folle nato in questi giorni.
L'amore è per i Curd,passatemi il termine.Il mio orizzonte era ristretto al lemon curd.Ora ho scoperto nuovi modi e nuovi sapori e mano mano ve li proporrò tutti.
Oggi tocca all'Apple & Cinnamon Curd.
Mele e cannella.Una consistenza meravigliosa per una specie di marmellata?crema? non so come definirla..ma è meravigliosa.Adatta ad essere spalmata sul pane,mangiata a cucchiaiate,per farcire una crostata,insomma,sbizzarritevi.Io l'ho usata per accompagnare e per farcire dei semplicissimi muffins allo yogurt (ricetta originale Eryn e sa folle cuisine)

Apple & Cinnamon Curd (senza burro)

100 gr cubetti di mela 
1 uovo sbattuto
1 cucchiaio di maizena
1 cucchiaio di cannella
succo di mezzo limone
50 gr zucchero a velo

Con un frullatore ad immersione frullare le mele con il succo di limone e lo zucchero a velo.Aggiungere la maizena e la cannella.Mescolare e mettere sul fuoco e far scaldare.Aggiungere l'uovo e portare ad ebol…

La Torta all'olio e limone con il lemon curd

Allora mia care.Oggi voglio presentarvi una persona.Da solo due giorni è entrata nella blogosfera.E' una ragazza giovane ma molto brava e cosa che non guasta è molto umile e gentile.Lei è Sara e il suo blog è Fior di vaniglia.
 Vi lascio con due ricette che dedico ai miei quaranta (ehm...quarantuno anni,va beh,li ho compiuti a giugno,ancora mi devo abituare no?!).Sono due ricette che hanno un tema in comune:il limone.
La prima è la ricetta della Torta all'olio extravergine d'oliva e al limone e l'altra il lemon curd senza burro.Una versione più leggera di quella tradizionale ma non meno gustosa.
La dose è piccola,serve ad accompagnare questa torta.Ma vista la bontà del lemon curd,visto che dà il meglio di sè nelle crostate,spalmato sul pane o semplicemente mangiato a cucchiaiate...raddoppiate,triplicate le dosi.Ne vale la pena!
Solite misure in cups.Se li avete usate i misurini altrimenti considerate che una cup dovrebbe essere 250 grammi

Torta al limone e all'olio extr…

L'Eden e la Potage jardinière

Questa è una piccola storia.Di un piccolo orto in una piccola frazione di un piccolo paese.Un orto situato su una piccola terra sul confine tra l'Umbria e la Toscana
E' la storia di piccole estati degli anni settanta,piccole se inserite nel contesto di una vita intera.Piccole,assolate,pigre.Di donne sedute fuori dai casali con l'immancabile sedia portata da casa.Donne che sferruzzavano anche in pieno agosto,ne dicevano di ogni su tutti ma senza nessuna cattiveria.Solo per il gusto di parlare e raccontare.E io piccola lì con loro ad ascoltare discorsi che non capivo ma che mi divertivano molto.Ero sempre li,tranne quando vedevo il "mi babbo" che si dirigeva verso l'orto.
Strano uomo il mi babbo.Taciturno,perso dietro chissà quali orizzonti con i suoi occhi azzurro ghiaccio.Ci guardava a volte senza vederci.La vita gli riempiva le vene solo quando metteva piede nel suo regno.Ecco perchè lo seguivo.Apriva una porticina sgangherata fatta di rete ed ecco l'Eden …

Il mio budget e il dolce alla ricotta

La redazione mi ha contattata all'incirca due settimane fa.L'appuntamento fissato per ieri.Ho aspettato cosi tanto per questa occasione.La mia telefonata risale a più o meno due mesi fa.Le faremo sapere.Già,chissà quando.
Poi in due,tre giorni ti cambia la vita.Ho dovuto organizzare tutto di corsa.La prima cosa trucco e parrucco.Non vi dico per scegliere la mise.Ho optato per un total black che fa molto top e chic.Ma soprattutto perchè m'hanno detto che le telecamere allargano.Allora io stringo col nero.
Poi il parrucco.Mi sono sparata uno shatush in testa io che fino all'altro ieri ero convinta che lo shatush fosse un cugino nobile del chihuahua.Ora invece di portarlo al guinzaglio ce l'ho in testa.Però devo dire che guardandomi allo specchio la Bellucci me fa un baffo.E pure due.
Siamo partiti.
Siamo arrivati.
La conduttrice mi accoglie con un sorriso.L'architetto si presenta cordiale.
Iniziamo con un colloquio per stabilire modi e tempi.Lei continua a sorridere e …

Torta al cioccolato e all'olio extravergine e le principesse e i nicchioni

Paese piccolo,la gente mormora.
E nel piccolo paese di Fiabilandia non si parlava d'altro.
Biancaneve era fuggita con il lupo di Cappuccetto Rosso.Sapete come vanno queste cose.Una passeggiata nel bosco oggi,un caffè domani e la frittata è fatta.In una notte buia e tempestosa la gaia principessa abbandonò il principe e fuggì col suddetto lupo.
I sette nani da tempo si erano trasferiti ad Amsterdam ed avevano aperto un coffee-shop
Tranne Cucciolo che invece gestiva un locale giù in città.E proprio da lui andò Biancaneve a chiedere un lavoro.
Il lupo ormai,dopo aver mangiato nonna e Cappuccetto Rosso,soffriva di una incurabile gastrite e si nutriva solo di erbette provenzali.E ahimè,costavano.
Per non parlare poi dell'affitto.L'unico appartamento che erano riusciti a trovare era quello affittato loro da Cenerentola.Strozzina e usuraia come pochi,ma era l'unico libero.Cinquanta metri quadri in periferia,con vista muro di cemento armato del magazzino adiacente,ma questo passava …

