Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2012

Biscotti di riso soffiato

Biscottini di riso soffiato

ingredienti:

200 gr farina
80 gr riso soffiato
2 tuorli
1 uovo
150 gr burro morbido
100 gr zucchero
scorza di limone grattugiata e essenza di vaniglia.

Con un mixer montate il burro morbido con lo zuccchero fino ad ottenere una crema omogenea,unite l'uovo e mescolate.Aggiungete mano mano le due uova,apsettando che la prima sia assorbita prima di aggiungere l'altra.fate tutto con delicatezza,avendo cura di non smontare il composto.Unite il riso soffiato e la farina.Mescolate per ottenere un impasto omogeneo e poi deponete questo impasto a cucchiaiate su una placca da forno e fate cuocere a 180 gradi per una ventina di minuti.Potete accompagnarli con una panna semimontata!

Il muffin pizza atomico e una curiosità

Mettetevi comode.Caffè,decaffeinato,orzo o cicoria fate voi,biscottino o cioccolatino che accanto alla tazzina  fa tanto relax e cliccate sul link che vi segnalo.
E' uno sketch di Pintus di Colorado Cafè.Il titolo è già tutto un programma:
"Ma quanto sono fuori di testa le donne?"
Ecco,guardatevelo,ridete perchè è fichissimo (lui o il video? ^_^) e poi vi do il temino da svolgere a casa.
Titolo:
ma siamo realmente così noi donne?
Buona visione amiche mie!Cliccate qui sotto !

Ma quanto sono fuori di testa le donne?

Che ne dite?

Oggi il muffin atomico.Atomico perchè viene ciccioso ciccioso e alto alto!E' in sostanza un muffin pizza.L'impasto quello da rosticceria appreso anni fa su cookaround (nanino) e mai più abbandonato e il muffin pizza l'ho preso in giro sul web e non ho salvato la paternità (si faccia avanti chi li ha inventati)
Per il ripieno (che deve essere bello abbondante) sbizzarritevi pure.Io in questo caso ho usato salsa,olive e mozzarella!
Vi aggiungo la fo…

La torta Invisibile e Robin Hood

Il mio nome è Monica.Monica Hood.
Lotto per le ingiustizie.Tolgo ai superbi per dare ai giusti.
Ho la tutina del vecchio Robin.Lui ormai è andato nei mari del Sud con lady Marian e quindi qualcuno doveva pur fare il suo lavoro.E' uno sporco lavoro,ma andava fatto.La tutina,la ricordate?


Ecco,io c'ho messo solo un paio di leggins giallo limone  sotto...sapete com'è...giusto per passare un filino inosservata.
La indosso sempre sotto i vestiti ,come il mio amico Uomo Ragno.Solo che lui come arma c'ha le ragnatele.
Io ,porca paletta,solo la bocca.E quella,non c'è niente da fare,mi si azione inconsapevolmente appena sento odore di ingiustizia.
Forse riesco a tapparmi la bocca solo per cose che riguardano la mia persona.Ma per gli altri.....A partire dal mio entourage (caspita,quanto sono chic ^_^) e finendo col mondo intero ,a me scatta l'embolo.E parto,e combatto battaglie non mie.Battaglie per cui la maggior parte della gente mi dice "ma a te chi minXXia te lo fa f…

Il Pan brioche allo Yogurt e la domenica

Sicuramente ne potrei approfittare per farmi trucco e parrucco.Una sfoltita alle sopracciglia perchè penso che il look lupo mannaro non sia più in voga.E visto che ci sono potrei anche farmi una maschera con tanto di fette di cetriolo sugli occhi.Ops,mi manca...e se mettessi due fette di zuccchine?Le unghie?La french ormai è vintage,come lo smalto che c'era una volta ma che non visse felice e contento,visto lo scontro con candeggine e affini. Magari due addominali ce li potrei anche mettere.Se programmo tre serie da otto da qui a maggio prossimo magari,non dico la tartaruga,ma una sua lontana parente potrebbe anche venirmi a trovare. Potrei nel frattempo anche provare ad entrare nel girone infernale del mio armadio.Accanto al cappotto svetta ancora il bikini,forse c'è qualcosa da rivedere.... E poi tutti quei libri che aspettano solo di essere letti e durante la settimana non ho mai tempo....Potrei anche alternare i generi,la domenica è lunga,oggi abbiamo anche recuperato un'…

La Namandier e il monologo

Potete segnarvelo sul calendario mie care!
Oggi sto zitta,non scrivo nulla di mio!
Vi lascio solo un video con uno dei monologhi che amo di più,una serie di riflessioni che ogni volta mi danno una solenne botta di fiducia e ottimismo,e che mi spingono ad abbandonare la prospettiva solita con la quale guardo me stessa.Ascoltatelo ad occhi chiusi e poi parliamone.A me piace.e a voi? ^_^
                                          (The Big Kahuna)

Per il fine settimana vi lascio un tormentone dei blog Oltralpe.E' una torta che ho trovato nella maggior parte dei siti che parlano di cucina.Semplice,ma senza dubbio per veri amanti delle mandorle.la dose prevista dello zucchero è di 200 grammi.Io ne ho usati 150,ma secondo me altri dieci,venti grammi si potrebbero togliere tranquillamente!!
(ricetta tratta da mathilde en cuisine)

La Namandier

Ingredienti:

200 gr mandorle in polvere
4 uova
100 gr burro fuso freddo
200 gr zucchero (io 150)
qualche goccia di aroma mandorla amara

Accendere il forno e farlo…

Formaggio fresco spalmabile e burro "home made" e i diritti del lettore

Ci sono libri che ho amato da subito,come Siddharta di Herman Hesse.Libri che ho odiato all'istante come la famosa trilogia tanto in voga in questo momento. Libri che mi hanno messo in pace con me stessa,come "Fa bei sogni" di Gramellini,libri che ho faticato a finire come "Guerra e Pace".Libri amati anche controcorrente come "I Promessi Sposi " al liceo.Libri che controcorrente non ho amato come la "Divina Commedia"....
La scelta di un libro è qualcosa di estremamente privato e legato al sentire di ogni singolo.
Mi sono imbattuta nei "Dieci diritti del lettore" scritti da Daniel Pennac.E ve li voglio proporre perchè io li ho adorati all'istante!

1) Diritto di non leggere

2) Diritto di saltare le pagine

3) Diritto di non finire un libro

4) Diritto di rileggere

5) Diritto di leggere qualsiasi cosa

6) Diritto di provare soddisfazione per le sensazioni che proviamo  durante la lettura

7) Diritto di leggere ovunque

8) Diritto di spizzicare,c…

Il plumcake salato e le sfogliatine di mele

Oggi plumcake salato.Ricetta che ruba non più di una quarantina di minuti e risolve una cena!

Plumcake salato alle olive e prosciutto

Ingredienti:

300 gr farina
100 gr prosciutto cotto a dadini
125 gr formaggio a piacere
50 gr parmigiano
100 gr olive 
50 gr pomodori secchi
70 ml olio extravergine
100 ml latte
1/2 bustina lievito per torte salate
sale
pepe
2 uova
prezzemolo

In una ciotola impastate tutti gli ingredienti e sistemateli in una pirofila da plumcake oliata e cosparsa di pangrattato.Cuocete a 180 gradi per una mezz'oretta circa!

e un'altra cosa.visto che accendete il forno e visti i tempi per cui bisogna "economizzare" approfittate e fatevi anche questa ricettina facile ma di una bontà!!!!
Io le ho cotte insieme in forno.Così oltre la cena mi sono preparata anche il dessert!