Se fossi una chips e un Requeijào

Se fossi un dolce sarei una crostata.Di quelle rustiche,di quelle che le briciole ti rimangono attaccate alle labbra.
Se fossi una bevanda sarei l'acqua.Frizzante,con tante bollicine.
Se fossi un colore sarei il giallo.La luce sopra ogni cosa.
Se fossi un fiore,sarei un papavero.Umile nella sua semplicità.
Se fossi un animale sarei un gatto.Affettuoso ma indipendente.
Se fossi un gelato sarei la liquirizia con la menta.Strana e folle,come il mio carattere.
Se fossi un Dio,sarei Buddha.Il sorriso e la felicità di tutti,al di sopra di ogni cosa.
Se fossi un profumo,sarei quello del ciambellone appena uscito dal forno.
Se fossi un libro sarei Siddharta di Hesse..Perchè Siddharta vive,ama l'esperienza e non smette mai di cercare.
Se fossi una canzone sarei "Piccola stella senza cielo" di Ligabue.
Se fossi un film sarei "Pane e Tulipani".Dolce e leggero.
Se fossi un sentimento sarei la gioia.per me per tutti.
Vi va di giocare con me?Se volete giocateci nei vostri post!A me …

La Ciambella alla panna e la banca della mamma

Vent'anni ma come se fosse ieri.
Eravamo in sei nella casa di Castro Street.Papà,mamma e noi bimbi.
Il rito era quello del sabato.Papà portava a casa lo stipendio.La mamma si sedeva nel vecchio tavolo e iniziava a dividere lo stipendio.
Questo è per l'affitto.
Questo per il droghiere.
Questo per risuolare le scarpe di Kathryn.
"Mamma ci serve anche un quaderno per la scuola!"
E la mamma metteva da parte un altro mucchio di monete d'argento.Infine papà diceva "Tutto qui?".La mamma annuiva e tutti noi tornavamo alle nostre occupazioni.Eravamo più contenti e più leggeri nell'anima,perchè anche quella volta eravamo riusciti a far fronte a tutte le spese senza ricorrere al "Conto in banca" della mamma.Mica tutti ce l'avevano un conto in banca giù in città.La mamma lo aveva e a noi figli questa cosa dava un senso di sicurezza incredibile..
Mio fratello volle andare alle superiori."Serviranno tanti soldi " disse la mamma.Prendemmo le sedie …

Mascarpone fatto in casa

Ahhhhhhhhhhhh ma questa che vuole oggi.Due post in un solo giorno.Ma è proprio logorroica.
Va beh,cara Monica.che ci devi raccontare adesso?Non ti è bastata la bischerata della tutina di Eva Kant stamattina?
Giurin giurello che non vi racconto nulla.Ma questo post lo dovevo pubblicare perchè mi è riuscito l'esperimento.Quale?
Il mascarpone fatto in casa.Anzi come dicono le foodblogger chic,mascarpone home made.
Ma quanto è buono!Gustato cosi al naturale non ha paragoni!

Mascarpone fatto in casa

500 ml panna fresca da montare
1 cucchiaio di succo di limone

Metto la panna a bollire a fuoco bassissimo o a bagnomaria.La spengo poco prima del punto di ebollizione.Aggiungo il succo di limone e mescolo,continuando la cottura a fuoco bassissimo.Dopo un pò,il limone inizierà la sua azione di "caglio" della panna.mM non si formeranno i fiocchetti come nel caso del Formaggio Spalmabile fatto in casa,ma semplicemente la panna diventerà più spessa,tipo una crema inglese.Esattamente come la f…

Eva Kant e i Cannoncini Brioche

L'ha detto il conte di Chesterfield.Ogni cosa che merita di esser fatta,va fatta bene.Quindi io per il furto indosserò la tutina di Eva Kant.Va beh,qualche in taglia in più della sua,stiamo a vedè il capello.Lo stivalone nero inguinale stile panterona già mi aspetta fuori dalla scarpiera.Un pò abbioccato su se stesso,ma non importa.Una volta indossato farà egregiamente il suo dovere. I capelli?I capelli li ho tinti.Biondo platino.Mica posso fare Eva Kant col capello da Maria Maddalena.Certo,non è che 'sto colore mi doni molto,ma per la GIUSTA CAUSA questo ed altro.L'unico problema è che mi manca Diabolik accanto.Mio marito s'è rifiutato.Dopo quasi vent'anni di onorato servizio accanto alle mie bischerate,ha detto che stavolta passa il turno.Va beh,ma con tutta l'emancipazione femminile che c'è stata,Eva può fare a meno anche di Diabolik.O no? Agirò stanotte,col buio e di soppiatto.Ho studiato tutta la planimetria della casa,ho fatto appostamenti travestita da…