Sfogliatine alle mele

ingredienti:

1 rotolo di pasta sfoglia
3 mele
3 cucchiai di zucchero
1 bicchiere di acqua

Tagliate le mele a dadini,mettetele a cuocere in una pentola con lo zucchero e l'acqua.E fatel…

La falena e la Torta di Pane

A volte vorrei specchiarmi negli occhi di mia madre e vedere la mia stessa vita.A volte vorrei che le parole di mio padre prendessero un pezzo del mio cuore e lo facessero suo...
Per qualche strano scherzo del destino sono nata in una famiglia che non è la mia.Io non ho il loro odore,il loro sapore,i loro colori.Io sono diversa.Forse lo erano anche i miei fratelli e le mie sorelle.Ma loro hanno indossato i vestiti preparati per loro dai miei genitori.E' stata una loro scelta,forse perchè pensavano di non averne altre.
Io sono una falena e sono innamorata di una stella.
Mia madre dice che una falena può innamorarsi solo di un lume e su quello sbattersi tutte le notti,senza un perchè,senza un sentimento.Perchè così si usa,perchè è così che si fa.
Mio padre dice che sono una cattiva figlia perchè la caccia alla mia stella non mi porterà a nulla.E dice anche che io non sono come loro.Le mie ali non sono bruciacchiate e ustionate come quelle dei miei fratelli. Per questo non valgo nulla.La…

Gattò di patate alla svizzera

Una ricetta italiana,il gattò di patate che subisce la contaminazione di due formaggi svizzeri:lo Sbrinz e la Gruyere!!
Con questa ricetta partecipo al contest del blog "Peperoni e Patate"  in collaborazione con il Consorzio formaggi della Svizzera.
 Il concorso prevede la reinterpretazione di piatti italiani che abbiano tra gli ingredienti il formaggio sostituendo quello che normalmente uso con uno dei due formaggi svizzeri che gentilmente mi sono stati inviati:Sbrinz e Gruyere Dop 
.
Gattò di patate alla svizzera

Ingredienti:

500 gr patate
200 gr mortadella
200 gr gruyere grattuggiata
200 gr sbrinz grattugiato
2 uova
1 pizzico di noce moscata
burro quanto basta

procedimento:

Far bollire le patate,farle raffreddare un pò e schiacciatele con lo schiacciapatate.amalgamate il tutto con le uova,la mortadella tagliata a tocchetti ,la Gruyere e la noce moscata.Inserite il composto in una pirofila imburrata e cosparsa di pangrattato.Cospargete la superficie con tocchetti di burro e lo Sbrinz.Me…

I leccalecca di pasta sfoglia,le tortine semplici e lo sguardo della foodblogger

Per prima cosa vorrei ringraziare per i tanti premi che mi sono arrivati in questi giorni.Sto creando una pagina apposita per raccoglierli e dare loro l'importanza che meritano!!presto tale pagina sarà pronta!
Risponderò a tutti i commenti che gentilmente mi avete lasciato,inserirò le ricette per il contest e verrò a trovarvi mano mano.Perdonatemi,ma è stato un week-end brutto purtroppo! Detto questo:
A.A.A cercasi centro di disintossicazione per foodblogger.
Non esiste?beh,inventatelo.Vi ho dato l'idea per un nuovo business,vi sembra poco?
Devo intervenire.Le mie notti sono popolate da incubi ricorrenti.Sogno matrimoni misti e non approvati tra lasagne e  muffins travestiti da cotoletta alla milanese.Sogno truppe di meringhe armate prepararsi allo scontro definitivo con schiere di mini quiche allo sgombro........Aiuto,sono nel delirio più completo!!
Ma questo non è niente.Niente in confronto a quello che mi succede quando entro in un negozio,in un qualsiasi e sottolineo qualsiasi …

Semplicemente pane al cioccolato e i sogni

Strana epoca la nostra.
Siamo cresciute al ritmo de "i soldi non fanno la felicità"
Ora invece la musica è cambiata.
"I sogni non fanno la felicità"
Martin Luther King diceva "I have a dream".Io ho un sogno.E voi?Voi ce l'avete un sogno?Io ne ho tanti,alcuni realizzati,altri che rotolano per le discese della vita e tento di acchiapparli a più riprese.Ma non demordo.Corro veloce e loro con me.Alcuni sbiadiscono nel tempo,altri subiscono dei ritocchi mano mano che le esigenze ,le idee e le sfumature della vita mi rendono un pò diversa da quella che ero ieri.
Io non voglio rinunciare ai miei sogni.Non fatelo nemmeno voi.Mai.Piccoli o grandi ,sono la vostra "Isola che non c'è",la vostra oasi di buona Vita.Buon fine settimana amiche mie,con tutto il mio cuore!

Ricetta semplice semplice...cosa c'è di più allettante di un semplice pane al cioccolato?Io l'ho riempito con la Nutella,con le tavolette di cioccolato fondente,al latte,insomma ..Sbi…

La Pasta al "Verde" e gli anni Ottanta

Gironzolando sul web mi sono imbattuta in questa pubblicità.Ve la ricordate?
Noi,adolescenti  ci sganasciavamo nel vederla.Siamo nel pieno degli anni Ottanta,quando le spalline stile Star Trek e il cubo di Rubik erano pane quotidiano per tutti noi. Il sogno di noi femminucce era il mitico Dolce Forno e quello dei maschietti il Subbuteo.I figli delle Barbie erano i Fiammiferini e i ghiaccioli costavano 150 Lire. No,non vi preoccupate.Non sto scrivendo un post perchè sono pronta per "villa Arzilla" nè perchè sono convinta che quello che c'era ieri è meglio di quello che abbiamo tra le mani oggi. Lo spot di cui sopra è stata la molla che mi ha portato indietro nei ricordi culinari di quegli anni! Quali erano i piatti tipici di casa vostra? A casa mia c'era il menù per gli ospiti:pennette alla vodka,filetto,zuppa inglese.Certe volte si scivolava verso il cocktail di scampi,altre invece verso i profiteroles.Fino al giorno in cui mio fratello maggiore,ristoratore del quartiere r…

La Brioche al mascarpone

Vi propongo una brioche nata dal caso.Un pò di mascarpone nel frigo che volevo consumare al più presto(l'ultima volta che l'ho tenuto aperto per tre giorni l'ho trovato che passeggiava allegramente insieme ad una sottiletta nel reparto verdure).
vado a curiosare un pò Oltralpe e mi imbatto nell'ennesima brioche.guarda caso servono 100 grammi di mascarpone per l'impasto.va beh proviamo......Ecco,provate anche voi!Una delle migliori che ho mai assaggiato.Semplice...ma di un buono.Eccola,qui,tradotta e provata per voi!!
(ricetta tratta da les Gourmandises de Charmela)

Brioche al mascarpone

Ingredienti:

1 uovo
200 ml latte
500 gr farina
100 gr mascarpone
70 gr zucchero (io 100)
1 bustina lievito di birra
1/2 cucchiaino di sale

Su una superficie d'appoggio mettete la farina a fontana e unite mano mano tutti gli ingredienti impastando con abbastanza energia.mettete l'impasto ottenuto a lievitare per circa un'ora e mezzo.Ovviamente potete semplificare il tutto utilizzando…

La zuppetta di ceci e lo space-clearing

Io sono furba come una faina.Attenta e perspicace.Per questo quando mio marito ,invece di lasciarmi i post-it in giro per casa,ha iniziato a scrivere sui mobili....beh,io ho afferrato al volo il concetto.
Non ho nemmeno chiesto.La mia proverbiale intuizione mi ha messo subito sul sentiero giusto.
Era ora di rimboccarsi le maniche.Lotta alla polvere!
Il primo passo è stata la libreria.E nel tirare giù i miei amati libri,tra un trattato platonico e un libro sulla cucina dell'Angola,è saltato fuori un opuscolo sullo Space-Clearing.
O poffarbacco,ma dove l'ho preso?
O poffarbacco 2,ma soprattutto...cos'è?
Mi immergo nella lettura,dopo aver scritto sul comodino di mio marito:"Work in progress".Perchè la cosa importante mio caro è iniziarli questi lavori.E mica t'ho comunicato la data di consegna come nei cantieri!
Care amiche,mi si è aperto un mondo.Lo Space-clearing è una disciplina di derivazione anglosassone che non so tardurvi in parole povere perchè è un concetto qu…

La torta d'amore di Pelle d'Asino

La promessa fu fatta in punto di morte.Nessuna donna avrebbe preso il suo posto,se non una bella quanto lei e con i suoi capelli d'oro.Il re ,tra le lacrime,acconsentì,pensando che mai avrebbe tenuto fede alla promessa fatta.Il suo cuore era lacerato e la sua anima sepolta con l'adorata moglie.
Ma gli affari del mondo sono vari e transitori e passato il giusto periodo il re cominciò a voler onorare la promessa fatta.Ma nessuna fanciulla corrispondeva a quelle caratteristiche.Nessuna,tranne una.La loro stessa figlia.E la ragion di Stato non conosceva limiti.Il matrimonio andava fatto.
Giammai,rispose la principessa e chiese al padre di cercarle vestiti d'oro,d'argento altrimenti non lo avrebbe sposato.Ma il padre riuscì a soddisfare ogni sua richiesta,irremovibile nel volerla prendere in sposa
Allora la ragazza chiese la pelle magica dell'asino che ogni giorno produceva monete d'oro,pensando che mai gliela avrebbe data.E invece il re gliela donò.
Non rimaneva che un…

Il pollo della mi mà e le tessere di un puzzle

La mi mà era una donna alquanto bizzarra,con una vena di follia che l'accompagnava in tutte le vicende della sua vita.Mezza umbra e mezza toscana con un accento che in base al concetto che voleva esprimere virava da una regione all'altra.Tosta,come solo le contadine sanno essere,scanzonata e sempre di buonumore.Non si faceva mai particolari problemi .Mitica e rimasta negli annali della famiglia la sua espressione al ritorno dalla guerra del mio futuro papà.Ehm..piccolo particolare.Erano promessi sposi.La guerra li aveva divisi...ma mio papà aveva ben pensato di prolungare l'evento bellico fermandosi due anni in più in Sicilia,trattenuto da femminei affari (anche lui non scherzava a follia).Quando nel '47 si decise a tornare trovò mia mamma al lavoro nei campi.Lei lo guardò(era stata informata dei suoi intrallazzi) e gli disse:"Hai finito di fare lo scionchio?" (che tradotto dall'umbro suona più o meno:hai finito di fare l'imbecille?).Cosi semplicement…

Il cupcake intellettual-chic

"Io non ho capito perchè non fai un blog intellettual-chic".
"Ehm.non ho capito"
"Ma un qualcosa radical,minimal ma intellettual"
"Potrei risponderti,se solo capissi quello che mi stai dicendo"
Questo il dialogo surreale di un pò di tempo fa con una mia conoscente,ai tempi della sua lettura di questo post.
Dialogo che mi ha fatto sganasciare dalle risate per molti giorni.
Immaginiamo un pò la vita dell'intellettuale tipo:
Sveglia che parte con le quattro stagioni di Vivaldi.La tizia in questione stiracchiandosi,alza le sue chiappe intellettual-chic dal letto.Rigorosamente futon giapponese.E mica pizza e fichi.
La colazione è rigorosamente bio.Thè verde proveniente dai territori niente di meno che di Gengis Khan  e pane ai semi integrali del Botswana.Solo quelli però eh,mi raccomando,Gli altri le offuscano le regali facoltà intellettive.
I vestiti?Cotone bio. Prima però bisogna  accertarsi che non sia prodotto con lo sfruttamento dei babbuini della Nu…